Una guerra alimentata dai media: l'oblio sul fallimento in Libia

Una guerra alimentata dai media: l'oblio sul fallimento in Libia

"Riconoscere che la Libia è diventata un inferno sulla terra significherebbe, intrinsecamente, ammettere che in Europa i giornali venivano usati per giustificare una guerra criminale, purché fosse utile e si potesse ricavarne un qualche tipo di reddito", ha scritto Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Segue l'analisi di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo.


 

Nel 2011 sembrava che qualsiasi giornalista europeo potesse considerarsi un esperto in Libia per unirsi alla campagna mediatica contro Gheddafi. Eppure quell'uomo era stato utile all'Europa, ha smesso di esserlo, e il suo paese, diventato un potere regionale con rilevanza globale, è diventato una minaccia. I fiumi di inchiostro e ore di reportage che giustificavano la guerra in televisione sono stati seguiti da anni di silenzio.
 
Con più ombre che luci, Gheddafi è riuscito a trasformare una povera piccola nazione di soli 6 milioni di abitanti in una potenza africana. La Libia di Gheddafi ha avuto un enorme problema di corruzione, clientelismo e stagnazione nello sviluppo, ma era un paese in cui si poteva vivere. Nonostante i continui blackout, l'elettricità era gratuita. Nonostante la facilità di frodi, la casa era un diritto protetto. E così con tutto: anche l'educazione e la salute erano gratuite. Certo, il paese aveva problemi che dovevano essere risolti, ma almeno questi servizi esistevano e la popolazione aveva stabilità, sicurezza e possibilità di sviluppo a livello personale. Ora, 9 anni dopo, non rimane praticamente nulla di buono.
 
La situazione per i libici non è affatto migliorata, né ci sono prospettive. Coloro che si erano bevuti la giustificazione "dell'intervento umanitario" - per non parlare di una miserabile guerra - ora rimangono in silenzio e ricordano la Libia solo per parlare, ipocritamente, di "rifugiati" che muoiono nel Mediterraneo o di sottolineare che "la regione 'passa un brutto momento; Per non parlare delle cause della violenza precedentemente giustificate.
 
La Libia è completamente distrutta, non solo per la distruzione materiale della guerra, ma anche per la catastrofica situazione umanitaria e la violenza che non è cessata dal 2011. Con due governi paralleli e senza leader carismatici in grado di conquistare i favori della maggioranza, la stabilità è in discussione per la battaglia per Tripoli, che dura già quattro mesi e punta all'immobilizzazione. Saif al-Islam, figlio di Gheddafi e con una vasta base sociale che lo supporta, deve nascondersi se non vuole "apparire" morto, come altri personaggi con la capacità di diventare un'alternativa agli attuali due leader che vogliono dividere il paese. La figura di Khalifa Haftar è simile a quella di Sisi in Egitto. Nonostante il suo autoritarismo, è riuscito a affermarsi come l'unico leader in grado di riguadagnare stabilità in Libia contro l'islamismo dei suoi nemici. La sua controparte, Sarraj, non è altro che il volto dietro il quale si proteggono gli islamisti a Tripoli. La Libia è solo la torta che i signori della guerra combattono per non dividerla. I civili sono al secondo - e persino al terzo - livello.
 
Secondo il capo della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia, Ghassan Salamé, il paese è diventato un rifugio sicuro per gli estremisti, in particolare indicando l'accordo nazionale del governo di Sarraj, sebbene evidente che anche Khalifa Haftar non lo è un democratico
 
La mancanza di elettricità è diventata un altro problema - come ogni estate -, che si aggiunge alla complicata situazione umanitaria che il paese sta attraversando dall'intervento umanitario del 2011 e alla seconda guerra iniziata nel 2014, il risultato di instabilità e caos post Gheddafi. Le aziende elettriche riescono a malapena a fornire poche ore di luce al giorno alle case e il rumore del generatore è la colonna sonora più comune nelle città. A Tripoli, la compagnia elettrica GECOL denuncia che i combattimenti hanno danneggiato diverse proprietà, con l'impatto che ciò ha sulla vita quotidiana dei civili.
 
Anche le forniture di petrolio stanno subendo tagli a causa del costante sabotaggio. Il principale giacimento petrolifero del paese, quello di Sharara, ha dovuto chiudere mercoledì 31 luglio (seconda volta in meno di due settimane) dopo l'ultimo dei numerosi attacchi che hanno già causato perdite di oltre 1,8 miliardi dollari. Da tenere presente che l'economia libica sopravvive quasi esclusivamente grazie al petrolio.
 
Si è parlato di nuovo della Libia dopo il terribile bombardamento di un centro per migranti a Tripoli, dove sono morte almeno 40 persone. Eppure, si smette di parlare quando le vittime sono libiche. Dal 4 aprile, nella stessa città, Tripoli, sono morte più di 1.000 persone. Di recente, cinque medici sono morti dopo un attacco aereo in un ospedale da campo. È stato il terzo attacco a un centro medico in poche settimane. Tuttavia, essendo le vittime libiche e non migranti, non sembra più essere considerato una novità; sebbene nel paese vi siano quasi mezzo milione di sfollati interni - dimenticati e abbandonati da organizzazioni pseudo umanitarie europee - che non sono in grado di fuggire.
 
Alla fine, riconoscere che la Libia è diventata un inferno sulla terra implicherebbe, intrinsecamente, che in Europa i giornali venivano usati per giustificare una guerra criminale mentre era utile e si poteva ricavarne qualche tipo di entrate. Eppure, la crisi dei migranti è il risultato del fallimento della guerra contro Gheddafi,
 
Non è irragionevole pensare che ci siano persone molto interessate a non parlare della Libia per continuare l'instabilità, soprattutto considerando come le mafie su entrambe le sponde del Mediterraneo traggano profitto dal dramma umanitario dei rifugiati. Se la Libia avesse una certa stabilità, come i suoi vicini tunisini ed egiziani, il Mediterraneo non sarebbe, come ora, una tomba su larga scala.
 
Ma per risolvere il problema del Mediterraneo, bisogna prima ricordarsi della  Libia. Dobbiamo ricordare per le condizioni in cui si trova. Dobbiamo ricordare come sfruttiamo i problemi interni di un paese per combattere la guerra che i media hanno giustificato.
 

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti