Superati i 900 mila morti Covid negli Usa. Ecco cosa scriveva Biden (con 220 mila morti) nel 2020

Superati i 900 mila morti Covid negli Usa. Ecco cosa scriveva Biden (con 220 mila morti) nel 2020

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato blocco deciso da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura. Iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Siamo nell’ottobre 2020, dibattito finale in vista delle elezioni presidenziali statunitensi, quando l’allora candidato democratico Joe Biden affermava solennemente: «Chiunque sia responsabile di così tante morti non dovrebbe rimanere presidente degli Stati Uniti d'America». 

Successivamente Biden ha battuto Trump ed è diventato presidente degli Stati Uniti. 

 

 

Vediamo adesso com’è la situazione Covid negli Stati Uniti. 

Spinto in parte dalla variante Omicron, il bilancio delle vittime statunitensi di Covid-19 ha raggiunto la cifra di 900.000 decessi, meno di due mesi dopo aver sfondato la soglia degli 800.000.

Il bilancio totale dei due anni di pandemia, come affermato dalla Johns Hopkins University, è maggiore della popolazione di Indianapolis, San Francisco o Charlotte, nella Carolina del Nord.

Nonostante la ricchezza e istituzioni mediche di livello mondiale, gli Stati Uniti hanno il bilancio più alto riportato di qualsiasi paese e inoltre si ritiene che il numero reale di vite perse direttamente o indirettamente a causa del coronavirus sia significativamente più alto.

«È un numero astronomicamente alto. Se avessi detto alla maggior parte degli statunitensi due anni fa, mentre questa pandemia si stava diffondendo, che 900.000 cittadini statunitensi sarebbero morti nei prossimi anni, penso che la maggior parte delle persone non ci avrebbe creduto», ha affermato la dott.ssa Ashish K Jha, preside della Brown University School of Salute pubblica.

La dottoressa inoltre aggiunge che la maggior parte dei decessi è avvenuta dopo l’autorizzazione dei vaccini. Jha pensa che gli Stati Uniti potrebbero raggiungere 1 milione di morti entro aprile.

Parafrasando Biden si potrebbe affermare: «Chiunque sia responsabile di così tante morti non dovrebbe rimanere presidente degli Stati Uniti d'America». O forse questo valeva solo quando il presidente era Donald Trump?

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato blocco deciso da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura. Iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe