World Affairs/Secondo l'ONU, per il Covid-19, in 4 paesi può aumentare il risch...

Secondo l'ONU, per il Covid-19, in 4 paesi può aumentare il rischio di carestia

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Secondo il Segretario generale delle Nazioni Unite, la Repubblica Democratica del Congo, lo Yemen, la Nigeria nord-orientale e il Sud Sudan sono il teatro delle "più grandi crisi alimentari del mondo"


Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha avvertito che l'impatto della pandemia da coronavirus potrebbe esacerbare il rischio di carestia e insicurezza alimentare in quattro paesi colpiti da conflitti: Repubblica Democratica del Congo, Yemen, Nigeria nord-orientale e Sudan Sur , come spiegato in una nota al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, ottenuta da AP.

Il capo dell'Onu ha commentato che questi quattro paesi sono teatro delle "più grandi crisi alimentari del mondo", secondo il World Report on Food Crises e recenti analisi. Secondo Guterres, l'insicurezza alimentare nei paesi colpiti da conflitti "è ora aggravata da disastri naturali, disordini economici e crisi di salute pubblica, il tutto aggravato dalla pandemia covid-19".

Secondo la nota del segretario generale, l'escalation di violenze nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo riporta ancora una volta "livelli disastrosi di insicurezza alimentare e fame" . In effetti, l'ultima analisi "indica che più di 21 milioni di persone sono in crisi o ai livelli peggiori di insicurezza alimentare acuta".

"La situazione varia da paese a paese, ma i civili vengono uccisi, feriti e sfollati; i mezzi di sostentamento vengono distrutti, la disponibilità e l'accesso al cibo vengono interrotti a causa della crescente fragilità. Allo stesso tempo, le operazioni umanitarie vengono attaccate, rinviate o impedite di fornire assistenza salvavita ", ha aggiunto Guterres.

Da parte sua, il capo degli aiuti delle Nazioni Unite Mark Lowcock ha dichiarato in un'intervista ad AP ritiene che le conseguenze economiche della pandemia , inclusi blocchi, chiusure dei confini e restrizioni alla libera circolazione, hanno avuto "un grande effetto. nella sicurezza alimentare e nella produttività agricola " .

Lowcock ha aggiunto che i paesi si sono impegnati molto in "cose ??buone" come fornire dispositivi di protezione individuale, campagne di informazione pubblica sul virus, campagne igieniche. Tuttavia, se viene fatto "a scapito dei bisogni umanitari di base in questi luoghi gravemente colpiti", ciò non porta a una riduzione della perdita di vite umane, ma a "un aumento della perdita di vite umane", ha sottolineato il capo degli aiuti delle Nazioni unite.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa