Senatori, esponenti politici statunitensi condannano assassinio di Soleimani: "Porterà gli USA verso una guerra disastrosa"

Senatori, esponenti politici statunitensi condannano assassinio di Soleimani: "Porterà gli USA verso una guerra disastrosa"

Dalla speaker della Camera dei rappresentanti Pelosi, ai candidati alle presidenziali Dem Sanders e Biden, unanime condanna per la decisione di Trump di aver ordinato l'uccisione del comandante iraniano Soleimani, così come altri senatori ed esponenti democratici, che temono non solo un aumento delle tensioni in Medio Oriente ma una guerra sanguinosa per gli Stati Uniti.

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


L'uccisione del generale iraniano Soleimani ha scatenato dure critiche nel mondo politico statunitense, di solito, compatto, nonostante i diversi schieramenti, quando si tratta di guerre mosse da Washington. Nel contestare la decisione di Trump, il timore comune è l'aumento delle tensioni in Medio Oriente e una nuova guerra sanguinosa per gli Stati Uniti. Perché l'Iran e le forze della Resistenza sicuramente non staranno a guardare.


 
La speaker della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi ha avvertito che l'uccisione del comandante della forza iraniana dei Quds "rischia di provocare un'ulteriore intensa escalation di violenza. L'America - e il mondo - non possono permettersi di aumentare le tensioni fino al punto di non ritorno".
 
L'attacco è stato effettuato senza "autorizzazione all'uso della forza militare" contro l'Iran e senza la consultazione del Congresso, ha ricordato Pelosi.
"L'intero Congresso deve essere immediatamente informato su questa grave situazione e sui prossimi passi in esame da parte dell'Amministrazione, inclusa la significativa escalation dello spiegamento di ulteriori truppe nella regione", ha ricordato Pelosi.

L'ex vicepresidente e attuale candidato alla presidenza degli Stati Uniti, Joe Biden, ha affermato che con la sua decisione Donald Trump "ha appena lanciato una cartuccia di dinamite in un deposito di polvere da sparo". 
 
Biden ha definito l'attacco un " movimento di ridimensionamento enorme in una regione già pericolosa" che probabilmente provocherà futuri attacchi dall'Iran invece di scoraggiarli.
 
"Potremmo essere sull'orlo di un grande conflitto in tutto il Medio Oriente", ha avvertito il politico, aggiungendo che Trump "deve al popolo americano una spiegazione della strategia e del piano per proteggere le nostre truppe e il personale dell'ambasciata, alla nostra gente e al nostro interesse, sia qui che all'estero ".
 
I senatori e i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, Bernie Sanders e Elizabeth Warren, hanno espresso la stessa preoccupazione attraverso i loro account Twitter. 
"La pericolosa escalation di Trump ci avvicina a un'altra disastrosa guerra in Medio Oriente che potrebbe costare innumerevoli vite e miliardi di dollari in più.
 
Il presidente ha  promesso di porre fine a guerre senza fine , ma questa azione ci mette sulla strada di un'altra", ha affermato Sanders, mentre Warren ha definito l'attacco "spericolato" e ha sottolineato che la priorità degli Stati Uniti. "Deve essere per evitare un'altra guerra costosa."
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti