/ Venezuela: le foto che mostrano le connessioni tra Juan Guaidó e ...

Venezuela: le foto che mostrano le connessioni tra Juan Guaidó e narco-paramilitari colombiani

 


Mision Verdad
 

Dai social network, emerge la connessione paramilitare di Juan Guaidó e del presidente Iván Duque con Los Rastrojos, un gruppo colombiano irregolare coinvolto in dozzine di attività criminali al confine con il Venezuela.

 

Questa è una foto in cui i membri di Los Rastrojos posano con il presidente autoproclamato Guaidó. L’esponente di Voluntad Popular si abbraccia con Jhon Jairo Durán Contreras, alias El Menor, e Albeiro Lobo Quintero, alias El Brother. Le immagini sono state pubblicate da Wilfredo Cañizares, membro della ONG per i diritti umani Fundación Progresar.

 

Il politico colombiano Gustavo Petro ha fatto eco alle foto e ha affermato che si tratta di una prova evidente del legame paramilitare tra Guaidó e il governo Duque. Allo stesso modo, l'esecutivo venezuelano lo ha ripetutamente denunciato.

 

In effetti, come mostra Cañizares, Guaidó era entrato in Colombia il 23 febbraio attraverso il comune di Puerto Santander, coordinando il suo ingresso con l'aiuto di alias El Menor e alias El Brother, per affidarlo successivamente ai funzionari pubblici del Governatorato del Nord di Santander e del Municipio di Cúcuta, che lo avrebbero scortato fino al ponte Simón Bolívar al confine.

 

All'epoca, i media antichavisti mostrarono un Guaidó "trionfante" (con il presunto aiuto della “FANB") che attraversava il ponte Tienditas, che ora è confermato essere un'operazione di cancellazione e propaganda dell'operazione paramilitare che ha permesso l'ingresso illegale di Guaidó in Colombia.

 

L'operazione sarebbe stata effettuata con l'intimidazione e il silenzio delle comunità dei municipi in cui è passata la comitiva.

La Fundación Progresar  afferma di avere testimoni sul posto.

 

Va notato che il 23 febbraio si è concluso con violenti scontri alla frontiera sostenuti da gruppi irregolari antichavisti e dall'infiltrazione di fazioni armate paramilitari nella zona di conflitto.

 

Tutto questo con l’apporto operativo delle autorità colombiane. Non è questo un test efficace nel coinvolgimento del governo di Nariño negli attacchi irregolari contro il Venezuela?

 

In effetti, questa connessione paramilitare era già stata denunciata da Diosdado Cabello nel suo programma Con el Mazo Dando. Ora prende rilievo particolare poiché lo stesso Guaido, nella sua qualità fittizia di autoproclamato presidente, aveva assicurato che avrebbe usato la tecnologia satellitare per localizzare i gruppi paramilitari in Venezuela.

 

"Abbiamo una debolezza istituzionale senza precedenti di cui stanno approfittando questi gruppi irregolari che hanno proliferato per anni con il beneplacito del regime", ha dichiarato il parlamentare dinanzi all'Assemblea Nazionale in stato di oltraggio in una discussione sulla presunta presenza delle FARC in Venezuela.

 

Come è evidente, chi non combatte i paramilitari e si allea con loro è lo stesso Guaidó.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa