/ (Video) L'umiliazione di Netanyahu in fuga dal lancio dei missili...

(Video) L'umiliazione di Netanyahu in fuga dal lancio dei missili palestinesi durante un comizio elettorale

 

Al suono delle sirene che annunciavano un imminente lancio di razzi dalla Striscia di Gaza, ieri, su ad Ashdod, il primo ministro Benjamin Netanyahu, durante un comizio per la campagna per le elezioni legislative, č stato costretto alla fuga suscitando la derisione da media e politici israeliani.


Diversi media israeliani hanno trasmesso filmati che mostrano i membri dei servizi di sicurezza di Netanyahu avvicinarsi a lui durante il comizio.
 
Uno di loro gli ha sussurrato all'orecchio e poi il Primo Ministro ha salutato ed è andato via dall'edificio.
 
In una breve dichiarazione, l'esercito israeliano di occupazione ha affermato che le sirene avevano suonato vicino ad Ashkelon e Ashdod, senza fornire ulteriori dettagli.
 
L'evacuazione di Netanyahu è avvenuta meno di tre ore dopo la sua promessa di annettere una sezione strategica della Cisgiordania occupata se fosse stato rieletto il 17 settembre, provocando indignazione tra i palestinesi.
 

 
Sempre ad Ashdod, quando è suonata la sirena, il rivale politico di Netanyahu, ex ministro della Difesa Avigdor Lieberman, si stava rivolgendo ai sostenitori del suo partito nazionalista Israel Beiteinou.
 
"L'evento di oggi dimostra che la politica di Netanyahu di capitolazione al terrorismo è fallita", ha dichiarato in una nota pubblicata su Facebook.
 
Lieberman si è dimesso da ministro della Difesa a novembre a seguito di un accordo di cessate il fuoco a Gaza, che ha definito "capitolazione al terrorismo".

I media israeliani, non sono stati teneri con Netanyahu, il The Times of Israel, ha titolato il suo articolo sull'evento in questo modo: 'Netanyahu deriso da destra e sinistra mentre è costretto a mettersi al riparo dai razzi'.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa