Sindacati, cittadini e portuali in piazza a Genova contro il Green Pass

Sindacati, cittadini e portuali in piazza a Genova contro il Green Pass

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nonostante il clima pesante, le repressioni e una campagna mediatica martellante, continuano le proteste dei lavoratori contro l’imposizione del lasciapassare sanitario, il cosiddetto green pass, per poter lavorare. 

A Genova il sindacato di base Cub , il “Comitato liberi cittadini Genova”, “Libera piazza Genova” e il “Comitato Portuali CLPG” hanno organizzato, hanno dato vita a un corteo partecipato che ha percorso le strade cittadine.

Una manifestazione per il libero accesso alla scuola, per pensioni più eque, ma anche in solidarietà con i lavoratori portuali di Trieste. 

Lascia interdetti una provocazione che sarebbe stata attuata durante il corteo. Infatti, a Cornigliano, alcuni militanti della Cgil, oltre alla Polizia, hanno hanno sbarrato la strada ai manifestanti. Gli iscritti alla Cgil avrebbero anche inveito contro chi manifestava.

Una provocazione che per fortuna non ha comportato incidenti.

A chi giova questa provocazione? In piazza c'era chi manifestava per il diritto al lavoro. 

La Cgil inizialmente non si era schierata contro l’imposizione del green pass a tutte le categorie di lavoratori?

I lavoratori che già prima della pandemia non vivevano certo economiche condizioni favorevoli ed hanno dovuto fare e faranno presto altri conti con le conseguenze derivanti dalla pandemia da Covid-19. 

Come è possibile che non si voglia capire che un provvedimento come il green pass non ha nulla di sanitario, oltre a ledere un diritto fondamentale come quello al lavoro?

Non vorremmo che da quella mano sulla spalla di Draghi a Landini in seguito l'assalto alla sede della Cgil, questo sindacato, che negli ultimi 30 anni è stato complice delle più grandi nefandezze a danno dei lavoratori, insieme a Cisl e Uil, voglia usare i suoi servizi d'ordine in difesa del governo dei "migliori" per difenderlo dagli attacchi "fascisti".

C'è l'auspicio che la base dei sindacati confederali che merita rispetto, apra gli occhi e induca i suoi vertici a difendere chi lotta per il diritto al lavoro, alla scuola, a condizioni di vita migliori senza farsi strumentalizzare in una finta lotta al fascismo. La lotta è fra sfruttati e sfruttatori. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale