Vaccini anti Covid. I profitti mostruosi annunciati da Pfizer che non indignano la politica

Vaccini anti Covid. I profitti mostruosi annunciati da Pfizer che non indignano la politica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il comparto della produzione dei vaccini, fondamentale per la salute della popolazione a livello planetario, resta uno dei più opachi dell’industria farmaceutica. Un vero e proprio coacervo di interessi economico-finanziari poco attinenti alle tematiche della salute. 

Una certa narrazione mediatica tende a occultare o quantomeno cercare di sminuire questo aspetto, particolarmente riguardo i vaccini anti-Covid. Si dice non sia vero che Big Pharma faccia affari d’oro grazie alla vaccinazione di massa. Invece assistiamo proprio a questo, le grandi multinazionali del farmaco ingrassano grazie alla vendita dei sieri necessari a combattere il Covid. Emblematico in tal senso il caso della multinazionale Pfizer. 

Silente - come in tutta la fallimentare gestione della pandemia - è la politica. 

 

Come testimonia questo articolo di The Defender:

 

Le forti vendite del suo vaccino COVID hanno aiutato Pfizer a quasi raddoppiare il fatturato del secondo trimestre e ad aumentare i profitti del 59% – battendo le proiezioni di Wall Street e portando il gigante farmaceutico ad innalzare bruscamente le sue previsioni di vendite e profitti per il 2021.

Durante una videoconferenza sui guadagni del secondo trimestre del 28 luglio Pfizer ha detto agli investitori che l’azienda ha aumentato la sua proiezione sugli introiti, che ora dovrebbe essere nella gamma da 78 a 80 miliardi di dollari.

L’azienda ha previsto che le entrate dal suo vaccino COVID da solo arriveranno a 33,5 miliardi di dollari – un salto del 29% dai 26 miliardi di dollari precedentemente stimati. Pfizer ha registrato 7,8 miliardi di dollari di vendite del vaccino COVID nel secondo trimestre, portando il totale delle vendite mondiali effettuate finora durante quest’anno a 11,3 miliardi di dollari.

La nuova previsione di profitto non include un contratto stipulato la settimana scorsa con l’amministrazione Biden per fornire ulteriori 200 milioni di dosi agli Stati Uniti.

Un funzionario della Casa Bianca la settimana scorsa ha detto alla CNN:

“Il governo federale sta esercitando un’opzione nel suo contratto con Pfizer per acquistare 200 milioni di dosi del vaccino Pfizer da consegnare tra l’autunno 2021 e la primavera 2022 in previsione di future esigenze di vaccinazione, compresi i vaccini per i bambini sotto i 12 anni e i possibili richiami se gli studi ne dimostrano la necessità”.

Il gigante farmaceutico prevede di consegnare 2,1 miliardi di dosi quest’anno e ha la capacità di produrre 4 miliardi di dosi il prossimo anno, ha detto il CEO Albert Bourla durante la videoconferenza.

Gli Stati Uniti hanno precedentemente pagato 19,50 dollari per dose per il vaccino Pfizer-BioNTech, ma Pfizer ha recentemente aumentato il prezzo per il governo a 24 dollari per dose.

Un portavoce della Pfizer ha detto la settimana scorsa in una dichiarazione:

“Il prezzo di questo ordine tiene conto dell’investimento aggiuntivo necessario per produrre, confezionare e consegnare le nuove formulazioni del vaccino, così come dell’aumento del costo associato alla consegna del vaccino in confezioni più piccole per facilitare la consegna agli uffici dei singoli fornitori, compresi i pediatri.”

Pfizer ha basato il prezzo originale del vaccino sulla necessità dei governi di assicurare le dosi e mettere il virus sotto controllo, ma il CFO Frank D’Amelio ha detto a marzo che l’azienda pianificava di “ottenere di più sul prezzo” una volta che la pandemia fosse diminuita e la società non fosse più in un “ambiente di prezzi da pandemia”.

Pfizer assicura agli investitori che i richiami sono in arrivo

Il vaccino COVID Pfizer è attualmente avviato a diventare il farmaco più venduto al mondo di tutti i tempi, ha riferito Axios – e ora Pfizer sta spingendo le persone a fare un terzo “richiamo” del suo vaccino per combattere la variante Delta.

Pfizer ha detto mercoledì di essere attualmente in trattative con le agenzie di regolamentazione per quanto riguarda una potenziale terza dose di richiamo del vaccino attuale e, in caso di risultati positivi, anticipa una presentazione di autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) già nel mese di agosto.

Bourla ha detto che l’azienda ritiene “probabile che una terza dose di richiamo possa essere necessaria entro 6-12 mesi dalla vaccinazione completa per mantenere i più alti livelli di protezione, e sono in corso studi per valutare la sicurezza e l’immunogenicità di una terza dose”.

Pfizer ha detto di avere nuovi dati che mostrano che una terza dose del suo vaccino aumenta significativamente i livelli di anticorpi contro la variante Delta.

Ma gli epidemiologi hanno sottolineato che livelli di anticorpi più alti non significano una maggiore protezione.

Il programma a due dosi di Pfizer è già efficace contro la COVID, compresa la variante Delta, ha detto David Dowdy, un epidemiologo di malattie infettive alla Johns Hopkins. Solo perché una terza dose significa più anticorpi, non significa che ne abbiate bisogno, ha detto Dowdy.

Le agenzie sanitarie statunitensi hanno detto all’inizio di questo mese che non ci sono prove che suggeriscano che un richiamo sia necessario, ma che potrebbe essere appropriato per speciali gruppi a rischio in futuro, compresi gli anziani e i trapiantati. I funzionari federali della sanità pubblica hanno detto che continueranno a monitorare la situazione.

I dirigenti di Pfizer si sono incontrati privatamente con gli scienziati e i regolatori senior degli Stati Uniti il 12 luglio, per fare pressione per ottenere una rapida autorizzazione dei vaccini di richiamo COVID a fronte della resistenza delle agenzie sanitarie federali

I funzionari hanno detto dopo la riunione che più dati – e possibilmente molti altri mesi – sarebbero necessari prima che i regolatori possano determinare se i richiami siano necessari, mettendo a repentaglio il flusso di introiti multimiliardari del gigante farmaceutico.

Durante la conferenza di questa settimana, Pfizer ha anche annunciato dei piani per iniziare uno studio di immunogenicità e sicurezza in agosto per valutare una versione aggiornata del suo attuale vaccino. La nuova versione è specificamente progettata per colpire la variante Delta – in attesa di approvazione normativa.

Durante una videoconferenza sui guadagni a febbraio, Bourla ha detto agli analisti che l’azienda potrebbe realizzare profitti significativi facendo pagare prezzi più alti e implementando una routine con dosi di richiamo per le nuove varianti del virus, assicurando agli investitori che l’azienda non ha visto questo come un evento una tantum, ma “come qualcosa che continuerà per il prossimo futuro”.

I vaccini per i bambini potrebbero fornire un ulteriore flusso di entrate

Bourla ha detto durante la videoconferenza di questa settimana che prevede che entro la fine di settembre, i test in volontari dai 5 agli 11 anni produrranno i dati di sicurezza ed efficacia necessari per chiedere l’EUA per quel gruppo di età, e i dati sui test nei bambini da 6 mesi a 5 anni dovrebbero seguire subito dopo.

Questa settimana, Pfizer e Moderna hanno annunciato che amplieranno gli studi clinici dei loro vaccini mRNA, dopo che la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha detto ai produttori di vaccini che le dimensioni e la portata dei loro studi pediatrici, come inizialmente previsto, erano inadeguati per rilevare effetti collaterali rari.

I rari effetti collaterali citati dalla FDA includono la miocardite, un’infiammazione del muscolo cardiaco, e la pericardite, un’infiammazione del rivestimento intorno al cuore, hanno detto al New York Times diverse persone che hanno familiarità con le sperimentazioni.

Espandere gli studi pediatrici significa che migliaia di altri bambini piccoli fino a 6 mesi potrebbero presto essere reclutati e arruolati negli studi sul vaccino COVID.

L’iniezione Moderna è autorizzata per l’uso di emergenza nelle persone dai 18 anni in su, e il vaccino di Pfizer è autorizzato per i bambini dai 12 anni in su. Nessun vaccino COVID ha ancora ricevuto l’approvazione EUA per i bambini di età inferiore ai 12 anni.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti