Saga del Novichock: adesso fanno capolino anche sesso e marijuana

Saga del Novichock: adesso fanno capolino anche sesso e marijuana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Pure un’orgia viene addebitata a Alexander Petrov e Ruslan Boshirov, i due sfessati turisti russi accusati dalla Gran Bretagna di essere i sicari della saga del Novichock. Lo attesta il Daily Mail, che ci racconta delle proteste degli ospiti del City Stay Hotel di Londra, infuriati per l’odore di marijuana e per i mugolii di un’orgia che i due avrebbero messo su con una squillo. Strano davvero che due agenti segreti, la notte prima di compiere un segretissimo attentato, si espongano, così, al rischio di essere fermati dalla polizia.


Altra “rivelazione” dal sito “Bellingcat” – idolatrato dalla stampa main stream e sul quale già avevamo scritto - dove il bufalaro Eliot Higgins ci delizia con una sua “inchiesta” che grazie ad una fantomatica “fonte russa Fontanka”,  scrutando, non si sa come, nel data base della Polizia russa, avrebbe scoperto che sul “fascicolo del passaporto” rilasciato ad Alexander Petrov sarebbe stato apposto il timbro con la dicitura “Non fornire alcuna informazione” sulla quale è stata aggiunta a mano pure la sigla “S.S.”: “Sovershenno Sekretno”, top secret in russo. Insomma, roba da thriller di quart’ordine.


Altra “rivelazione” dal Mirror: Alexander Petrov e Ruslan Boshirov erano accompagnati da un medico russo, sorprendentemente soprannominato “Dr Novichok”, <<incaricato di intervenire se uno dei due assassini si fosse accidentalmente avvelenato.>> E pensare che un tempo erano gli agenti segreti trovatisi scoperti ad avvelenarsi.


E arriviamo agli “esperti italiani” che, a differenza degli inglesi, non potendo millantare entrature nei segreti dell’”indagine Skripal”, si limitano a fantasticare sull’intervista rilasciata da Petrov e Boshirov a Russia Today. Intervista che, secondo “l’accademico dell’Istituto di relazioni internazionali di Praga e dell’Università Europea, tra i maggiori esperti di servizi di sicurezza russi”, intervistato dal sito PD Lettera 43, <<non può che esser stata organizzata dall’amministrazione presidenziale>> e cioè da Putin. E perché? Ce lo spiega – sullo stesso articolo, un’altra esperta, (“direttrice di R.Politik, istituto di analisi sulla politica russa”) la quale, dopo aver affermato che Petrov e Boshirov “hanno il fisico dell’agente operativo o dello spetsnaz (forze speciali dipendenti dal Gru)”, così continua: <<(Quell’intervista) è parte della guerra dell’informazione. (…) Si rivolge a chi non si fida dei media tradizionali e tende a credere ai complotti. Si è voluto dare ai media “alternativi” che rilanciano la propaganda pro-Putin in Occidente l’immagine di due persone che sono l’opposto di come ci si immagina un agente segreto. Nervose e insicure, sono state presentate indirettamente come gay e come non troppo intelligenti. L’intervista puntava a provocare la domanda: "Ma davvero questi due possono essere delle spie?">>


Si, ma allora perché avevano il “fisico dell’agente operativo o dello spetsnaz”? Solo per spruzzare un po’ di Novichok?


E per oggi, sulla saga del Novichock, è tutto. Continuate a seguirci.

 

Francesco Santoianni

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti