Venti di secessione? Un sondaggio mette in allarme gli Usa

Venti di secessione? Un sondaggio mette in allarme gli Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un sondaggio allarmante rivela che, non solo il 66% dei repubblicani del sud vuole separarsi dagli Stati Uniti, ma anche il 47% dei democratici della costa occidentale sarebbe d'accordo.

Due terzi dei repubblicani in 13 stati del sud, tra cui Texas e Florida, affermano di sostenere la rottura con gli Stati Uniti e la formazione di un proprio paese con gli stati vicini, mentre quasi la metà dei democratici della costa occidentale lo sosterrebbe, secondo il sondaggio realizzato da YouGov e Bright Line Watch .

Inoltre, la metà di tutti gli indipendenti del sud è anche d'accordo con un sindacato secessionista del sud, mentre solo il 20% dei democratici del sud sostiene l'idea.

Secondo questo sondaggio, pubblicato mercoledì scorso, tra i repubblicani del sud, il sostegno alla secessione è passato dal 50% di gennaio/febbraio al 66% di giugno .

Il sostegno al separatismo, fatto sicuramente interessante, ha raggiunto anche il 47% tra i democratici della costa occidentale in California, Oregon, Washington, Alaska e Hawaii. 

Un terzo degli indipendenti della costa occidentale, o il 33 percento, si è espresso a favore della secessione, insieme al 27 percento dei repubblicani della costa occidentale.

In questo sondaggio, gli intervistati di tutto il paese hanno risposto alla domanda sullla loro eventuale adesione e sostegno ad un'ipotetica "unione" di stati vicini.

L'analista di dati Christopher Ingraham ha descritto i risultati del sondaggio come i "dati più inquietanti" che ha visto di recente e ha espresso preoccupazione per una possibile nuova guerra civile a seguito del sostegno di questo gran numero di statunitensi alla secessione.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza di Francesco Santoianni Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti