Sondaggio: Democrazia stile occidentale? No, i russi preferirebbero il ritorno all'URSS

Sondaggio: Democrazia stile occidentale? No, i russi preferirebbero il ritorno all'URSS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Questo sondaggio è stato fatto dall'Agenzia Levada, come avviene da 25 anni. Considerata dall'attuale governo russo "agente straniero". Quella che potrebbe esser euna sopresa, secondo quanto rileva il Professor Robinson, denota un fatto importante. I russi non vogliono un sistema che l'occidente desidera per loro. 

di  Paul Robinson*

Cosa vogliono veramente i russi? Per anni, sondaggisti ed esperti si sono posti questa domanda. Un nuovo sondaggio, che sorprenderà molti, sulla democrazia e la percezione pubblica dell'Occidente mostra quanto sia sfuggente la risposta.

Per anni, il Levada Center di Mosca - ufficialmente etichettato come "agente straniero" dal Ministero della Giustizia russo per i collegamenti con i finanziamenti all'estero - ha cercato di far luce su come pensano e sentono le persone che vivono nel paese. Venerdì scorso ha pubblicato la sua ultima ricerca sulla fiducia nel sistema politico.

Alla domanda: "Quale sistema politico consideri il migliore?" solo il 16% ha risposto: “democrazia secondo il modello dei paesi occidentali”. Una frazione leggermente più alta – il 18% – ha risposto “al sistema attuale (cioè il modello Boris Eltsin/Vladimir Putin degli ultimi tre decenni).” Ma la cifra principale era che un enorme 49% ha affermato di preferire "il sistema sovietico, come abbiamo fatto fino agli anni '90".

Questo è il voto più grande mai registrato a favore di un governo in stile sovietico, rispetto al 37% registrato l'ultima volta che è stata posta questa domanda, nel gennaio 2016.

Il supporto per il sistema attuale è basso, ma alla pari con la media registrata nell'ultimo decennio, e in aumento rispetto alle cifre a una cifra registrate quando Levada ha iniziato a fare questo sondaggio nel 1996.

Al contrario, il numero di coloro che bramano ciò che percepiscono poiché la democrazia in stile occidentale è diminuita in modo significativo nello stesso periodo, passando da circa il 30% alla fine degli anni '90 all'attuale tasso del 18% di oggi.

Una spiegazione per i risultati potrebbe essere che è una questione di età: le persone anziane hanno nostalgia della loro giovinezza perduta sotto il comunismo, mentre le persone più giovani sono più filo-occidentali e favorevoli alla democrazia.

C'è un elemento di verità in questo: secondo il sondaggio Levada, solo il 30% di quelli di età compresa tra i 18 ei 24 anni sostiene un ritorno al dominio sovietico, rispetto al 62% di quelli di età pari o superiore a 55 anni. Al contrario, il 32% dei giovani è favorevole alla democrazia occidentale, mentre solo il 9% dei loro connazionali più anziani lo fa. Se sei un filo-occidentale democraticamente incline, puoi trarre conforto da questo e immaginare che man mano che la generazione più giovane cresce, la Russia nel suo insieme diventerà più simile a te.

Forse no.

Il popolo degli over 55, tanto affezionata all'Unione Sovietica e così negativamente incline all'Occidente, sono le stesse persone che in gioventù, tre decenni fa, erano scese in piazza a protestare contro il Partito Comunista dell'Unione Sovietica e in favore di Boris Eltsin. 

Nel dicembre 1993, hanno approvato con gioia la nuova costituzione di Eltsin, e qualcosa come il 30% di loro ha votato per i partiti liberali di un tipo dell'altro, come Russia Choice di Yegor Gaidar, Yabloko di Grigory Yavlinsky o Russian Democratic Reform Movement di Anatoly Sobchak. Al giorno d'oggi, le varie fazioni liberali russe riescono a malapena a raccogliere il 5% tra di loro.

In altre parole, molti di questi nostalgici sovietici, che odiavano la democrazia all'Occidente erano un tempo ferventi liberali filo-occidentali stessi. Da qualche parte lungo la linea, sono stati rapinati dalla realtà. Non c'è alcuna garanzia che lo stesso non accada ai giovani di oggi, che in ogni caso hanno la stessa probabilità di volere un governo sovietico quanto una democrazia occidentale.

Nel complesso, ciò che sembra accadere è che i russi nel loro insieme non sono particolarmente affezionati al loro sistema di governo, ma a differenza della fine degli anni '80 e dei primi anni '90, quando guardano all'Occidente non vedono qualcosa degno di emulazione. Pertanto, si rivolgono all'unico altro modello che conoscono - l'Unione Sovietica - come una sorta di opzione "nessuna delle precedenti" .

In altre parole, il sentimento antigovernativo in Russia non si traduce in sentimenti filo-occidentali, per non parlare dell'accettazione dei modelli occidentali. Questo può essere visto nelle risposte a un'altra domanda posta da Levada, riguardo al sistema economico preferito dai russi. Solo il 24% ha affermato che il proprio ideale è un'economia "la cui base è la proprietà privata e le relazioni di mercato", mentre il 62% ha affermato di preferire un'economia " fondata sulla pianificazione statale e sulla redistribuzione".

Ancora una volta, questo è molto diverso da 25 anni fa. Nel 1996, il 48% degli intervistati era a favore della proprietà privata e delle relazioni di mercato e solo il 29% era a favore della pianificazione statale e della redistribuzione. Chiaramente, il liberalismo del libero mercato non è così popolare come una volta.

C'è poco che i russi filo-occidentali possano salvare da tutto questo. 

L'unica possibile fonte di conforto sono le risposte a un'altra domanda, che chiedeva ai russi se volevano un paese che fosse soprattutto a) "una grande potenza che gli altri paesi rispettano" o b) "un paese con un tenore di vita elevato ma non è uno dei paesi più forti del mondo”, e il 66% delle persone ha votato per l'opzione b), e solo il 32% per l'opzione a). Ciò rispetto alla situazione immediatamente successiva al riassorbimento della Crimea nel marzo 2014, quando i russi erano equamente divisi, con il 47% a favore di b) e il 48% a favore di a).

Probabilmente, questo suggerisce che il fervore patriottico della cosiddetta "primavera russa" è svanito. Gli oppositori che considerano questo stato d'animo patriottico un sostegno vitale dell'attuale governo potrebbero vederlo come un segnale incoraggiante.

Probabilmente si sbaglierebbero anche loro, però. Il risultato di marzo 2014 è stato un balzo. Altrimenti, durante tutti i 25 anni in cui Levada ha perseguito questa indagine, un tenore di vita dignitoso ha sempre prevalso sullo stato di grande potere. E questo non sorprende. È quello che ti aspetteresti dalla maggior parte delle persone, nella maggior parte dei luoghi, la maggior parte delle volte.

È anche una domanda piuttosto stupida, poiché presenta un grande status di potere e un tenore di vita dignitoso come diametralmente opposti. In realtà, più le persone sono ricche, più potente è anche lo stato e l'opzione Norvegia o Svizzera difficilmente è aperta alla Russia. L'opzione a), in altre parole, non si oppone all'opzione b), ma probabilmente dipende da essa.

Il modo in cui viene posta la domanda forse ci dice di più sul pregiudizio dell'organizzazione che fa le domande che su chi risponde. In altre parole, chiarisce che Levada considera indesiderabile lo status di grande potere. Ma oltre a questo, non è disperatamente significativo.

Si potrebbe dire lo stesso delle altre domande. Ha senso, ad esempio, chiedere ai russi di scegliere tra la democrazia occidentale, il loro attuale sistema di governo o quello che avevano sotto i sovietici? Dato che la terza opzione sembra impossibile, è improbabile che qualcuno la stia seriamente considerando finché qualcuno di Levada non li telefoni e gli chiede se lo vogliono. Il fatto che poi gli diano un pollice in su potrebbe non significare molto altro che non amano le altre scelte.

Se i russi volessero davvero tornare al prima degli anni '80, la prossima settimana si precipiterebbero tutti a votare per il Partito Comunista. Non lo faranno. Bisogna stare attenti, quindi, a prendere questi sondaggi alla lettera.

Tuttavia, ci dicono qualcosa: i russi non sono molto contenti del sistema in cui vivono, ma non vedono come la soluzione sistemi come quelli in vigore negli Stati Uniti e nell'UE. Questa scoperta potrebbe scioccare i politici e i commentatori occidentali che pensano che il futuro – e la volontà della gente – punti solo nella loro direzione preferita.

*Professore all'Università di Ottawa. Esperto di storia russa e sovietica, di storia militare ed etica militare ed è l'autore del blog Irrussianality

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti