Venezuela, il popolo in piazza a Caracas manifesta sostegno a Maduro

Venezuela, il popolo in piazza a Caracas manifesta sostegno a Maduro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



AVN
 

Caracas si è svegliata in modo diverso, come se sapesse cosa sarebbe successo. I primi passi dei manifestanti, accompagnati dalla voce ritmica del comandante Hugo Chavez che canta l'inno del 414° Battaglione Blindato Bravos de Apure, e quell'indimenticabile Patria Querida dell'8 dicembre 2012.

 

Negli altoparlanti è stato anche ascoltato il canto combattivo di Ali Primera, mescolato con slogan di lotta, battaglia e vittoria sul nuovo inizio per la Patria.

 

Dai 23 stati e dal Distretto Capitale sono arrivati. Con bandiere, striscioni, palloncini multicolori e naturalmente, l'abito tradizionale in rosso, la gente si è mossa verso la Corte Suprema (TSJ) situata in viale Barnalt.

 

Proprio lì, nel più alto tribunale il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro, ha giurato per il periodo 2019-2025, realizzando così la volontà sovrana espressa nelle urne il 20 maggio 2018, quando ha ottenuto la vittoria con oltre 6 milioni di voti.

 

Prima del momento culminante, lungo l'arteria stradale, che appariva più affollata del solito, venivano mostrati i risultati più straordinari della Rivoluzione Bolivariana. Come, le missioni educative Robinson, Ribas e Sucre in cima alla lista, poi la Gran Misión Vivienda Venezuela (GMVV), il Comitato Locale di Approvvigionamento e di Produzione (Clap) e la criptovaluta nazionale, il Petro.

 

Anche se il sole ha cominciato a riscaldare l'asfalto, la folla ha continuato ad aumentare. L’insediamento così come le elezioni presidenziali, un atto di sovranità, democrazia, ribellione contro le aggressioni dei fattori oligarchi per la stabilità del paese.

 

Implicitamente, il movimento popolare che ha inondato le strade della capitale, ha manifestato il suo sostegno senza restrizioni per le azioni del governo in difesa dell’Esequibo. Nei manifesti che riproducono una mappa del Venezuela, è stata letta l'iscrizione “L’Esequibo è nostro”, una frase che segna la lotta del Venezuela per il territorio che rivendica.

 

Con il passare delle ore, il popolo ha continuato ad arrivare. Alcuni a passo lento, altri più frettolosi, ma tutti con convinzione e ¡Viva la Patria! sulle labbra. 




Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli