Slai Cobas. Apertura fabbriche FCA: La salute dei lavoratori non è subordinata alle esigenze economiche aziendali

Slai Cobas. Apertura fabbriche FCA: La salute dei lavoratori non è subordinata alle esigenze economiche aziendali

Lunedì prossimo FCA, dopo un accordo con i sindacati, riaprirà i suoi impianti. Ormai il padronato italiano spinge per la riapertura, nonostante nelle aeree più industrializzate del paese i contagi da Covid-19.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Se la parola d'ordine era "Restate a Casa", soprattutto nei giorni di massima diffusione della pandemia da Covid-19, ora il vento sembra che sia cambiato, il padronato italiano spinge per la riapertura delle aziende, nonostante nelle aree più industrializzate del paese i contagi non sono calati moltissimo.


 
Lunedì prossimo la FIAT/FCA ha annunciato la ripresa della produzione del Ducato alla Sevel di Atessa e di alcuni reparti connessi per la componentistica a Melfi, Pomigliano, Termoli e Mirafiori.
 
La famiglia Elkann-Agnelli anche dopo l'annuncio del Lockdown in tutto il paese non aveva fermato la produzione. Lo scorso 10 marzo, nell'impianto di Pomigliano, solo la protesta degli operai culminata con un'ora di sciopero per la mancata attuazione delle misure per evitare il contagio del coronovirus, spinse la dirigenza di FCA a chiudere i battenti.
 
Lunedì si riapre, a quale condizioni, quali saranno le disposizioni sanitarie a tutela dei lavoratori? Se agli operai è garantito il diritto al lavoro, sarà allo stesso modo assicurato il diritto di riunirsi in assemblea in sicurezza?
 
Dalla realtà operaia di Pomigliano D'arco, Vittorio Granillo, coordinatore provinciale dello Slai Cobas, avverte: "La tutela della salute in fabbrica nn può diventare una variabile subordinata all'abuso di risicate e pretese 'esigenze economiche aziendali' suscettibili di esporre ad elevato rischio epidemiologico i lavortaori, le loro famiglie e le collegate realtà sociali territoriali."
 
"Ciò considerato - aggiunge Granillo - inoltre, che il fondamentale e non derogabile diritto alla salute', sia del singolo che collettivamente inteso, è costituzionalmente protetto e normato con rango gerarchico superiore - non negoziabile e/o comprimibile dalla contrattazione sindacale e da illegittime iniziative governative - rispetto alle esigenze e libertà imprenditoriali."
 
 
 
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Spirano forti venti di guerra in Europa di Giuseppe Masala Spirano forti venti di guerra in Europa

Spirano forti venti di guerra in Europa

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti