TLC Cina-Ecuador: cresce la cooperazione tra Pechino e l'America Latina

TLC Cina-Ecuador: cresce la cooperazione tra Pechino e l'America Latina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il 1° maggio ha segnato un momento significativo per le relazioni economiche globali, con l'entrata in vigore del tanto atteso Trattato di Libero Commercio (TLC) tra l'Ecuador e la Cina. Firmato durante l'amministrazione neoliberista di Guillermo Lasso nel 2023, questo accordo ha attraversato una serie di fasi di negoziazione e ratifica prima di diventare operativo, suscitando dibattiti accesi e generando aspettative su entrambi i fronti.

Le Fondamenta dell'Accordo

Il TLC è il risultato di sforzi diplomatici e commerciali volti a rafforzare i legami economici tra l'Ecuador e la Cina, una potenza economica in continua crescita che si appresta a diventare la prima potenza globale. Questo accordo non solo offre nuove opportunità di mercato per entrambe le nazioni, ma anche una piattaforma per la cooperazione in settori chiave come l'agricoltura, la tecnologia e l'energia.

L'approvazione del trattato da parte della Assemblea Nazionale ecuadoriana e la ratifica presidenziale hanno segnato il culmine di un lungo processo di negoziazione e consultazione. Tuttavia, le discussioni non si sono limitate alle sfere politiche e governative; anche la società civile, comprese organizzazioni indigene e sindacati, ha partecipato attivamente al dibattito, palesando le proprie preoccupazioni.

Le Opportunità Economiche

Una delle principali promesse del TLC è la liberalizzazione del commercio tra le due nazioni, con la riduzione graduale delle tariffe doganali su una vasta gamma di prodotti. L'Ecuador prevede un aumento significativo delle esportazioni non petrolifere verso la Cina, con stime che indicano un incremento di miliardi di dollari nei prossimi anni. Settori come l'agricoltura, la pesca e l'industria manifatturiera sono pronti a beneficiare della rimozione dei dazi doganali e dell'accesso privilegiato al mercato cinese.

D'altra parte, la Cina avrà accesso a una varietà di prodotti ecuadoriani di alta qualità, dall'agricoltura all'artigianato, potenziando ulteriormente la sua posizione come destinazione preferita per le importazioni latinoamericane.

Le Preoccupazioni e le Critiche

Nonostante le promesse di prosperità economica, il TLC ha suscitato una serie di preoccupazioni tra diversi settori della società ecuadoriana. Organizzazioni indigene, sindacati e gruppi ambientalisti hanno sollevato dubbi sulle implicazioni sociali e ambientali dell'accordo, sottolineando il rischio di sfruttamento delle risorse naturali e la potenziale marginalizzazione delle economie locali.

In particolare, la riduzione delle tariffe su prodotti cinesi – sostiene il sindacatoindigeno CONAIE - potrebbe minacciare la competitività di settori come l'industria manifatturiera e l'agricoltura locale.

Prospettive Future

Tuttavia, nonostante le critiche, molti osservatori rimangono ottimisti sulle prospettive future del TLC e sul suo impatto sulle relazioni economiche globali. L'entrata in vigore dell'accordo segna un nuovo capitolo nella storia delle relazioni tra Ecuador e Cina, aprendo la strada a una maggiore cooperazione e scambio in settori chiave.

La Cina continua a consolidare la sua presenza in America Latina, non solo attraverso accordi commerciali come questo, ma anche attraverso investimenti diretti e iniziative di sviluppo infrastrutturale. Allo stesso tempo, l'Ecuador si posiziona come un partner commerciale strategico per la Cina, sfruttando la sua posizione geografica e le sue risorse naturali per promuovere la crescita economica.

Gli esperti hanno affermato che i legami commerciali più profondi tra Cina e paesi dell’America Latina mostrano una chiara complementarità economica tra le due parti, che ha una forte sostenibilità ed è meno vulnerabile ai fattori economici e geopolitici globali, come riferisce il quotidiano Global Times.

"Negli ultimi anni la Cina ha compiuto progressi significativi nel portare avanti i negoziati di libero scambio in America Latina, compreso con l'Ecuador, e ciò dimostra una chiara complementarità economica tra le due parti", ha affermato Zhou Zhiwei, esperto di studi latinoamericani presso l'Accademia Cinese di Socialità, al quotidiano cinese. 

Le recenti visite di diversi ministri degli Esteri latinoamericani in Cina riflettono anche la tendenza positiva della cooperazione tra Cina e paesi latinoamericani e la complementarità di entrambe le parti nel campo economico che "ha una forte sostenibilità ed è meno vulnerabile ai fattori economici e geopolitici globali", ha osservato Zhou.

La cooperazione procede spedita anche quest’anno, secondo i dati della dogana cinese, il commercio della Cina con i paesi dell’America Latina è cresciuto dell’8,3% su base annua nei primi tre mesi del 2024, raggiungendo i 120,63 miliardi di dollari.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti