Sangue e petrolio: perché l'Arabia Saudita sarà bombardata fino alla revoca dell'assedio allo Yemen

Sangue e petrolio: perché l'Arabia Saudita sarà bombardata fino alla revoca dell'assedio allo Yemen

Riad ha rifiutato la pressione di Washington per aumentare la produzione di petrolio, quindi ha affrontato attacchi violenti contro le sue strutture petrolifere e le sue infrastrutture dallo Yemen. Sotto la crescente pressione per porre fine al suo assedio allo Yemen, cosa faranno i sauditi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Di Karim Shami -The Cradle

 

Oscurata dagli eventi in Ucraina e altrove, la devastante guerra in Yemen è giunta al suo settimo anno. Tuttavia, gli attacchi sempre più strategici del movimento di resistenza yemenita Ansarallah – combinati con la situazione di stallo nella produzione di petrolio tra Washington e Riad – potrebbero riportare lo Yemen sotto i riflettori ed evidenziare la sua aspra lotta per revocare l'assedio.

 

Yemen assediato

Dall'inizio dell'aggressione guidata da Arabia Saudita/Emirati Arabi Uniti contro lo Yemen nel marzo 2015, è stato imposto un rigoroso assedio terrestre, aereo e marittimo al paese più povero dell'Asia occidentale. Nelle prime fasi della guerra, il movimento di resistenza yemenita Ansarallah non possedeva né l'esperienza militare né l'acume politico per contrastare l'aggressione aerea e perse aree strategiche da Marib a est a Hodeidah a ovest.

Ma nel giro di due anni, Ansarallah è diventato capace non solo di respingere gli attacchi sauditi-emirati, ma anche di contrastare proattivamente i siti catturati dalla coalizione straniera. Dopo aver sviluppato capacità missilistiche e droni più sofisticati, l'esercito allineato ad Ansarallah ha anche iniziato a svolgere operazioni missilistiche e droni attraverso il confine, nel profondo dell'Arabia Saudita.

Forse la più importante di queste operazioni è stata l'operazione "Bilanciamento della deterrenza", rivendicata da Ansarallah nel 2019, che ha lasciato in fiamme i carri armati di Aramco (Arabian-American Oil Company) . L'obiettivo di quell'operazione risiedeva nel suo nome: Balance of Deterrence, che significa scoraggiare l'aggressione e il bombardamento della capitale, Sanaa.

Infatti, dopo l'ottava fase dell'operazione nell'ottobre 2021, il tasso di raid aerei su Sanaa è diminuito da dozzine di sortite al giorno a quasi zero. Tuttavia, la sofferenza del popolo yemenita è continuata perché la tattica più letale impiegata dalla coalizione non erano i raid aerei, ma la sua guerra d'assedio.

 

Colpire i sauditi dove fa male

Fondamentalmente, dall'ultima operazione di Ansarallah di venerdì, che ha preso di mira le strutture energetiche saudite durante l'hosting del prestigioso Gran Premio di Jeddah, il mondo intero potrebbe essere potenzialmente colpito.

La scarsità di derivati ??petroliferi e l'aumento dei loro prezzi a livello globale dovuto al conflitto ucraino, oltre al ritardo nella riconquista della città di Marib , hanno spinto Ansarallah ad adottare una nuova fase di rappresaglia contro l'aggressione saudita, in un'operazione denominata 'Breaking l'assedio'. La prima operazione è iniziata il  10  marzo, la seconda il  20  marzo e la terza il  25  marzo.

Anche se non è la prima volta che le strutture Aramco o le basi militari saudite vengono attaccate, ciò che è straordinario in queste nuove operazioni è che la desalinizzazione e le strutture energetiche sono state prese di mira per la prima volta dall'inizio dell'aggressione. Anche il tempismo è interessante, poiché i mercati globali stanno affrontando prezzi record a causa della guerra in corso in Ucraina tra la Russia e l'Occidente.

Questi impianti di desalinizzazione sono essenziali per l'Arabia Saudita, poiché il 50 per cento dell'acqua potabile del regno proviene da queste strutture e l'Arabia Saudita, in prima linea tra i paesi in questo campo, produce un quarto della salamoia mondiale.

Riconoscendo le potenziali implicazioni rivoluzionarie, Ansarallah rimane fermo nel continuare queste operazioni fino alla revoca dell'assedio dello Yemen.

Il portavoce dell'esercito yemenita, il generale di brigata Yahya Saree  , ha annunciato dopo la seconda operazione che "le forze armate avvertono il nemico criminale delle conseguenze della continuazione del brutale assedio alle sue strutture e ai suoi progetti economici" e ha dichiarato dopo la terza operazione che "porteranno fuori più scioperi qualitativi all'interno della banca degli obiettivi per rompere l'assedio. Le forze armate non esiteranno ad espandere le loro operazioni militari fino a quando l'aggressione non si fermerà e l'assedio non sarà revocato".

Il portavoce del movimento Ansarallah Muhammad Al-Bukhaiti, in un'intervista ad Al-Mayadeen, è d'accordo: "Siamo molto seri riguardo agli attacchi in Arabia Saudita e gli scioperi aumenteranno, in particolare sulle strutture Aramco". Ha avvertito che "ora abbiamo un gran numero di missili e missili da crociera" e ha spiegato i vantaggi tattici di continuare le operazioni ora: "Lo Yemen dovrebbe trarre vantaggio dal conflitto in corso in Ucraina per esercitare ulteriore pressione sui sauditi affinché tolgano l'assedio".

 

È più grande dell'Ucraina

All'indomani degli attacchi del 21 marzo, l'Arabia Saudita ha annunciato  che "non ci assumeremo alcuna responsabilità per la carenza di forniture di petrolio ai mercati globali". A seguito della dichiarazione, i prezzi del mercato petrolifero globale sono  aumentati  dal cinque al sei per cento.

L'Agenzia internazionale per l'energia (AIE) ha avvertito il 24 marzo che "il mondo potrebbe benissimo affrontare il più grande shock petrolifero degli ultimi decenni" a causa del conflitto ucraino.

Inoltre, molti esperti hanno affermato che i prezzi del petrolio potrebbero salire fino a $ 200 al barile e potrebbero spingere l'economia globale in una recessione diffusa.

Ma questi esperti e gli avvertimenti dell'AIE non sono riusciti a calcolare la "guerra dimenticata" allo Yemen e la determinazione di Ansarallah a continuare - persino intensificare - il targeting di siti energetici sauditi sensibili come Aramco, il più grande esportatore di petrolio greggio al mondo con quasi 12 milioni di barili al giorno.

 

L'Arabia Saudita è vulnerabile

A seguito degli attacchi, il 26 marzo il presidente yemenita Mahdi al-Mashat ha annunciato  un cessate il fuoco di tre giorni accompagnato da un'iniziativa di pace. Il capo della delegazione nazionale, Mohammad Abdulsalam, ha riassunto l'iniziativa in un tweet affermando: "Il regime saudita deve dimostrare la sua serietà verso la pace affrontando positivamente l'iniziativa di pace yemenita annunciata dal presidente Al-Mashat, rispondendo a un cessate il fuoco, togliere l'assedio e rimuovere le forze straniere dal nostro Paese... Solo allora arriverà la pace e sarà un buon momento per parlare di soluzioni politiche, lontano da qualsiasi pressione militare o umanitaria".

Sapendo che Ansarallah rifiuterà qualsiasi trattato o negoziato che escluda la revoca dell'assedio, la coalizione a guida saudita ha annunciato il 30 marzo una sospensione temporanea delle operazioni militari, in una manovra che consente ai sauditi di guadagnare tempo, presentandosi come i buoni, e incolpare Ansarallah dell'eventuale fallimento del cessate il fuoco.

La risposta di Ansarallah è arrivata nel giro di poche ore attraverso il loro portavoce, Al-Bukhaiti, che ha twittato : "Se l'assedio non verrà revocato, la dichiarazione di fermare le operazioni militari non avrà senso perché la sofferenza degli yemeniti è una diretta conseguenza dell'assedio , il che significa la continuazione delle nostre operazioni militari”.

Al momento, l'Arabia Saudita è in una posizione difficile, presa tra due fuochi, per così dire. In primo luogo, dagli attacchi di rappresaglia debilitanti di Ansarallah e, ??in secondo luogo, dalle ripercussioni politiche delle sue già tese relazioni con Washington, rovinate dal ripetuto rifiuto di Riyadh delle richieste degli Stati Uniti di aumentare la produzione di petrolio e abbassare i prezzi del petrolio, cosa che non può permettersi di fare.

Pertanto, gli attacchi ad Aramco e alle strutture vitali hanno gravi ripercussioni interne ed esterne.

Internamente, l'Arabia Saudita è stata sollevata dall'aumento dei prezzi del petrolio a livello mondiale e spera di trarre vantaggio dalla riduzione dei debiti accumulati dalla guerra nello Yemen e dall'IVA del 15 percento introdotta nel 2020, una tassa altamente impopolare che ha portato a un aumento della vita prezzi per i cittadini sauditi.

Ma la gravità delle recenti operazioni di Ansarallah contro gli impianti petroliferi sauditi potrebbe invertire qualsiasi guadagno su cui Riyadh contava. Inoltre, la visione del 2030 del principe ereditario Mohammed bin Salman (MbS) di attrarre investimenti esteri e ritrarre l'Arabia Saudita come un paese sicuro e progressista con un futuro promettente andrà letteralmente in fumo.

Esternamente, Riyadh stava affrontando dure richieste dai suoi alleati occidentali anche prima degli attacchi: quella pressione sarà ancora maggiore oggi. Queste richieste ora non si limiteranno solo all'aumento della produzione di petrolio per far fronte al calo delle forniture energetiche russe, ma anche alla revoca dell'assedio paralizzante allo Yemen poiché il mondo non può sopportare ulteriori aumenti dei prezzi del petrolio.

In passato, i sauditi hanno generalmente aumentato la loro produzione di petrolio in conformità con le richieste di Washington. Durante le operazioni militari dell'ex Unione Sovietica in Afghanistan, l'Arabia Saudita ha invaso i mercati energetici, che hanno abbassato il prezzo al barile del petrolio a $ 10 e debilitato l'economia sovietica. Allo stesso modo, i sauditi hanno aumentato la produzione di petrolio durante la Guerra del Golfo nel 1991 e l'invasione illegale dell'Iraq nel 2003 . Le basi aeree saudite e le acque territoriali sono state utilizzate anche per lanciare attacchi che hanno distrutto e fatto a pezzi l'Iraq.

Questa conformità non è arrivata gratuitamente. In cambio, gli Stati Uniti hanno sostenuto e persino protetto il regime saudita per decenni. Nel corso degli anni, gli Stati Uniti hanno venduto ai sauditi vari tipi di armi e tenuto dozzine di manovre navali, terrestri e aeree congiunte con il regno. Inoltre, Washington ha trascurato le misure repressive e criminali praticate da generazioni contro i cittadini sauditi e i suoi interventi militari in Bahrain e Yemen.

La leva di cui hanno goduto a lungo i sauditi potrebbe finire rapidamente se Mohammad bin Salman non obbedisce a Washington durante questo momento critico della situazione di stallo globale di quest'ultimo con la Russia e altre potenze emergenti. Nel tentativo di allentare le tensioni tra i due paesi, il mese scorso, l'amministrazione Biden ha accettato di trasferire i sistemi di difesa missilistica Patriot ai sauditi - dopo averli rimossi solo l'anno scorso - per soddisfare una "richiesta urgente" a causa delle crescenti minacce alla sicurezza poste dalle forze armate yemenite.

 

Perché l'assedio deve finire

Guerra a parte, l'assedio economico era ed è tuttora la minaccia più grave per il popolo yemenita e la pressione per revocarlo sta aumentando, anche perché il conflitto militare in Ucraina sta mettendo in mostra la netta ipocrisia dell'Occidente sulle crisi umanitarie negli stati bianchi e non bianchi.

Il blocco ha impedito a materie prime, medicinali e derivati del petrolio di raggiungere lo Yemen, soffocando i suoi cittadini e contribuendo alla peggiore crisi umanitaria del mondo.

Importare derivati del petrolio nel paese dilaniato dalla guerra non è facile. In precedenza, i giacimenti petroliferi di Marib e Shabwa alimentavano lo Yemen ed esportavano quantità attraverso il porto di Hodeidah e diversi porti della costa meridionale. Tutto ciò si è interrotto bruscamente una volta che la coalizione a guida saudita ha controllato Marib, ricca di energia, ha smesso di pompare petrolio al porto di Hodeidah e ha continuato a pompare petrolio nel sud per beneficiare dei suoi ricavi - circa 20 miliardi di dollari dall'inizio del la crisi.

La coalizione guidata dai sauditi ha lasciato al governo yemenita de facto con sede a Sanaa una sola scelta umiliante per ottenere derivati del petrolio:

In primo luogo, gli yemeniti sono costretti ad acquistare petrolio tramite un intermediario o una società privata dai mercati degli Emirati Arabi Uniti e pagare tramite le banche degli Emirati Arabi Uniti (gli Emirati Arabi Uniti hanno guidato la guerra insieme all'Arabia Saudita e hanno concentrato la loro attenzione sulla colonizzazione del sud dello Yemen).

In secondo luogo, il petrolio viene esaminato da una società francese per determinarne l'origine. In terzo luogo, la nave salpa per Gibuti per essere controllata dal "Meccanismo di verifica e ispezione delle Nazioni Unite per lo Yemen" (UNVIM). E quarto, la nave salpa per Jizan, in Arabia Saudita, per essere esaminata dall'Arabia Saudita.

Queste procedure arbitrarie richiedono mesi e talvolta anni per essere completate. Attualmente, quattro petroliere sono trattenute dagli aggressori della coalizione nel Mar Rosso. Queste petroliere appartengono al governo di Sanaa e al popolo yemenita, ma è loro vietato entrare nel porto di Hodeidah, nonostante la scarsità del fabbisogno energetico vitale e la conseguente catastrofe umanitaria.

È un angolo difficile in cui è stata dipinta Riyadh. Sfidando l'Occidente, l'Arabia Saudita dovrà probabilmente affrontare una sorta di conseguenza punitiva e, mantenendo l'assedio, dovrà affrontare più attacchi alle sue strutture vitali da parte di Ansarallah.

L'assedio potrebbe e dovrebbe essere revocato se MbS vuole rimanere al potere, anche se ciò significa accelerare l'imminente e umiliante sconfitta degli "Houthi", che il principe ereditario credeva, una volta, di poter sconfiggere in pochi giorni .

 

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti