"Una seconda guerra di Corea": la Corea del Nord lancia l'allarme sulle provocazioni di USA e Corea del Sud

"Una seconda guerra di Corea": la Corea del Nord lancia l'allarme sulle provocazioni di USA e Corea del Sud

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ormai è ben chiaro che gli Stati Uniti puntano alla destabilizzazione dell’Asia. In questo caso l’obiettivo è la Corea del Nord ma lo sguardo è chiaramente rivolto verso Pechino.

La Corea del Nord, tramite il suo ministero degli Esteri, ha fortemente criticato Washington e Seoul perché realizzano “continuamente varie esercitazioni di guerra”, osservando che queste potrebbero portare a un nuovo conflitto armato nella penisola coreana, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap. 

Durante il suo tour in Asia a maggio, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha concordato con il suo omologo sudcoreano Yoon Suk-yeol di "espandere la portata e l'entità delle esercitazioni e degli addestramenti militari combinati nella penisola coreana".

Le prossime esercitazioni congiunte sono previste per agosto.

"Nessuno può prevedere quando le esercitazioni militari condotte con ogni sorta di pretesto potrebbero degenerare in una seconda guerra di Corea", ha dichiarato il Ministero degli Esteri nordcoreano in una dichiarazione rilasciata martedì, alla vigilia dell'anniversario della fine della guerra di Corea (1950-1953), che cade il 27 luglio.

Pyonyang ha sottolineato che "la situazione della sicurezza nella penisola coreana si sta estremamente deteriorando", facendo riferimento alla recente partecipazione dei caccia da combattimento F-35A dell'aeronautica statunitense alle esercitazioni congiunte con la Corea del Sud e alle manovre su larga scala degli elicotteri d'attacco sudcoreani che sparano munizioni vere.

"Le esercitazioni militari congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud, che vengono condotte con il passare del tempo, emanano un forte odore di polvere da sparo, esacerbando la situazione nella penisola coreana e creando una seria minaccia alla sicurezza dell'Asia nord-orientale", ha dichiarato il ministero. "L'esercitazione militare congiunta tra gli Stati Uniti e i loro sostenitori è uno dei fattori fondamentali che causano il deterioramento della situazione nella penisola coreana", ha aggiunto.

Inoltre, in un articolo apparso sul sito dell’agenzia KCNA, il ministero degli Esteri nordcoreano ha definito gli Stati Uniti "il più grande regno della pirateria al mondo" e uno "Stato criminale informatico senza precedenti".

Pyonyang ha ripetutamente avvertito che gli Stati Uniti e la Corea del Sud dovranno affrontare "conseguenze indesiderate" in caso di ulteriore escalation delle tensioni con la Corea del Nord.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra