"Scioccante". Il Sudafrica contro reintegro di Israele come osservatore nell'Unione Africana

"Scioccante". Il Sudafrica contro reintegro di Israele come osservatore nell'Unione Africana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Sudafrica è "scioccato" per la decisione della Commissione dell'Unione africana (UA) di reintegrare il regime israeliano come stato osservatore dell'organizzazione.

"Il governo del Sudafrica è scioccato per la decisione ingiusta e ingiustificata della Commissione dell'UA di concedere lo status di osservatore a Israele", ha denunciato il ministero sudafricano delle relazioni internazionali e della cooperazione in una dichiarazione pubblicata ieri sul suo sito web.

La nota sottolinea che il reinserimento di Israele nell'UA in questo anno è ancora più scioccante, dal momento che, negli ultimi mesi, il popolo oppresso della Palestina ha subito diversi bombardamenti distruttivi. Inoltre, ignorando gli avvertimenti, il regime di Tel Aviv ha costruito insediamenti illegali nei territori palestinesi occupati, si aggiunge.

Respingendo le azioni "ingiuste" di Israele contro palestinesi indifesi, il testo ha evidenziato che il regime di Tel Aviv "offende" il testo della Carta dell'UA.

“Israele continua ad occupare illegalmente la Palestina in totale sfida […] alle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite. È quindi incomprensibile che l'UA scelga di premiare Israele in un momento in cui la sua oppressione sui palestinesi è stata dimostrabilmente più brutale ", si legge nel testo.

Secondo il governo del Sudafrica, finché Israele non sarà disposto a negoziare un piano senza precondizioni, non dovrebbe avere lo status di osservatore nell'UA.

Le critiche del Sudafrica arrivano dopo che il ministero degli Esteri del regime israeliano ha annunciato che il suo ambasciatore ad Addis Abeba, la capitale etiope, ha presentato le credenziali dell'entità come membro osservatore dell'UA.

Nonostante il rifiuto popolare, il regime di Tel Aviv mantiene relazioni con 46 paesi del continente africano e collabora con i loro governi in diverse aree.

L'ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha attribuito particolare importanza alle relazioni con l'Africa e, durante il suo mandato, ha effettuato quattro visite in paesi di questa parte del mondo, ha ripristinato le relazioni con il Ciad e le ha normalizzato con il Sudan.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti