/ Siria, i militari russi hanno bloccato un attacco con 13 droni de...

Siria, i militari russi hanno bloccato un attacco con 13 droni dei jihadisti "prodotti da paesi con alta capacità tecnologica"

 

Nella notte tra il 5 e il 6 gennaio scorso, la difesa aerea russa è riuscita a evitare gli attacchi dei terroristi effettuati con 13 droni contro le basi militari di Hmaymim e Tartus.


La notte tra il 5 e il 6 gennaio i terroristi hanno lanciato attacchi in Siria con 13 velivoli senza pilota contro le basi militari russe di Hmayimim e Tartus, ha riferito il ministero della difesa russo. Tuttavia, l'esercito russo è riuscito a evitare entrambi gli attacchi distruggendo sette droni e prendendo il controllo dei restanti. 
Il ministero russo ha precisato che dieci droni si stavano avvicinando alla base di Jmeimim, mentre altri tre erano diretti alla base navale di Tartus. Questa è la prima volta che i terroristi lanciano un attacco massiccio con i droni, che sono stati lanciati da una distanza di oltre 50 chilometri e hanno utilizzato moderne tecnologie di puntamento tramite GPS.
 



Gli attacchi non hanno causato alcun danno alle installazioni militari russe. Per quanto riguarda la natura dei droni, il ministero della Difesa russo ha dichiarato che, dopo averli analizzati, ha concluso che le sue soluzioni tecniche "potrebbero essere originate solo in un paese con elevate capacità tecnologiche" e che i terroristi possono ora lancia attacchi da oltre 100 metri. Inoltre, un simile attacco potrebbe essere portato avanti in qualsiasi paese del mondo, ha avvertito l'organismo russo.

Da al Masdar News








 
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa