/ Sanzioni, insurrezioni e bombardamenti: la Siria, ancora lontana ...

Sanzioni, insurrezioni e bombardamenti: la Siria, ancora lontana dalla pace

 

Il punto sull'attuale situazione in Siria, da parte dell'analista Alberto Rodríguez García, tra le sanzioni che stanno soffocando la popolazione siriana, le truppe USA ancora presenti nonostante gli annunci di Trump, i vari fronti di guerra al terrorismo, oltre quello principale di Idlib, ultimo bastione dei terroristi.

Segue l'analisi di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in tematiche quale il Medio Oriente, il terrorismo e la propaganda.
 
Da quando all'inizio di quest'anno Trump ha annunciato che aveva programmato di lasciare la Siria, i media hanno gradualmente dimenticato il paese. È ancora in guerra? È una domanda che è sempre più ricorrente. Sì, è ancora in guerra e Trump non se n'è ancora andato; ma ha accettato di non essere in grado di rovesciare il governo, quindi non ha più bisogno di campagne per legittimare il suo sostegno ai gruppi armati. La guerra non è così sanguinosa come anni fa, ma ad Idlib più di 1.000 combattenti sono morti da aprile. Il danno è ora causato dalle sanzioni che, senza sollevare appena la polvere, sono imposte dagli Stati Uniti per soffocare la popolazione siriana, secondo la logica di "se non vinciamo, nessuno vince".
 
Né l'insorgenza dello Stato islamico (ISIS) è stata eliminata, né Idlib è l'unico fronte attivo. Il Califfato 'è stato distrutto, e non v'è nessun altro territorio come belligeranti come Idlib, ma la rivolta nel deserto continua al controllo dei costi, ci sono ribelli in Afrin, Aleppo e Hama nord e le Forze democratiche siriane, asserviti agli interessi Stati Uniti e chiunque voglia attaccare il suo naso -dalla Francia a Israele passando per l'Arabia saudita - l'intero nord-est del paese, partecipando alla campagna americana per cercare di ridurre al minimo il petrolio posseduto da Damasco.
 
Turchia e Russia hanno cercato di negoziare la pacificazione del Grande Idlib che rappresenta l'opposizione e il governo, rispettivamente in quattro sessioni di negoziati di Astana e Sochi, ma questi dialoghi hanno sempre dimostrato un fallimento causato da Tahrir al-Sham Hayat (HTS); il gruppo più forte di Idlib, erede di al-Qaeda in Siria. Per i ribelli, la guerra è qualcosa di più di una semplice gara per prendere il potere. Lo portano sul piano spirituale della jihad e dello sforzo. Per i ribelli le uniche opzioni sono vincere o morire. Tale è il grado di fanatismo degli oltre 30.000 combattenti che si stima esistano, che molti di loro appartengono ad altre regioni della Siria perché, nel conciliare questi, hanno preferito continuare a combattere a Idlib.
 
Ci sono ancora alcune persone malriposte che sostengono che Idlib sia un bastione di resistenza e democrazia. Niente è più lontano dalla realtà. Il potere di Idlib risiede nel Consiglio della Shura, dominato dal governo di salvezza, che è il braccio politico di Hayat Tahrir al-Sham (HTS), il braccio di Al Qaeda in Siria, così come lo considera l'ONU.
 
La legge a Idlib è la Shari'a, e il suo governo è dedicato a finanziare la jihad in Siria, ma anche per i terroristi all'estero, come Murabitun, responsabile per l'omicidio di tre spagnoli in Africa nel 2009.
 
L'unica opposizione che si trova è quella di  più piccoli come Hurras ad-Din, così moderati da affermare di essere il nuovo al-Qaeda in Siria e pensano di dover riprendere i loro attacchi contro l'Occidente.
 
E anche se la Turchia, nel negoziare con la Russia per acquistare nuove armi, dice che vuole porre fine alla violenza in Siria, la realtà è che questi gruppi terroristici non potrebbero sopravvivere senza l'aiuto, a volte passivo, altre volte diretto, dei turchi.
 
La Turchia è entrata in Siria dal 2011, creando, supportando e armando i ribelli, jihadisti di tutte le mode e organizzazioni come i White Helmets-Caschi Bianchi.
Ad Ankara sono molto desiderosi di mantenere l'insurrezione jihadista in Siria, quindi sostengono tutte le fazioni che ora si sono unite contro il governo siriano. Nemmeno i paesi che hanno più ferventemente sostenuto i cosiddetti ribelli moderati sono impegnati a mantenerli vivi come lo è la Turchia.
 
Con quasi 4 milioni di rifugiati e una crisi sociale, economica e politica che mette in discussione il potere dell'AKP, la Turchia deve compiere passi verso la stabilità. Ecco perché non vuole che i ribelli si tirino indietro, temendo che l'avanzata dell'esercito siriano provocherà un esodo di radicali e di civili verso il suo confine. Per questo, non esitano a proteggere i jihadisti internazionali, molti dei quali dall'Asia centrale, dai ceceni e dai cinesi. Tale è la sfacciataggine con cui la Turchia sostiene i terroristi che, quando uno dei principali comandanti di HTS, Abu Mujahed al-Shami, ha subito un attacco a Idlib, è stato mandato in Turchia per essere curato in un ospedale.
 
E mentre i civili muoiono, a Idlib, i civili di entrambe le parti stanno morendo, e questa è la responsabilità di coloro che danno fuoco alle ceneri della guerra in modo che la fiamma non si spenga mai. Dei 300 che sono morti nell'ultima ondata di violenze a Idlib, iniziata quasi tre mesi fa, molti provenivano dalla zona dei ribelli, ma altri, i più dimenticati, vivevano nella zona del governo. Spiegare i conflitti basati sulla dialettica dei morti civili sta fondamentalmente spiegando cos'è una guerra e perché sono sempre così terribili.
 
Guerre e sofferenze che non interessano solo i jihadisti - per quelli che fanno il peggio - o i turchi. Mentre la violenza non si ferma a Idlib, dal sud Israele continua i bombardamenti contro il territorio siriano, che già sono centinaia; così costante che non sono più notizie. Bombardamenti in cui anche i civili muoiono. Bambini. Ma questi attacchi e queste morti sono a malapena riportati, perché non possono essere strumentalizzati per la loro agenda dagli apologeti della guerra che cercano di intossicare e mantenere la pressione sulla Siria in modo che il fronte Idlib non si plachi mai.
 
Sulle coste il controllo della situazione non sembra nemmeno totale. Al fatto che alle navi iraniane che trasportano petrolio viene impedito di raggiungere la Siria, si aggiunge il recente sabotaggio che, oltre a provocare un peggioramento della crisi a causa della mancanza di petrolio, minaccia una catastrofe naturale per le cose siriane. Alla fine di giugno, qualcuno ha sabotato i gasdotti sottomarini della raffineria di Baniyas a Tartous, provocando la diffusione dell'olio nel mare e inquinando l'ambiente. Secondo il governo siriano, il sabotaggio è stato professionale, quindi sottolineano il coordinamento con le forze di stato esterne che volevano inviare un messaggio.
 
L'interesse per la Siria è stato perso perché i piani per rovesciare il loro governo sono falliti e ci sono già nuovi scenari in cui operare: Venezuela e Iran. Ma la guerra continua. Solo pochi malintenzionati stanno cercando di vendere l'immagine irreale di Idlib. Solo poche persone mal collocate cercano di farci credere che nel più grande feudo jihadista dall'Afghanistan, rimangono gruppi moderati e democratici. Ora la guerra entra in una nuova fase, dedicata alle sanzioni che impediscono alla Siria di prosperare. Ma in Siria, la guerra continua.
 
Fonte: Rt esp - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa