Si Cobas: Un altro tentato omicidio durante uno sciopero!

Si Cobas: Un altro tentato omicidio durante uno sciopero!

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come ha denunciato il Si Cobas, questa mattina un lavoratore in sciopero alla Miliardo Yida in provincia di Alessandria ha rischiato la vita dopo che un camioncino a folle velocità ha sfondato il picchetto. Il lavoratore per fortuna è salvo ed è rimasto ferito. Ovviamente, se il reato per chi investe un lavoratore in sciopero, vedi caso di Adil, viene derubricato a omicidio stradale, e chi uccide è dopo pochi i giorni ai domiciliari, è chiaro che chi commette queste reati si sente impunito, perché sa di rischiare poco o nulla.

 Comunicato Si Cobas

CAMIONCINO SI LANCIA A FOLLE VELOCITÀ CONTRO I LAVORATORI MILIARDO YIDA IN SCIOPERO: UN OPERAIO, SALVO PER MIRACOLO, RIMANE FERITO. BASTA VIOLENZE CONTRO I LAVORATORI!

 

Stamane, durante uno sciopero alla Miliardo Yida di Pontecurone (AL) si è sfiorato un altro morto a pochi giorni dall'uccisione a Biandrate del nostro compagno Adil.

I fatti: poco dopo l'inizio dello sciopero, sbucando all'improvviso dalla via Emilia col suo camioncino, il responsabile interno della Miliardo Yida si è lanciato a folle velocità contro gli operai e i solidali presenti, consapevole di investirli indiscriminatamente. Ad un operaio, salvo per miracolo essendo riuscito a schivarsi grazie ai compagni, il responsabile col camioncino è passato sulla gamba.

Come lavoratori che lottano per rivendicare miglioramenti delle condizioni di lavoro e vita, non accettiamo che chi sciopera diventi bersaglio e vittima di crumiri scatenati e assassini.

Criminali che - dopo i fatti di Biandrate e anche della Brt di Campogalliano (MO), a causa del clima antioperaio e anti immigrati creato dalla violenza di padroni e Stato - si sentono spinti e legittimati a provare a ferire e addirittura uccidere i lavoratori che scioperano per tutti: rivendicando salario, diritti e dignità contro licenziamenti, precarietà e repressione.

La lotta continua: lo sciopero va avanti per ottenere il reintegro dei lavoratori licenziati, la messa in sicurezza di questa fabbrica pericolosa ed inquinante, il rispetto degli accordi migliorativi del sindacato.

Invitiamo tutti a raggiungere gli operai in lotta dai cancelli della Miliardo Yida di Pontecurone (via Emilia Sud 11) - Alessandria: come lo sciopero, anche la solidarietà è un'arma... usiamola!

Chi tocca uno, tocca tutti!

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia