Russia, lettera aperta di Zyuganov (KPRF) al presidente Putin

Russia, lettera aperta di Zyuganov (KPRF) al presidente Putin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Caro Vladimir Vladimirovich!

Questo momento inquietante e pericoloso mi obbliga a rivolgermi a te con una lettera aperta.

Sono passati 30 anni dal tradimento senza precedenti che ha portato alla distruzione della nostra grande Patria sovietica. Cominciò con le stupide "riforme" di Gorbaciov e si espresse chiaramente nella resa degli interessi nazionali. Le concessioni a Reagan a Ginevra ea Reykjavik si sono concluse con la resa completa a Bush Sr. a Malta.

Oggi, gli Stati Uniti e i suoi satelliti NATO stanno conducendo una guerra ibrida su larga scala e multiforme contro di noi. E quando conduciamo qualsiasi negoziato, dobbiamo costantemente ricordare che i globalisti non hanno bisogno di noi forti, intelligenti e di successo. Sono sicuro che la Russia avrà abbastanza forza per resistere alle sfide più acute. Ma le minacce principali, come sempre, ci aspettano dall'interno.

Inizia una grande campagna elettorale. Si svolgerà in condizioni di crisi che minacciano la pace civile nel Paese e la sua sovranità. In una situazione del genere, è necessario unire la società e rafforzare globalmente la nostra sicurezza strategica. Le sfide richiedono urgentemente un cambiamento nel vettore socio-economico dello sviluppo. Se invece il primo corso viene imposto ai cittadini attraverso la falsificazione e la manipolazione delle elezioni, attraverso l'intimidazione e la persecuzione degli oppositori, questo non rafforzerà la stabilità dello Stato, ma contribuirà alla sua ulteriore distruzione.

 

Le principali minacce

In un rapporto politico al XVIII Congresso del Partito Comunista della Federazione Russa e nel suo discorso al governo durante il rapporto del Primo Ministro M.V. Mishustin, ho notato in particolare che le minacce sistemiche stanno crescendo nel paese. Innanzitutto la minaccia dell'estinzione e dell'impoverimento di massa, l'ulteriore arretratezza economica e tecnologica, l'esaurimento del potenziale intellettuale. La disuguaglianza sociale sta diventando estremamente pericolosa. Da qui segue la principale minaccia della scissione finale della società in una minoranza benestante e una maggioranza assoluta di ingannati, derubati e insoddisfatti. Questo è irto di sconvolgimenti e tumulti sociali, sui quali gli estremisti dell'"opposizione liberale" sognano di scaldarsi le mani. Sono energicamente sponsorizzati da curatori stranieri e contano su un devastante “Maidan” in stile russo dopo le elezioni.

Al congresso del partito abbiamo ribadito la nostra convinzione che esiste un'alternativa al corso distruttivo degli eventi. Può essere un corso, i cui fondamenti e principi sono stabiliti nel programma delle forze patriottiche popolari, approvato dall'Oryol International Economic Forum. È supportato dai migliori specialisti che lavorano nel campo dell'economia, della scienza, dell'educazione e della medicina.

È stato a Oryol che abbiamo organizzato una conferenza scientifica dedicata alla formazione di un'immagine chiara del futuro. Il "partito al potere" non ha saputo offrirlo alla società nei tre decenni post-sovietici. Al centro di ciò sono la nuova industrializzazione e la pianificazione strategica basata sull'ideologia della democrazia e della giustizia sociale. Senza pianificazione, il paese non può guardare avanti con fiducia e svilupparsi con successo. Inoltre, negli ultimi mesi, il Partito Comunista della Federazione Russa ha organizzato audizioni parlamentari sulle questioni più urgenti e urgenti dell'economia, della demografia, della medicina, dell'educazione e dell'educazione patriottica.

I materiali di tutti questi eventi sono stati inviati a lei personalmente e ad altri rappresentanti della leadership del paese. Devo affermare con rammarico che finora non abbiamo visto una reazione a loro e la disponibilità delle autorità per un dialogo responsabile, per una discussione seria delle nostre proposte. Sono ancora ignorati, così come il nostro programma anticrisi è ignorato dal "partito del potere". L'unico programma fino ad oggi che offre ricette chiare per l'attuazione di una tale politica che corrisponderebbe alle linee guida chiave stabilite nei vostri decreti e messaggi. Vale a dire: crescita economica avanzata, innovazione tecnologica, superamento della povertà di massa e crisi demografica.

Sono convinto che sia urgente un dialogo a tutti gli effetti tra le autorità, l'opposizione patriottica e la società sui temi più importanti. Sulla questione della revisione fondamentale della politica sociale ed economica. Anche le prossime elezioni parlamentari dovrebbero servire a tale dialogo. Spero che contribuirai a questo in ogni modo possibile. Ma per ora, invece di organizzare un tale dialogo, i tuoi assistenti stanno producendo feste false per ingannare ulteriormente i cittadini creduloni.

 

Esci dall'impasse

Il Ministero delle finanze ha recentemente segnalato i tassi di crescita superiori all'economia. Ma qual è la base di tale valutazione, dell'adeguatezza della quale il Ministero delle Finanze sta cercando di convincere la dirigenza del Paese? Affinché il compito di entrare a far parte delle prime cinque principali economie del mondo, fissato nei vostri decreti e messaggi, sia assolto, il PIL della Russia deve crescere ogni anno a un ritmo superiore alla media mondiale. E nell'ultimo anno è diminuito del 3% e nel primo trimestre di quest'anno ha mostrato un calo dell'1% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Nel 1990, la Federazione Russa produceva il 9% del prodotto mondiale, ora è inferiore al 2%. Negli Stati Uniti, la crescita dell'economia negli ultimi 10 anni è del 16%, nell'Unione europea del 31%, nella Cina comunista del 101%. E in Russia, il tasso di crescita medio è stato dello 0,9% all'anno. In un decennio non siamo cresciuti nemmeno del 10%!

Siamo convinti che la causa dei problemi di oggi sia unicamente nell'impatto della pandemia sui processi economici. Ma il Pil della stessa Cina, nonostante la pandemia, ha mostrato un aumento del 18% nel primo trimestre di quest'anno. Perché lì, sotto la guida del Partito Comunista, si sta perseguendo una linea che non è incentrata sugli interessi dell'avido oligarchia, ma sull'autentico sviluppo dell'economia nazionale e della sfera sociale. Si sta perseguendo una politica basata su una reale responsabilità per il futuro del Paese. Una politica in cui il nuovo piano quinquennale vedrà un aumento annuo del sette per cento della spesa in ricerca e tecnologia. E la spesa per ricerca e sviluppo di base crescerà dell'11% all'anno. Questo corso, che oggi serve da esempio convincente al mondo intero, è fornito dall'ideologia e dalla pratica di un socialismo rinnovato. sono sicuro

Bisogna anche pensare a cosa parlano oggi i maggiori esperti stranieri. Ad esempio, il premio Nobel americano Joseph Stiglitz e l'economista più rispettato dell'Europa moderna, Tom Piketty. Insistono sul fatto che il modello capitalista globalista, che è stato stabilito dopo il crollo dell'URSS e del sistema socialista mondiale, ha raggiunto un'impasse insormontabile, è completamente sopravvissuto alla sua utilità e deve essere abbandonato. Ne ha parlato recentemente in un'intervista ai media russi il capo del più grande fondo di investimento americano Bridgewater, il miliardario Ray Dalio, avvertendo che se questo modello di gestione economica e finanziaria non sarà radicalmente rivisto, il pianeta dovrà affrontare una serie di problemi sociali. rivoluzioni. Ciò che le autorità non vogliono realizzare con mezzi pacifici sarà realizzato in modo diverso dai cittadini spinti a un grado estremo di insoddisfazione.

Anche i rappresentanti più ricchi delle élite finanziarie negli Stati Uniti e in Europa non sono più in grado di negarlo. E il blocco liberale del governo, che non ha influito sulla decisione dell'anno scorso di rinnovare il gabinetto dei ministri, continua a imporci l'eredità distruttiva di Eltsin-Gaidar degli anni '90. E si aggrappa alle prescrizioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, che mirano direttamente a tagliare la Russia dallo sviluppo a tutti gli effetti e ad assicurare irrevocabilmente il suo ruolo di appendice di materia prima dell'Occidente.

Se il nostro sistema economico continuerà a essere costruito sotto la dettatura delle corporazioni oligarchiche delle materie prime, tra 5-10 anni alla fine precipiteremo nel baratro, senza possibilità di uscirne. Il rapido sviluppo della tecnologia promette una significativa diminuzione della domanda di prodotti tradizionali di esportazione delle materie prime. Sta diventando ovvio che l'attuale modello russo è assolutamente senza speranza. Basti ricordare che nei primi 4 mesi di quest'anno le esportazioni di petrolio russo all'estero sono diminuite del 20%.

 

Crisi provocata dall'uomo

Per essere competitivi nel mondo moderno e garantire a noi stessi un futuro dignitoso, è necessario rafforzare seriamente il sostegno alla scienza domestica e rafforzare fondamentalmente la sua connessione con la produzione. Dobbiamo passare dalle promesse al business di aumentare la spesa per la scienza e di attuare con urgenza programmi, in cui le scadenze per l'attuazione di sviluppi specifici saranno delineate e rigidamente delineate.

Ma oggi la nostra industria non solo non riceve un adeguato supporto tecnologico. Inoltre non ha il necessario sostegno economico da parte dello Stato, nonostante numerose assicurazioni contrarie. Mentre negli Stati Uniti e nella maggior parte dei Paesi europei le tariffe elettriche per le imprese stanno diminuendo, nel nostro Paese sono aumentate durante la pandemia. Se nel 2019 per l'industria russa l'elettricità era del 5% più costosa rispetto a quella americana, nel 2020 il divario è raddoppiato e ammontava al 10%. In Norvegia, le tariffe durante l'anno "covid" sono diminuite di una volta e mezza. Oggi sono già la metà dei nostri.

Le regioni della Russia, che sono state costrette a riscuotere debiti, sono state alimentate con razioni da fame. Allo stesso tempo, continua una pericolosa scommessa con la vendita delle imprese unitarie municipali e delle imprese unitarie statali. C'è pressione sui leader regionali che non vogliono cederli a mani private. Chi fa questo, secondo me, è un vero provocatore. Infatti, senza centralizzare la gestione del complesso economico nelle città, è impossibile garantire stabilità e ordine.

L'attuale politica tariffaria e la disparità di prezzo hanno colpito particolarmente duramente i contadini russi. La produzione rurale viene soffocata senza pietà. Ciò impedisce la rinascita del villaggio e la fornitura di cibo di qualità al paese. E qui bisogna cominciare a fermare l'aumento dei prezzi di carburanti e lubrificanti. Rovina le imprese agricole e impedisce loro di lavorare normalmente. Il governo è obbligato a costringere i monopolisti delle materie prime a moderare i loro irrefrenabili appetiti e fermare la politica di rapina con il pretesto di un "libero mercato". Ma anche qui non si è ancora visto alcun successo.

Il mondo è attanagliato dalla più grande inflazione alimentare degli ultimi anni. Gli esperti avvertono che ciò potrebbe portare a una crisi alimentare globale e a sconvolgimenti sociali. Per noi è tanto più importante garantire la sicurezza alimentare del nostro Paese. E questo è possibile solo a condizione di un ampio sostegno statale al settore agricolo. Al Consiglio di Stato hai approvato i nostri programmi per lo sviluppo rurale sostenibile e le nuove terre vergini. Tuttavia, i ministri del governo li hanno tagliati fuori e li hanno dissanguati.

Ci viene assicurato che lo Stato cerca di stimolare l'economia. Ma uno dei modi principali per avviare la sua crescita è attraverso una politica di prestito favorevole alle imprese. Di che tipo di supporto possiamo parlare se la Banca Centrale ha rivisto al rialzo il key rate, portandolo al 5%? Dopotutto, l'interesse minimo al quale le imprese possono ricevere prestiti dalle banche dipende proprio dal tasso di riferimento. Stanno cercando di giustificare il suo aumento facendo riferimento all'inflazione. Ma l'inflazione si osserva sia negli Stati Uniti che in Europa. Tuttavia, nei paesi dell'UE il tasso di riferimento è stato a lungo diverse volte inferiore a quello del nostro paese. L'anno scorso, anche gli Stati Uniti lo hanno ridotto a un quarto per cento, includendo questa misura nel programma per stimolare l'economia nazionale. Perché altri paesi stanno rispondendo alla pandemia allentando le loro attività, mentre noi rispondiamo inasprendo le condizioni di credito e tariffarie per loro?

Di quale sostegno all'economia nazionale possiamo seriamente parlare se le imprese popolari che dimostrano i risultati produttivi e sociali più convincenti, come la fattoria statale Lenin vicino a Mosca, la mietitrebbia Zvenigovsky a Mari El, la cooperativa agricola Usolsk, vengono attaccate da criminali predoni che usano la tutela di influenti mecenati? Se i leader di queste imprese, Pavel Grudinin, Ivan Kazankov, Ilya Sumarokov, vengono perseguitati e trascinati in tribunale invece di dare l'esempio ai loro successi per l'intero paese che ha bisogno di una svolta e di una crescita avanzata? Come possiamo aspettarci di migliorare la situazione se i sostenitori della giustizia e della democrazia, i nostri compagni e le persone che la pensano allo stesso modo - Vladimir Bessonov, Andrey Levchenko, Sergei Udaltsov, sono costantemente perseguitati e minacciati di reclusione, Nikolai Platoskin? E se la leadership dello stato non può fermare questa vergogna?

Stanno cercando di rassicurarci sul fatto che stiamo affrontando l'epidemia con maggior successo rispetto alla maggior parte degli altri stati. Ma perché, allora, il tasso di mortalità in termini di un milione di persone e il tasso di mortalità tra i medici nel nostro paese nel 2020 si è rivelato più alto che in qualsiasi paese economicamente sviluppato del mondo? Perché nel primo trimestre di quest'anno i medicinali sono aumentati di prezzo in media del 9% e quelli più richiesti del 20%? La risposta è ovvia: questi sono i risultati della dipendenza sempre più profonda del nostro mercato della droga dalle importazioni, che minaccia direttamente la sicurezza nazionale di fronte alla crescente pressione delle sanzioni sulla Russia. Queste sono le conseguenze della rapina alla sfera medica, che si ripete più e più volte nella formazione del bilancio russo. Spendiamo solo il 3,6% del PIL in sanità, contro il 5% dell'Europa orientale e quasi l'8% dell'Europa occidentale. poco di, nel bilancio 2021-2023, “spremuto” alla Duma di Stato da Russia Unita, è prevista una riduzione del quattro per cento della spesa reale in medicina. Ma nella sua campagna pre-elettorale, il "partito al potere", ovviamente, tacerà su questo. Così come i funzionari che la sostengono e che ancora una volta giocheranno con lei alle elezioni.

Russia Unita tacerà anche sul fatto che per risolvere i problemi più acuti della medicina domestica è necessario aumentare la spesa su di essa ad almeno il 5% del PIL. Ciò significa che nei prossimi tre anni è necessario investire circa 7 trilioni di rubli in medicina. Cioè, aggiungere almeno 520 miliardi all'anno alle spese precedentemente pianificate.

 

E continueremo a estinguerci ea diventare poveri?

Siamo doppiamente obbligati a riconsiderare radicalmente la politica in questo settore dalla catastrofe demografica in atto nel Paese, che consiste in bassi tassi di natalità e alti tassi di mortalità tra i cittadini in età lavorativa. Nei decenni del capitalismo liberale, il numero del solo popolo russo è diminuito di 20 milioni. La popolazione della Russia è diminuita di un altro milione nei due anni precedenti. Anche le previsioni per il futuro sono deludenti. Rosstat promette che nei prossimi 10 anni la popolazione indigena del Paese diminuirà di almeno 530 mila all'anno e diminuirà di oltre 5 milioni.

Siamo di fronte a una sfida demografica, non rispondendo alla quale arriveremo alla conclusione che non ci sarà nessuno a proteggere le nostre gigantesche distese e risorse naturali dalle invasioni esterne. Ma allo stesso tempo, le proposte concrete del Partito Comunista della Federazione Russa sono ancora ostinatamente ignorate, la cui attuazione consente di concentrare settori strategici non nelle mani dell'oligarchia, ma nelle mani dello stato. Per indirizzare le riserve finanziarie allo sviluppo del Paese, per sostenere l'economia e la sfera sociale. E adottare un nuovo budget che soddisfi questo compito, che ammonterà ad almeno 33 trilioni di rubli.

Senza l'attuazione delle misure proposte nel nostro programma, è impossibile contare seriamente sul superamento della povertà. Oggi lo stipendio più diffuso nel Paese è di 27mila rubli al mese. La pensione media è quasi il doppio. I "Figli della guerra", che fin dai primi anni della loro vita hanno preso su di sé il terribile colpo del fascismo, vengono pagati in media 14mila in città e 9mila nelle campagne. E "Russia Unita", che durante il campagna elettorale assicurerà nuovamente agli elettori che si preoccupa del loro benessere, anno dopo anno, sta bloccando la nostra iniziativa per aumentare l'entità di questi pagamenti alla Duma di Stato.

Secondo i dati ufficiali, abbiamo 20 milioni di mendicanti, uno su sette. Ma, secondo i criteri adottati in tutti i paesi economicamente sviluppati, un reddito mensile inferiore a 500 dollari è considerato povertà assoluta. E bisogna ammettere che, di fatto, più della metà dei cittadini ne è in preda.

Allo stesso tempo, i redditi reali continuano a diminuire. Nel primo trimestre di quest'anno, sono stati del 3,6% in meno rispetto all'anno precedente. Il tasso del loro declino è accelerato di quattro volte rispetto alla fine del 2020. E negli ultimi 6 anni, questi redditi sono diminuiti di almeno il 10%. I debiti dei cittadini nei confronti delle banche, in cui si immergono per sopravvivere, hanno superato i 21 trilioni di rubli e sono quasi pari al bilancio federale.

I media statali ci hanno informato con orgoglio che il Fondo pensione ha pagato 10 mila rubli a ciascun veterano entro il Giorno della Vittoria. Ma in Uzbekistan, ad esempio, i veterani hanno ricevuto molte volte di più entro il 9 maggio.

Non possiamo non accogliere con favore la sua istruzione al Gabinetto dei ministri, Vladimir Vladimirovich, di sviluppare approcci per creare un sistema integrale di sostegno per le famiglie con bambini nel paese. In Russia, una famiglia su quattro con bambini è un mendicante anche per gli standard ufficiali. Ma questo grave problema non può essere risolto con l'aiuto dei pagamenti una tantum che hai promesso nel tuo discorso di aprile. E affinché le istruzioni si avverino, devono essere basate su una base economica e finanziaria affidabile. Non avrà da che parte venire senza una revisione fondamentale dell'attuale politica. E, sfortunatamente, contraddice ancora le istruzioni del tuo programma.

Ci è stato detto per molto tempo che uno dei modi più efficaci per sostenere finanziariamente una giovane famiglia è migliorare il meccanismo dei mutui e ridurre sistematicamente i tassi ipotecari. Dopotutto, il problema della casa è anche uno dei principali fattori della crisi demografica. Ma cosa sta realmente accadendo? Sberbank e la maggior parte delle altre banche stanno aumentando il tasso di interesse dei mutui per le abitazioni finite dal 7,3% al 7,7%. E ancora una volta annuiscono all'inflazione. Ma negli Stati Uniti, dove c'è anche l'inflazione, questo tasso è sceso ai minimi storici, al 2,7% annuo. In Germania e nei paesi scandinavi, varia dall'1,5% al ??2%. In Francia - circa il 2%. In Inghilterra - dal 2,5% al ??3%. I rappresentanti del governo hanno ripetutamente affermato che dobbiamo ridurre il tasso dei mutui e avvicinarlo agli indicatori dei paesi più sviluppati. Ma per la comunità bancaria questo non è un decreto. Sembra essere

Puoi dar loro vita se ascolti le nostre esigenze. Chiediamo un raddoppio degli investimenti pubblici nel settore sociale. Insistiamo: il costo della vita va rivisto in funzione dei bisogni reali delle persone e del costo reale della sopravvivenza almeno elementare. Deve essere aumentato ad almeno 25 mila rubli al mese. E sviluppare programmi a sostegno dei poveri, basati su questo indicatore.

 

Solo l'oligarchia ingrassa

Nel frattempo, il corso attuale è ancora basato sull'oligarchia, che non vuole investire nulla nello sviluppo del Paese e della società. Ma gli oligarchi non possono essere la spina dorsale di un governo responsabile, la cui politica soddisfa gli obiettivi dello stato sociale. L'obiettivo dell'oligarchia è il profitto. L'obiettivo del welfare state è il benessere e la sicurezza dei cittadini.

È la Russia che oggi è al primo posto del pianeta in termini di stato totale dei miliardari rispetto al prodotto interno lordo. Secondo questo indicatore, supera due volte gli Stati Uniti e la Francia, la Germania e il Brasile - due volte e mezzo, il Canada - quasi tre volte. Nelle mani dei nostri miliardari, le attività finanziarie sono già concentrate nell'importo di $ 500 miliardi, ovvero 37,5 trilioni di rubli. Questo è più di un budget federale e mezzo annuale e il 35% del PIL russo, che è un record mondiale.

In Canada, i miliardari in dollari possiedono una quantità pari al 12% del PIL del paese, in Brasile questa cifra è del 13%, in Germania - 14%, in Francia - 17%, negli Stati Uniti - 18%. In altre parole, nel nostro Paese nelle mani di un piccolo gruppo di concessionari c'è una quota di asset da due a tre volte maggiore che nei Paesi più sviluppati. Come possiamo aspettarci di raggiungerli nello sviluppo, se stiamo vivendo uno squilibrio finanziario così colossale e un divario sociale così evidente?

Permettetemi di ricordarvi: abbiamo accolto con favore la vostra decisione di destituire il precedente governo, che chiaramente non era in grado di garantire l'attuazione dei compiti nazionali più importanti. Allo stesso tempo, non avevamo dubbi che una tale decisione non poteva che implicare un aggiustamento nel corso socio-economico. Tuttavia, dobbiamo ammettere che queste aspettative non sono ancora confermate. La Russia ha un enorme potenziale per una vera svolta. Ma queste opportunità devono essere usate per il bene del paese e della società, e non indirizzarle a ricostituire il trogolo oligarchico.

Nel nostro PIL, una quota gigantesca di riserve in oro e valuta estera è due volte più significativa rispetto al PIL dei paesi di maggior successo. 40% contro 20%. E questo non è motivo di orgoglio. Perché i paesi leader incanalano una parte molto più ampia delle loro riserve nella medicina, nella sfera sociale e nell'economia nazionale. E nel nostro Paese nascondono i fondi vitali in un salvadanaio, non permettendo loro di lavorare per il benessere dei cittadini, per il superamento della crisi, per un vero sviluppo, cosa semplicemente impossibile con gli attuali investimenti statali in settori chiave. Esortiamo a destinare almeno la metà di queste riserve ai reali bisogni del Paese e della società. Smetti di aspettare che si esauriscano di nuovo nella prossima crisi o vai a compensare le perdite di capitale bancario e delle materie prime!

È qui che risiede la radice di tutti i nostri problemi degli ultimi decenni. E si sentono ancora riferimenti a circostanze “oggettive” ed esclusivamente “esterne”, volte a spiegare l'insostituibilità della politica socio-economica senza uscita. E condito con una demagogia spudorata, con l'aiuto della quale i creatori di questa politica cercano di giustificare il rifiuto della svolta a sinistra attesa da tempo.

 

Stop al sabba russofobo

Proviamo un legittimo orgoglio quando vediamo l'equipaggiamento militare russo passare attraverso la Piazza Rossa durante la parata del Giorno della Vittoria. Ci rallegriamo dei successi del complesso militare-industriale nazionale. Sosteniamo il rafforzamento dello scudo difensivo che protegge la Russia dalle minacce esterne. Ma non possiamo non porci la domanda: nelle mani di chi sarà domani questa potente arma, nelle mani di chi sarà il destino del Paese? Di cosa si riempiranno i cuori e i pensieri delle nuove generazioni se non verrà superata la minaccia interna della russofobia, dell'antisovietismo, del calpestamento della memoria storica? Questa minaccia arriva oggi non solo dai media liberali, ma spesso anche da quelli statali, che traboccano anche di serial ingannevoli e artigianato "documentario". Siede in molti alti uffici ed è stimolata dalle istruzioni da loro.

L'apoteosi vergognosa dell'antisovietismo ufficialmente legalizzato, calpestando la verità storica e la dignità della società, è il drappeggio del Mausoleo del 9 maggio. Dietro il volgare recinto blu, nascondono non solo il nome di Lenin, ma anche la grande verità su quel paese e quel sistema sociale, grazie al quale le nostre straordinarie conquiste del XX secolo sono diventate possibili. E senza la quale il principale non potrebbe aver luogo: la Grande Vittoria, che ha salvato il nostro popolo e il mondo intero dalla schiavitù del fascismo. Questa ipocrita cortina nasconde agli occhi del popolo la necropoli del Cremlino, dove sono sepolti gli eroici comandanti che sconfissero Hitler. Dove riposa Yuri Gagarin, che è diventato per l'intero pianeta un simbolo dell'eccezionale svolta dello stato sovietico nel futuro. Da chi si nascondono? Dai discendenti degli eroi vittoriosi chi dovrebbe esserne orgoglioso? Non potranno salvare la Russia,

Se il governo stesso cancella così cinicamente le sue più grandi pagine dalla storia del Paese, allora vale la pena sorprendersi per la crescente mancanza di spiritualità e ignoranza dei giovani? Il fatto che tra i giovani tra i 19 ei 24 anni, quasi il 60% oggi ammetta di simpatizzare con gli Stati Uniti, che ci ha dichiarato il nemico numero uno. Il fatto che più della metà degli studenti intervistati dichiari di voler lasciare la Russia. Il fatto che, secondo uno studio dei sociologi dell'Università statale di Mosca, le caratteristiche distintive della coscienza della gioventù moderna siano l'ansia, le immagini sfocate di "amici" e "alieni" e la vaghezza delle idee sul posto della Russia nel mondo.

L'intero Paese è sconvolto dal recente delitto di un pazzo che immagina chi lo circonda come "biomassa" e che ha inscenato un sanguinoso massacro in una scuola di Kazan. Vorrei ricordarvi che non c'erano casi del genere in Russia fino al 2013. Ma le origini di tali mostri morali non stanno nell'imperfezione delle leggi che regolano la circolazione delle armi, come cercano di convincerci. Le origini sono nel sistema di educazione ed educazione, sfigurato negli anni post-sovietici. Nella propaganda della violenza, dell'immoralismo, della disponibilità a calpestare i cadaveri degli altri per raggiungere i propri obiettivi egoistici. Questo veleno continua a riempire gli schermi televisivi - nonostante le discussioni sul patriottismo e la spiritualità, che risuonano dalle alte tribune. Le origini sono che l'informazione e il panorama culturale in Russia, famosa per la sua letteratura umanistica, opera e balletto unici, un teatro drammatico unico, musicisti brillanti, coloro che hanno conquistato il mondo con le loro capacità performative sono oggi determinati da coloro che continuano a disonorare e umiliare il nostro Paese. Chi chiede la riabilitazione di Vlasov e Kolchak. Che corrompe i giovani con discutibili concorsi e progetti di spettacolo. Che violenta le menti delle persone con pubblicità volgare e aggressiva.

 

Cresci veri patrioti

In una tale atmosfera, il numero di persone con un'anima storpia e una mente danneggiata non può che moltiplicarsi. In una società, i disturbi morali si diffonderanno inevitabilmente se il governo darà il via libera a coloro che li seminano deliberatamente.

I veri patrioti, le persone pensanti e spiritualmente sane possono essere educate solo in un paese che rispetta il suo passato e non permette a nessuno di calpestarlo nel fango per motivi di congiuntura politica. Altrimenti, puntando allo spirito russo, allo stato sovietico e all'idea immortale di giustizia sociale, non si può che aumentare il numero di persone raggirate che domani si uniranno alle colonne dei navalisti, pronti a demolire tutti i pilastri della nostra statualità .

È del tutto naturale che eccezionali scrittori sovietici - Mikhail Sholokhov, Yuri Bondarev, Valentin Rasputin, Vasily Belov - abbiano parlato con tale persistenza alle autorità e alla società della necessità di rispettare il loro passato e ricordare le lezioni storiche ... scienza e cultura.

Se vogliamo educare una generazione competente, responsabile e patriottica, dobbiamo adottare la legge sull'educazione per tutti, sviluppata da un team dei nostri migliori specialisti sotto la guida del premio Nobel Zhores Alferov. Ma ormai da diversi anni è bloccato da Russia Unita.

I russofobi e gli antisovietici non si stancano mai di denigrare Stalin e la sua epoca. Ma se vogliamo salvare il Paese, rafforzare la coesione della società, allora non dobbiamo denigrare l'esperienza sovietica unica, ma fare affidamento su di essa e adottare tutto il meglio, determinando il nostro futuro. Nell'era stalinista, hanno saputo educare le nuove generazioni su atti eroici e risultati eccezionali durante la storia millenaria del nostro stato.

L'esperienza sovietica ci ricorda che nei primi decenni del dopoguerra la spesa del Tesoro per la scienza è aumentata dal 4,5% all'11% del volume totale del bilancio dell'Unione. E la spesa per l'istruzione ha raggiunto il 17%. In totale, quasi il 40% della spesa del bilancio è stato speso per l'istruzione, l'assistenza sanitaria, la scienza e l'arte. Il sistema di vaccinazione sovietico si è brillantemente giustificato nella lotta contro epidemie molto peggiori dell'attuale coronavirus: peste, colera, vaiolo. Abbiamo sconfitto le malattie più terribili grazie alla formazione di personale altamente qualificato. In termini di numero di scienziati medici, medici, infermieri, l'URSS era tra le principali potenze mondiali. Avevamo non solo alta qualità, ma anche medicine gratuite per tutti. Nel 1900, l'aspettativa di vita in Russia era di 32 anni, negli Stati Uniti - 49 anni. Ma in 50 anni di potere sovietico, non solo abbiamo raggiunto, ma ha anche superato gli Stati Uniti. Nel 1967 l'aspettativa di vita media nel nostro Paese era di 70 anni, mentre negli USA era di 67.

Grazie al talento manageriale di I.V. Stalin in URSS, è stata effettuata una modernizzazione senza precedenti, che ha comportato una crescita economica vertiginosa. Fu allora che furono gettate le basi militari, industriali, scientifiche e culturali della Vittoria. Poi sotto lo slogan "Comunisti, avanti!" e "Per la Patria, per Stalin!" Le orde di Hitler furono sconfitte, pronte a cancellare il nostro paese dalla faccia della terra.

E poi, all'inizio degli anni '50, i primi computer elettronici in Europa furono creati presso l'Istituto di ingegneria elettrica di Kiev e l'Istituto di meccanica di precisione di Mosca sotto la guida del professor Sergei Lebedev, il prototipo dei futuri computer. Questa esperienza unica è stata continuata negli anni '60 e '70 sulla base dell'Istituto di cibernetica di Kiev da uno dei più grandi scienziati sovietici, Viktor Glushkov. Era impegnato non solo nello sviluppo delle ultime tecnologie, ma nell'introduzione della tecnologia informatica e dei metodi economici e matematici nell'economia nazionale del paese. È diventato l'iniziatore e il principale ideologo dello sviluppo e della creazione del Sistema nazionale automatizzato di contabilità ed elaborazione delle informazioni. Era destinato a gestire l'intera economia dell'URSS e ha permesso di migliorare radicalmente il meccanismo di pianificazione strategica. Non è un caso che l'accademico Glushkov sia stato consigliere del Segretario generale delle Nazioni Unite sulla cibernetica. E il comitato editoriale della più grande enciclopedia del mondo Britannica gli ha affidato un articolo su questa scienza. Possiamo vantarci di una cosa del genere oggi?

Nell'era di Stalin, eravamo in prima linea nel progresso, siamo diventati leader nelle scoperte tecnologiche. Sotto Breznev e Kosygin, l'URSS raggiunse rapidamente la parità strategica con gli Stati Uniti. E oggi il Paese non è in grado di produrre il proprio cellulare.

La Russia continua a sprofondare in una pericolosa dipendenza tecnologica dall'Occidente. Nel mondo di oggi, questo significa inevitabilmente dipendenza politica. 30 anni di "riforme" hanno portato a un gigantesco deflusso di specialisti all'estero. Più di 600.000 scienziati di talento hanno lasciato la Russia e lo sviluppo tecnologico dipende direttamente dalla loro ricerca. Ne abbiamo persi 70mila negli ultimi due anni. Non se ne sono andati perché non amano la loro patria. Ma la politica perseguita per tutto questo tempo nega le possibilità di una vita dignitosa in Russia, un'applicazione a tutti gli effetti delle proprie conoscenze e talenti qui. Se questa politica cambia, torneranno sicuramente e lavoreranno per il bene del nostro Paese.

 

Siamo tutti figli della Vittoria

Per 30 anni, i cittadini della Russia post-sovietica hanno ascoltato storie sulle cause "oggettive" della crisi, del ritardo, dei fallimenti economici e del disagio sociale. E il Paese sovietico non solo ha rapidamente recuperato le perdite subite nella guerra più terribile, ma è anche riuscito a trasformarsi nella più grande potenza scientifica e spaziale. Inserisci le prime tre economie. Crea la scienza e l'istruzione più avanzate. Ed è grazie a questo che si è guadagnata il rispetto dell'intero pianeta, che non ha mai dovuto elemosinare. Nei tre decenni trascorsi dall'inizio delle riforme liberali, continuiamo a correre tra le crisi ea stringere la cinghia. E continueremo a farlo finché non impareremo a fare affidamento sull'esperienza millenaria della nostra statualità. Fino ad abbandonare la politica basata su ricette russofobe e antisovietiche.

Mi rivolgo a te, Vladimir Vladimirovich, con un appello a rivedere l'attuale politica. Il ritardo può avere conseguenze fatali per la Russia. Questo è un invito a cambiare il distruttivo corso socio-economico. Sulla bocciatura della cannibale "riforma delle pensioni", che è diventata l'errore principale degli ultimi anni. Sulla prosecuzione della revisione fondamentale della Costituzione, che deve includere gli articoli da noi proposti che garantiscono fermamente il diritto dei cittadini a una vita dignitosa.

Alle recenti udienze alla Duma di Stato in occasione dell'800° anniversario della nascita di Alexander Nevsky, che ha posto le basi dello Stato russo, il Patriarca Kirill ha ricordato nel suo brillante discorso che la giustizia è il fondamento morale su cui si fonda l'esistenza e lo del mondo russo è sempre stato basato.

Ecco perché, nonostante tutti gli sforzi dei russofobi e degli antisovietici, la maggior parte dei nostri cittadini valuta positivamente il ruolo storico di Lenin e Stalin e chiama l'era sovietica l'apice della storia russa. Ecco perché il movimento popolare "Per l'URSS: una patria forte, giusta e socialista!" sta crescendo. I suoi partecipanti e sostenitori considerano di fondamentale importanza rafforzare la nostra indipendenza nazionale, ripristinare l'alleanza con i popoli tradizionalmente amichevoli e rafforzare l'Unione di Bielorussia e Russia.

È estremamente pericoloso mantenere una politica socioeconomica senza speranza. Sì, per il momento è possibile ottenere un risultato auspicabile nelle elezioni e giustificare con ciò l'inamovibilità del corso. Ma il suo destino storico non può essere annullato. È miope ignorare la domanda in costante crescita della società di un ritorno ai principi della giustizia sociale, di una svolta a sinistra nella politica statale.

Se ci consideriamo dei veri patrioti, allora dobbiamo seguire il dovere principale che tale titolo impone: il dovere di ascoltare la voce del popolo. E di fare di tutto per compiere la sua volontà, garantendo la tutela dei legittimi interessi della maggioranza e un degno avvenire della nostra Patria.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage di Francesco Santoianni ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!