"Un caso senza precedenti". Navi da guerra intorno al North Stream 2

"Un caso senza precedenti". Navi da guerra intorno al North Stream 2

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

La società operativa del gasdotto Nord Stream 2 che è in costruzione sul fondo del Mar Baltico ha denunciato che oggi le attività provocatorie di navi da guerra, navi commerciali, aeroplani e un sottomarino mettono a rischio i lavori di installazione e potrebbero "causare un guasto"dell'infrastruttura stessa, come affermato dal direttore della controllata della società Nord Stream, Andrei Minin.

Questo alto dirigente ha evidenziato che un sottomarino non identificato è passato in superficie a meno di un miglio nautico dalla chiatta Fortuna il 28 marzo. 

Questa nave esegue il tracciato del gasdotto e le sue funi di ancoraggio si estendono oltre quella distanza, con la quale il sommergibile "potrebbe rovinare l'intero sistema di posizionamento dell'ancora" e danneggiare il tubo stesso.

Il giorno successivo, una nave da combattimento della Marina Polacca con il numero tattico 823 ha effettuato manovre a fianco della stessa chiatta e, per evitare possibili pericoli, la parte russa ha dovuto inviare la nave di manutenzione Spasatel Kárev, che navigava parallelamente alla nave polacca.

Nelle prime ore del mattino del 30 marzo, due oggetti galleggianti sono stati posizionati vicino alla chiatta: uno si è diretto direttamente verso la Fortuna, senza rispondere alle chiamate sui canali radio, quindi i marinai si sono intromessi, hanno acceso i proiettori di bordo e hanno scoperto che si trattava di un peschereccio, che ha cambiato rotta senza stabilire un contatto radio; da parte sua, l'altra nave è andata via inosservata.

La realizzazione di progetti come il Nord Stream 2 implica l'istituzione di una zona di sicurezza di 1,5 miglia a cui non possono entrare navi non legate ai lavori, ha ricordato Minin.

Primo assalto

Secondo Andrei Minin, l'incidente più pericoloso è avvenuto il 22 febbraio, quando le navi stavano posando il gasdotto a sud dell'isola danese di Bornholm: un peschereccio polacco, in seguito identificato come SWI-106, è entrato nella zona protetta area e non ha risposto alle comunicazioni radio in più occasioni.

Quando il battello di manutenzione Vladislav Strizhov è partito per espellerlo da quella zona, il peschereccio lo ha speronato e, solo più tardi, "ha preso la radio e si è preso la colpa dell'incidente. Quella manovra ha spinto la parte russa a presentare una nota di protesta marittima attraverso il consolato russo in Germania.

Inoltre, l'aereo antisommergibile polacco PZL-Mielec ?-28?1 si avvicina frequentemente e vola basso vicino alla chiatta del progetto e all'ambiente in cui opera, secondo quanto ha riferito Minin durante una conferenza stampa .

Queste "provocazioni" sono state "ovviamente pianificate e preparate, sia con l'utilizzo di pescherecci che con navi da guerra, sottomarini e aeroplani, al fine di minare la realizzazione del progetto", quindi Minin ritiene che sia il "primo caso senza precedenti nella storia "di tale comportamento coordinato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni) di Giuseppe Masala Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti