Supercoppa Italiana in Arabia Saudita: i precedenti

Supercoppa Italiana in Arabia Saudita: i precedenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 La Supercoppa italiana è uno dei trofei più ambiti della stagione. Fino all’anno scorso, si sfidavano la squadra campione in carica in campionato e la vincitrice della Coppa Italia (o la finalista in caso di doppia vittoria della squadra campione della Serie A). Una formula, questa, andata in uso per anni e ben consolidata, ma dalla prossima edizione si cambia tutto.

Dal 21 al 25 gennaio 2024, infatti, si sfideranno le prime due della Serie A scorsa (Napoli e Lazio) e le finaliste della Coppa Italia (Inter e Fiorentina) in quella che sarà la totalmente nuova Supercoppa. L’Inter avrà quindi il compito di difendere il titolo conquistato l’anno scorso, quando a Riyad ha sconfitto i cugini del Milan.

La città araba era già stata sede della sfida di Supercoppa nel 2019, quando ad affrontarsi furono Juventus e Lazio, con i biancocelesti che si imposero per 3-1. In futuro, l’Arabia Saudita continuerà ad ospitare l’evento, con la FIGC che ha siglato un accordo che prevede quattro edizioni del trofeo in sei anni in Arabia Saudita.

Ciò permetterà al calcio italiano di incassare un bel “bottino”, che a sua volta sarà riversato in parte alle squadre partecipanti, con la vincente che si aggiudicherà la cifra più alta (chi vince nel 2024 incasserà 7 milioni di euro).

Questo è del resto l’obiettivo di fondo di ogni accordo per giocare partite all’estero, con l’ulteriore possibilità di crescere l’appeal della Serie A in Arabia e in tutto il Medioriente, sempre più interessato al calcio come dimostrato dai grandi acquisti effettuati ultimamente.

Supercoppa italiana, i precedenti in Arabia Saudita

Già in passato, oltre all’edizione del 2019, erano stati giocati match di Supercoppa in Arabia. Nel 2018, infatti, a Gedda si tenne la sfida tra Juve e Milan, con i bianconeri che uscirono vincitori grazie ad un gol di Cristiano Ronaldo (che peraltro oggi gioca in Arabia all’Al Nassr).

Tra il 2019 e il 2022, invece, la Supercoppa si è giocata in Italia, al Mapei Stadium di Reggio Emilia, dove vinsero ancora una volta i bianconeri (2-0 contro il Napoli), e a San Siro di Milano, dove a vincere la sfida fu l’Inter (2-1 ai supplementari contro la Juve).

Insomma, prima di arrivare a questo punto, con il trofeo che si aggiudicherà in Arabia per quattro volte in sei anni, la Supercoppa non ha mai avuto una “casa” fissa, tant’è che la prima edizione all’estero risale addirittura a 30 anni fa.

Le edizioni all’estero

Era il 1993 quando il calcio italiano si spostò per la prima volta all’estero per giocare la Supercoppa italiana. Allora si affrontarono il Milan di Fabio Capello, campione d’Italia in carica, e il Torino di Emiliano Mondonico, con il match che volse in favore della formazione meneghina grazie al gol decisivo di Marco Simone. Teatro della sfida il Robert F. Kennedy Memorial Stadium di Washington, che pochi anni dopo avrebbe iniziato ad ospitare la squadra di MLS del DC United.

Per riavere una Supercoppa giocata all’estero passano nove anni (2002), quando la sede della sfida fu spostata a Tripoli, in Libia. Ad affrontarsi in quest’occasione furono Juve e Parma, con i torinesi che si imposero con il risultato di 2-1 grazie alla doppietta di Alessandro Del Piero a fronte dell’unico gol di Di Vaio per gli emiliani.

L’anno dopo si tornò a giocare all’estero, ma stavolta negli Stati Uniti, a East Rutherford, nel New Jersey. Lo stadio fu quello della squadra NFL dei New York Giants, il Giants Stadium, che ospitò Juventus e Milan. La partita si risolse ai rigori dopo l’1-1 dei tempi regolamentari e supplementari.

Poi, i riflettori si accesero sulla Cina, che in quegli anni iniziò ad accaparrarsi campioni da tutto il mondo. L’Italia scelse Pechino come sede della 22esima edizione della competizione, con Inter e Lazio che si giocarono il titolo. I nerazzurri avrebbero vinto nei mesi dopo il triplete, ma non riuscirono a vincere anche la Supercoppa italiana perdendo 2-1.

Si tornò a giocare nella capitale cinese anche nel 2011, quando ci fu il primo derby di Milano nella storia della competizione, con il Milan che si impose per 2-1. L’anno dopo fu di nuovo Pechino ad ospitare la Supercoppa e vinse la Juventus sul Napoli con il risultato di 4-2 ai supplementari.

Due anni dopo si ritrovarono bianconeri e azzurri a contendersi il trofeo, giocando a Doha, in Qatar. Ancora una volta la spuntarono i piemontesi con i rigori che decisero la partita dopo l’1-1 dei tempi regolamentari e il 2-2 dei supplementari.

La stagione successiva si giocò ancora fuori dai confini italiani. Si sfidarono in quest’occasione Juve e Lazio e gli zebrati furono ancora una volta i vincitori del trofeo grazie al 2-0 firmato Mandzukic-Dybala.

Nel 2016 si tornò a Doha. Ancora una volta presente la Juve, che sconfisse il Milan ai rigori dopo l’1-1 parziale.

Nel 2018, iniziano le trasferte in Arabia Saudita, con Gedda 2018 e Riyad 2019 e 2022, in attesa del ritorno nel Paese del prossimo gennaio. Il countdown è già partito e nell’apposita sezione delle scommesse sportive con tutte le statistiche e quote del caso su quale squadra è la favorita.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti