/ Un anno dopo l'attentato a Maduro in Venezuela: cosa si sa dei re...

Un anno dopo l'attentato a Maduro in Venezuela: cosa si sa dei responsabili?

 

Per 20 anni, il Venezuela ha denunciato e soffocato una serie di piani di assassinio in cui le il ruolo della Colombia e degli Stati Uniti sono stati ricorrenti come responsabili.


Fonte articolo.
 
Sebbene un anno fa il primo tentativo nel mondo di un omicidio con droni carichi di esplosivi sia avvenuto in Venezuela, questa non è stata l'unica occasione in cui il paese sudamericano ha denunciato piani di assassinio dei suoi presidenti negli ultimi venti anni.
 
Le immagini che hanno registrato una detonazione e la brusca interruzione del discorso del presidente venezuelano Nicolás Maduro, il 4 agosto 2018, durante un atto ufficiale per celebrare l'81° anniversario della Guardia nazionale bolivariana (GNB), celebrato nell'avenida Bolivar, che collega il centro della capitale con la zona orientale.
 
Dopo la confusione e degli uomini che si sparpagliavano in seguito alle esplosioni, sono circolati video nell web che hanno raccolto la confusione dei presenti sul palco presidenziale e la rapida azione dell'anello di sicurezza del presidente. Sette soldati sono rimasti feriti, tre seriamente.
 

 
Lo stesso giorno, lo stesso presidente ha affermato, dal palazzo Miraflores, sede del governo: "Hanno cercato di assassinarmi oggi, e non ho dubbi che tutto indichi l'ultra-destra venezuelana in alleanza con l'ultra-destra colombiana e che il nome di Juan Manuel Santos (allora presidente della Colombia) è dietro questo attacco ". Il paese vicino ha definito le asserzioni del presidente venezuelano "assurde" e "prive di fondamento", anche gli Stati Uniti hanno negato ogni addebito.
 
Quindici giorni dopo, il Dipartimento di Stato americano si pronunciò per condannare la "violenza politica", oltre a chiedere il rispetto dello stato di diritto e la "presunzione di innocenza degli accusati" per aver perpetrato l'attacco.
 
Relazione di fatti
 
Il giorno dopo, il Ministro dell'Interno e della Giustizia, Nestor Luis Reverol, in una conferenza stampa, fece riferimento alle detonazioni e spiegò che erano stati rispettati tutti i protocolli e le misure per rimuovere Maduro dal luogo.
 
Due droni con carica esplosiva furono lanciati dalle strade vicine: uno trasportava un chilogrammo di frammenti di proiettile e un altro aveva la stessa quantità distribuita tra l'esplosivo C-4 e le schegge. Il palcoscenico presidenziale era l'obiettivo di entrambi.
 
Uno dei droni ha sorvolato la piattaforma in cui si trovava il capo dello stato ed è esploso in aria, l'altro si è schiantato contro un edificio vicino. Entrambi hanno perso il controllo perché i loro segnali sono stati inibiti dall'attrezzatura destinata a tale scopo, quando vengono compiuti atti con il presidente.
 
La Colombia entra in scena
 
Henryberth Emmanuel Rivas Vivas, alias "Morfeo", è stato arrestato per la sua presunta responsabilità nell'attacco e ha ammesso di essere stato addestrato per più di sei mesi in una fattoria a Chinácota (a nord di Santander), in Colombia. Nei droni sono state trovate i percorsi dal dispositivo in quel luogo, un mese prima, e la proiezione del volo su Avenida Bolivar.
 
Presumibilmente, l'attacco è stato preparato per un mese prima, il 5 luglio, giorno in cui viene commemorata la firma della legge sull'indipendenza e vengono compiuti atti di Stato, ma hanno avuto difficoltà con l'ingresso degli aeroplani in Venezuela.
 
La testimonianza di Rivas Vivas riporta una presunta collusione di funzionari della migrazione colombiani per il passaggio di droni e altri materiali di guerra utilizzati durante l'operazione.
 
Cinque mesi dopo
 
I segni che puntano verso la Colombia non si sono fermati. Cinque mesi dopo, lo stesso ministro degli Interni e della giustizia riferì dell'arresto di un gruppo di sicari che erano stati assunti dall'opposizione per commettere omicidi selettivi a Caracas.

In quell'azione di polizia fu catturato Miguel Ambrosio Palacio Salcedo, che avrebbe fornito la logistica. Nella sua confessione, ha detto di essere stato contattato da un gruppo di disertori militari venezuelani.
 
Alberto Salazar Cabañas, che era stato addestrato nel paese vicino e, Oswaldo García Palomo, in colonnello in pensione della GNB, fu contattato in Colombia dal gruppo addestrato a Chinácota. Due fucili AKA 103 e due telefoni satellitari erano collocati nella sua auto che sarebbero stati forniti da Antonio Rivero González, un latitante venezuelano.
 
Nella stessa profusa rete di azioni contro il presidente, quasi un anno dopo l'assassinio poi sventato, un altro tentativo di colpo di stato è stato soffocato, secondo Caracas.
 
In questo piano doveva essere presa la base militare La Carlota, situata nella parte orientale di Caracas. Raúl Baduel, detenuto dal 2009, doveva essere proclamato presidente davanti ai canali televisivi statali. Tra le azioni previste, c'erano i bombardamenti del palazzo Miraflores, quartier generale del governo venezuelano, e l'assassinio del presidente Maduro.
 
Nelle precedenti conversazioni, in cui erano infiltrati agenti venezuelani, le azioni destabilizzanti delle persone che lavoravano a fianco del defunto Óscar Pérez, leader di un gruppo qualificato come terrorista, erano collegate a funzionari della Colombia e della CIA.
 
I collegamenti sono stati negati dalle parti coinvolte.
In un lavoro pubblicato dalla CNN, il presunto organizzatore dell'attacco ha affermato che era stato addestrato in una fattoria affittata nella campagna colombiana, come aveva denunciato Caracas. In una testimonianza anonima, l'uomo ha escluso la partecipazione colombiana e ha confermato l'interesse che l'azione avrebbe generato tra i funzionari del governo degli Stati Uniti.
 
Partecipanti
 
In una serie di conferenze stampa, il Ministro della Comunicazione e dell'Informazione, Jorge Rodríguez, ha offerto dettagli, video con testimonianze, registrazioni telefoniche in cui si presumeva che fosse configurata una complessa trama di persone legate a questo fatto.
 
Il ministero venezuelano ha riferito che c'erano 43 persone coinvolte nel fallito attacco. A capo di tutto questo piano, gli organi di intelligence hanno posto il vice dell'opposizione venezuelana Julio Borges, che è stato tradito dal suo partner Juan Requesens, ha anche indicato di partecipare all'attacco, secondo le confessioni dei detenuti.
 
Entrambi hanno fatto irruzione parlamentare e la Corte Suprema di Giustizia ha dichiarato le proprie accuse per "omicidio intenzionale con un certo grado di frustrazione". Requesens è detenuto e Borges è stato accolto come "rifugiato" dall'amministrazione di Iván Duque.
 
Detenuti (dati forniti dal Ministro delle comunicazioni e dal Ministero pubblico):
 
  • Argenis Valera Ruiz, alias "Ingegnere", esperto di gestione dei droni.
 
  • Brayan de Jesús Oropeza Ruíz, pilota di uno dei droni.
 
  • Juan Carlos Monasterios, alias "Bons", ex membro della Guardia nazionale bolivariana.
 
  • Oswaldo Valentín García Palomo, colonnello in pensione del GNB, in contatti in Colombia con il gruppo che si è formato a Chinácota.
 
  • Henryberth Emmanuel Rivas Vivas, alias "Morfeo", addestrato in una fattoria a Chinácota.
 
  • Ángela Lisbeth Expósito Carrillo, appartenente a una ONG animalista, responsabile della logistica e del finanziamento dell'attacco.
 
  • Mayra Isabel Rodríguez Briceño, alias "Maye", finanziatore della rete internazionale spagnola.
  • Ramón Santiago Velazco García, colonnello in pensione, finanziatore.
  • Yanín Fabiana Pernía Coronel, alias "María", autista di uno dei veicoli utilizzati per l'attacco.
  • José Eloy Rivas Díaz, finanziatore.
  • Alberto José Bracho Rozquez, responsabile delle operazioni con i droni.
  • Oswaldo Gabriel García Lunar ha partecipato alle violente proteste tra il 2014 e il 2017.
 
  • Wilder Anderson Vásquez Velásquez, legato ad atti di violenza durante le proteste tra il 2014 e il 2017 e reclutato per addestrarsi a Chinácota.
 
  • Rafael Ernesto Díaz Cuello, tenente colonnello che ha inviato informazioni riservate dalla Colombia al Venezuela.
 
  • Emirlendris Benítez Rosales.
  • Antonio José Labichela Barrios e José Rommel Acevedo Montañez, che avrebbero fatto parte di un piano di cospirazione presentato il 31 gennaio.
 
Presentati in tribunale:
 
 
  • Alfredo José Guerrero, Iván José Arcay, Elisa del Carmen Martínez, Maydelen Arcila Da Silva, Cono Sapiensa García, Luceidy Mina Banguera e Héctor Armando Hernández.
 
Imputati
 
  • Yonathan José Medina, Eugenio Segundo Escalona, ??Thais del Carmen Valera e Andrea Elena Rivas.
 
Interrogate un totale di 18 persone, tra cui:
 
  • Ylbert Alberto Escalona Torrealba, esperto di esplosivi, residente in Colombia.
 
  • Gregorio José Yaguas Monje, specialista esplosivi.
 
  • Alcira Marina Carrizo de Colmenarez, finanziatore.
 
  • Josser López Barrero, negli Stati Uniti, ha dichiarato di aver pagato i veicoli noleggiati utilizzati durante l'attentato.
  • Virginia Da Silva Pio Porta, alias "Genesis", finanziatore, residente negli Stati Uniti
 
  • Elvis Arnaldo Rivas Barrios, residente in Colombia.
  • Osman Alexis Delgado Tabosky, vive a Miami, interrogato come autore intellettuale.
 
  • David Alexander Beaumont Álvarez, responsabile per l'affitto dell'ufficio da cui sono stati lanciati i droni.
  • Rayder Alexander Russo Márquez, protetto in Colombia, pianificatore e presunto finanziatore legato al furto di armi dal forte militare di Paramacay, avvenuto il 6 agosto 2017.
 
  • Darwin Mina Banguera.
  • José Miguel Estrada González.
  • Thais del Carmen Valeria Viloria.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa