/ The Guardian rivela il grande ruolo del Regno Unito nel massacro ...

The Guardian rivela il grande ruolo del Regno Unito nel massacro yemenita

 

Il quotidiano The Guardian rivela come il Regno Unito sostiene l'Arabia Saudita e i suoi partner per continuare la sua aggressione contro lo Yemen, uccidendo migliaia di civili.


In un articolo pubblicato ieri, il quotidiano britannico The Guardian rivela che il Regno Unito non ha solo un ruolo nella fornitura di armi e bombe all'Arabia Saudita ed ai suoi alleati regionali, che li usano per bombardare il popolo yemenita, ma sta fornendo supporto logistico e addestramento militare ai suoi piloti.
 
"Ogni giorno, lo Yemen è colpito dalle bombe britanniche sganciate da aerei inglesi che sono guidati da personale formato dai piloti britannici, e mantenuta e preparata all'interno di Arabia Saudita per migliaia di imprenditori britannici", denuncia il rapporto, scritto da Arron Merat, Esperto in affari mediorientali.
 
A questo proposito, egli osserva che negli ultimi anni diversi esperti e ingegneri della Royal Air Force, RAF, si sono recati in Arabia Saudita per la manutenzione di aeromobili da guerra saudita e per formare militarmente i piloti
 
La gigantesca società di difesa britannica BAE Systems è un'altra entità che svolge un ruolo importante nell'aggressione saudita, attraverso la vendita di attrezzature militari avanzate e armi a Riad.
"I capi sauditi sono assolutamente dipendenti da BAE Systems ... Non potrebbero farlo senza di noi", ha detto John Deverell, un ex ufficiale militare britannico.
 
Lo stesso giornale ha riferito lo scorso aprile che dall'inizio della campagna brutale contro lo Yemen, più di 40 cadetti sauditi sono stati formati nelle università militari nel Regno Unito, in particolare, alla Royal Military Academy Sandhurst, il Collegio Cranwell della RAF e la Royal Naval University di Dartmouth.
 
Fonte: The Guardian
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa