Sanzioni e politiche USA avvicinano Mosca e Pechino: il commercio Russia-Cina è aumentato del 27,7% nel 2023

Sanzioni e politiche USA avvicinano Mosca e Pechino: il commercio Russia-Cina è aumentato del 27,7% nel 2023

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il fatturato commerciale tra Russia e Cina in termini annuali nel periodo gennaio-ottobre è aumentato del 27,7% a 196,48 miliardi di dollari, ha riferito il 7 novembre l'Amministrazione generale delle dogane della Repubblica Popolare Cinese.

Secondo i dati resi noti, negli ultimi 10 mesi le esportazioni dalla Cina verso la Russia sono aumentate del 52,2%, raggiungendo circa 90,08 miliardi di dollari, mentre le importazioni di beni russi sono aumentate del 12,4%, raggiungendo 106,4 miliardi di dollari. Di conseguenza, il surplus della Russia per il periodo in esame è risultato pari a 16,32 miliardi di dollari, un valore inferiore rispetto allo stesso periodo del 2022 di circa il 53%.

Da notare che nel solo mese di ottobre il volume degli scambi commerciali russo-cinesi ha raggiunto i 19,79 miliardi di dollari, con un calo del 9% rispetto a settembre. Le importazioni dalla Russia su base mensile sono diminuite del 3,7% a 11,1 miliardi di dollari, mentre le esportazioni cinesi sono scese del 10,2% a 8,69 miliardi di dollari.

Il petrolio rappresenta la maggior parte del valore di tutti i beni importati dalla Russia alla Cina. Altre importazioni chiave includono rame e minerali di rame, legname, carburante e frutti di mare. A sua volta, la Cina esporta in Russia un'ampia gamma di prodotti, la maggior parte dei quali consiste in smartphone, attrezzature industriali e specializzate, oltre a giocattoli, calzature, veicoli, condizionatori d'aria e computer. Inoltre, la Cina fornisce alla Russia il germanio, un'importante materia prima strategica.

In precedenza, lo scorso 25 di ottobre, il primo ministro russo Mikhail Mishustin aveva dichiarato, in occasione dei colloqui con il premier del Consiglio di Stato cinese Li Qiang, che il fatturato commerciale tra Russia e Cina nei primi nove mesi del 2023 è aumentato del 27%, raggiungendo i 16 trilioni di rubli.

Prima di lui, il presidente Putin, aveva dichiarato che ci sono tutte le ragioni per credere che il fatturato commerciale con la Cina raggiungerà i 200 miliardi di dollari entro la fine del 2023.

A settembre, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha dichiarato che la leadership cinese intende continuare ed espandere la cooperazione con la Russia, rafforzando le posizioni di entrambe le parti sulla scena internazionale.

Il parere degli esperti

Riguardo i crescenti rapporti di cooperazione tra Russia e Cina la rivista russa ‘Argumenty i Fakty’ ha sentito alcuni esperti. 

Per i venditori di apparecchiature provenienti dalla Cina, la Russia è diventata uno dei mercati principali. Nel paese arrivano telefoni cellulari e smartphone, computer e relativi pezzi di ricambio. Anche l'industria pesante è coinvolta negli scambi commericali: alcuni dei bulldozer, degli escavatori e dei camion che lavorano nei cantieri russi sono di provenienza cinese. L'industria automobilistica sta guadagnando slancio: le auto cinesi sono diventate popolari in Russia, per cui Mosca riceve le auto stesse, così come i motori, i pezzi di ricambio e i pneumatici per esse.

Elena Suponina, politologa ed esperta del Consiglio russo per gli Affari Esteri, ha richiamato l'attenzione sulla preponderanza negli scambi reciproci a favore delle materie prime russe. "Si tratta di un problema di vecchia data. La Russia fornisce legname, petrolio, gas, carbone alla Cina e dalla Cina acquista prodotti finiti", sostiene l'esperta.

Secondo gli esperti, il commercio con la Cina non riguarda tanto i vantaggi quanto la mancanza di alternative. Andrei Karneev, direttore della Scuola di Studi Orientali presso la Scuola Superiore di Economia dell'Università Nazionale di Ricerca, ritiene che la cosa principale per la Russia ora sia ottenere i beni di cui ha bisogno. "Siamo in una posizione specifica, quindi dovremmo apprezzare il fatto che la Cina e altri Paesi non hanno appoggiato le sanzioni e sono pronti a sviluppare la cooperazione con noi. È favorevole per noi ottenere ciò di cui la nostra industria e i nostri consumatori hanno bisogno”.

Alexei Zubets, direttore dell'Istituto di ricerca socio-economica dell'Università finanziaria del governo della Federazione Russa, è sicuro che i vantaggi debbano essere considerati per gruppi di beni. L'Europa ora non commercia più con la Russia, quindi la CIna offre un'alternativa. "Oggi abbiamo l'unico mercato rimasto dove possiamo acquistare prodotti strategicamente importanti, quindi non è necessario speculare se sia redditizio o meno. I prodotti che hanno un'alternativa, come i camion, che sono prodotti sia in Russia che in Cina, sono più redditizi da acquistare in Russia", ha spiegato l'esperto.

!Allo stesso tempo, la manodopera a basso costo rimane nel Celeste Impero. Ciò significa che è più redditizio acquistare alcuni beni in Cina". A tal proposito Alexei Zubets ha citato come esempio l'industria leggera. "I cinesi forniscono prodotti più economici e di qualità superiore". L'industria leggera russa è rimasta “ingabbia” per molto tempo e ha perso l'opportunità di produrre molti prodotti a prezzi bassi, mentre la Cina ha colto questa occasione. I cinesi stanno vincendo la competizione grazie all'alta qualità e ai prezzi bassi", ha aggiunto l'esperto.

La Russia e la Cina collaborano da molto tempo e il commercio ha iniziato a crescere molto prima delle sanzioni. Alexei Karneev ha spiegato che i legami hanno cominciato a intensificarsi già nei primi anni 2000. "Tra i Paesi della regione Asia-Pacifico, la Cina è il partner più importante grazie alla sua enorme economia e al fatto che abbiamo le stesse posizioni politiche. La crescita è in atto da decenni e la geopolitica fornisce un ulteriore incentivo. Ma anche senza sanzioni, il commercio crescerebbe".

Alexei Zubets ha richiamato l'attenzione sul fatto che la Cina è oggi l'ultimo grande mercato per la Russia, che non è chiuso a causa delle sanzioni. "La crescita del commercio è assolutamente logica e non alternativa. Per svilupparsi, la Russia deve fare affidamento sulla forza dell'economia cinese. Lo sviluppo del commercio russo-cinese ne consegue".

Secondo l'esperto, non è importante solo la crescita economica. La Russia e la Cina sono mercati convenienti per la vendita dei reciproci prodotti. "La Cina è il più grande produttore mondiale di prodotti ingegneristici, di cui la Russia ha bisogno. La Cina produce anche beni di consumo, di cui abbiamo bisogno anche noi. Ed è anche il più grande consumatore al mondo di petrolio, carburante e risorse energetiche che la Russia vende”. 

Elena Suponina ha ricordato che anche i cinesi non hanno vita facile: le guerre commerciali impediscono loro di vendere beni. "Ci sono guerre commerciali tra USA e Cina, e i cinesi stanno pensando a nuovi mercati. Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni non solo contro la Russia, ma anche contro la Cina. Tutto questo porta a un rafforzamento dei legami tra Mosca e Pechino e a un aumento degli scambi commerciali”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti