Russia, il sistema S-500 neutralizza i caccia statunitensi F-22 e F-35

Russia, il sistema S-500 neutralizza i caccia statunitensi F-22 e F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

Nonostante il fatto che la lotta contro i caccia nemici non sia una priorità del sistema antiaereo russo Prometheus S-500, questo complesso è in grado di ridurre seriamente l'efficienza degli aerei da combattimento dei nemici, grazie a un potente insieme di sensori e integrazione con altri complessi di difesa aerea, scrive MilitaryWatch Magazine.

Le caratteristiche del sistema S-500 - ad esempio un raggio di 600 km - non hanno eguali e molte volte superiori alle capacità delle loro controparti più vicine, gli statunitensi THAAD e Patriot, possono colpire a un massimo di 200 km. Ancora più impressionante è la capacità di Prometheus di intercettare bersagli ipersonici che si muovono a una velocità superiore a 10 Mach (le possibilità dell'S-400 sono limitate a 8M).

Infine, la potenza e la varietà dei sensori S-500 consentono al complesso di rilevare bersagli di tipo aeronautico a una distanza di 800 km, puntare missili antiaerei verso satelliti e missili balistici intercontinentali, nonché condividere informazioni su bersagli con altri sistemi antiaerei, come gli S-400, S-350 e Buk.

Tuttavia, il contributo di Prometheus alla lotta contro l'aviazione in prima linea non si limita al targeting. Nella moderna guerra aerea dei paesi occidentali, i radar volanti e gli aerei di rifornimento svolgono un ruolo importante. I primi trovano bersagli per i velivoli stealth F-22 e F-35, i secondi ampliano il proprio raggio d'azione (molto modesto nella versione base). La capacità dell'S-500 di abbattere aerei a distanze fino a 600 chilometri cambia le regole del gioco, poiché allontana l'uso di radar aerei e aerocisterne dal teatro delle operazioni. La capacità del sistema russo di abbattere i satelliti complicherà anche il lavoro dell'aviazione nemica, poiché gli stessi F-22 e F-35 dipendono molto dal loro aiuto. 

L'S-500 è un supplemento all'S-400 e un sostituto del missile antibalistico A-135 e potrebbe rendere obsoleti i sistemi missilistici statunitensi come il Patriot e il THAAD, nonché i caccia stealth di quinta generazione come gli F-35 e F-22.

Il vice primo ministro russo Yuri Borisov ha informato che il nuovo sistema antimissile è già in fase di scheieramento, secondo quanto riferisce l’agenzia Tass. 

“I test sono terminati e le prime forniture di questo complesso sono iniziate. Non è ancora la gamma completa richiesta da Almaz-Antey Concern. Le configurazioni del complesso sono state discusse", ha affermato Borisov.

I cieli russi sono praticamente blindati. La tanto sbandierata superiorità dei cieli vantata dagli Stati Uniti, a questo punto, possiamo dichiararla definitivamente archiviata.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...