/ VIDEO. Il Mondo arabo ricorda il 60° anniversario della visita di...

VIDEO. Il Mondo arabo ricorda il 60° anniversario della visita di Che Guevara in Palestina. "Fu l'inizio del carattere internazionale della causa palestinese"

 

Il mondo arabo ricorda il 60° anniversario della visita di Che in Siria Egitto e Palestina all'indomani del trionfo della rivoluzione cubana. Non una semplice vista, il grande storico palestinese Salman Abu Sitta ha dichiarato: "Č stato un evento storico che ha segnato l'inizio del carattere internazionale della causa palestinese".

Fonte articolo
 
Giovedì scorso, 14 giugno, giorno della nascita del Guerrigliero Eroico Ernesto Che Guevara, arabi e palestinesi hanno reso omaggio alle sue idee e alla sua eredità, che restano in vigore per la causa palestinese e la lotta per la liberazione nazionale, commemorando i 60 anni della sua visita a Gaza.
 
I giovani palestinesi, ispirato al trionfo della presenza della Rivoluzione cubana e del Che nella Striscia di Gaza, creato la propria esperienza nella forma di lotta, simboleggiato da un comandante militare, un guerrigliero palestinese, che hanno chiamato il "Guevara di Gaza ".
 
Il suo nome era Mohamed Mahmud Al Aswad, membro dell'Ufficio politico e comandante delle forze militari del Fronte popolare per la liberazione della Palestina nella Striscia di Gaza.
 
Al Aswad è stato in grado - attraverso la guerriglia - di dominare la terra nella striscia di Gaza durante la notte per 3 anni, dal 1970 al 1973, azione riconosciuta dai militari sionisti e dalla loro leadership politica.
 
Guevara di Gaza è morto eroicamente con il suo gruppo di guerriglieri, durante un assedio al luogo in cui si trovava in uno scontro impari a favore delle forze nemiche, guadagnandosi l'onore di difendere la sua gente e la terra palestinese.
 

 
Proprio come al Comandante Ernesto Che Guevara che cadde in battaglia l'8 ottobre 1967, in uno scontro tra i guerriglieri e l'esercito boliviano che li circondava. Il Che continuò a combattere fino all'ultimo proiettile, cadde ferito e imprigionato e fu ucciso a sangue freddo.
 
Questa operazione fu guidata da alti funzionari della CIA, con l'obiettivo di eliminarla fisicamente e cercare di cancellare la sua memoria e il suo esempio, oltre a demoralizzare i popoli che combatterono contro il colonialismo e l'imperialismo.
 
Dopo il trionfo della Rivoluzione cubana, il Che ha avuto ruoli di rilievo a Cuba, tra cui la guida di una delegazione politica e diplomatica per conto del Governo Rivoluzionario di visitare i paesi Patto Bandung, che ha gettato le basi per la creazione del Movimento di Non allineati.
 
Questo tour è durato quasi tre mesi, dal 12 giugno all'8 settembre 1959. L'obiettivo era quello di stabilire tutti i tipi di relazioni politiche, diplomatiche e culturali, bilaterali e multilaterali.
 
Il Che era molto interessato all'unità di tutti i popoli oppressi dell'America Latina, dell'Africa e dell'Asia che combatterono per la libertà e l'indipendenza. A questo proposito disse: "la fratellanza che ci unisce sfida la distanza dei mari e degli oceani che ci separa, sfidando le diverse lingue e l'assenza di legami culturali per materializzarsi in un abbraccio di lotta e fratellanza".
 
Il tour iniziò con la sua visita nella Repubblica Araba Unita - Egitto, dove è stato ricevuto dal Presidente Gamal Abdel Nasser per ben due volte.
 
Al Cairo, il Che espresse la sua ammirazione per l'esperienza dell'unità tra Egitto e Siria come nucleo dell'unità araba. Riferendosi all'aggressione tripartita britannica, francese e israeliana, Guevara disse che la Repubblica araba unita è emersa vittoriosa contro l'aggressione da due fattori, il primo armare le masse e l'intera popolazione e il secondo dalla solidarietà internazionale.
 
Il Che richiamò l'attenzione sulla necessità di "distribuire armi alla gente perché le persone sono quelle che hanno affrontato le aggressioni con l'esercito, le persone hanno creato e si sono fidate della leadership di Abdel Nasser che ha raggiunto una popolarità senza precedenti".


 
Il 18 giugno, il Che visitò la Striscia di Gaza, si incontrò con i funzionari della divisione brasiliana come parte delle truppe inviate dalle Nazioni Unite, parlò anche con alcune unità dell'esercito egiziano, si è incontrato con i leader palestinesi, era inoltre interessato alle situazioni dei profughi palestinesi si trovano in diversi luoghi della Striscia di Gaza e nel deserto del Sinai.
Mostrò la sua convinzione che il ritorno dei rifugiati palestinesi sarebbe il risultato della lotta e della rivoluzione.
 
A Gaza, gli fu conferito l'Ordine Grande Liberatore degli Oppressi, il Presidente egiziano Gamal Abdel Nasser gli diede al Cairo l'alta decorazione.
 
Il tour ufficiale del Che coprì 12 paesi, tra cui Jugoslavia, India, Giappone, Pakistan, Indonesia, Ceylon e l'attuale Myanmar, ha visitato anche la Siria. Si è incontrato a Damasco con i leader e poi ha visitato altri due paesi arabi: il Sudan e il Marocco.
 

 
La visita di Che Guevara a Gaza nel 1959 fu il primo segno della trasformazione della colonizzazione sionista della Palestina dal conflitto regionale in una lotta mondiale contro il colonialismo.
 
La visita di Guevara fu trascendentale. Era la prima volta che un famoso rivoluzionario veniva a vedere in prima persona la devastazione prodotta da Al-Nakba.
 
Al suo ritorno a L'Avana e come risultato di queste visite, Cuba fu invitata alla II Conferenza del Movimento dei non allineati, diventando uno dei suoi fondatori.
 
Riferendosi alla presenza di Che Guevara a Gaza, in Palestina, il grande storico e ricercatore palestinese Salman Abu Sitta ha dichiarato: "È stato un evento storico che ha segnato l'inizio del carattere internazionale della causa palestinese".
 
Il comandante in capo Fidel Castro e il Che hanno svolto un ruolo molto importante nella fondazione dell'Organizzazione di solidarietà tra i popoli dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina -OSPAAAL-, dove si sono incontrati i rappresentanti della Conferenza del Tricontinentale all'Avana nel gennaio 1966, per unire gli sforzi e la solidarietà.
 
Uno dei fondatori di questa conferenza è stato il  marocchino e combattente internazionalista Almahdi Ben Barka, che è stato ucciso a Parigi, nell'ambito di un'operazione congiunta dell'apparato marocchino, israeliano, francese.
 
Dalla 1a Conferenza Tricontinentale si è verificata la presenza dei rappresentanti palestinesi dell'OLP. La Rivoluzione Palestina, come il Movimento di Liberazione Nazionale, appartiene e fa parte di questa Organizzazione della Solidarietà dei popoli Tricontinentale, OSPAAAL.
 
 
Ricordando Che Guevara, gli arabi ricordato una frase del rivoluzionario argentino: "Non puoi fidarti dell'imperialismo o di qualcosa del genere, per niente".
 
Fonte: Al Mayadeen
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa