World Affairs/Video. Prigioniero palestinese in sciopero della fame da 90 giorn...

Video. Prigioniero palestinese in sciopero della fame da 90 giorni contro Israele, ringrazia la Siria per la sua solidarietà

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il prigioniero palestinese Maher Al-Akhras ha ringraziato la Siria per la sua posizione onorevole e solidale nei confronti della causa palestinese e ha ribadito la speranza che "il popolo, il governo e l'esercito siriano sosterranno sempre la nostra causa così come adesso e li ringrazieranno per tutte le loro posizioni onorevoli."
 
Il prigioniero che è entrato nel suo novantesimo giorno in sciopero della fame, ha espresso il suo orgoglio per la fermezza della Siria, del suo popolo e del suo esercito di fronte alla cospirazione terroristica straniera e alla guerra contro di essa operando gruppi estremisti che si nascondo dietro l'Islam.
 
 
 

 
 

"Saluto la Siria e il suo eroico esercito che ha combattuto questi criminali takfiri e i loro associati che li supportano dall'estero, e se Dio vuole, la Siria trionferà su di loro e purificherà la loro terra da loro.
 
Al-Akhras ha anche ringraziato la Russia e il suo presidente, Vladimir Putin, per la loro interferenza nel suo caso con l'obiettivo di trovare una soluzione.
 
Il prigioniero silenzioso continua il suo continuo sciopero della fame per il 90 ° giorno consecutivo per protestare contro i crimini in corso dell'occupazione israeliana contro i prigionieri palestinesi, in un momento in cui le autorità di occupazione, in flagrante violazione della legge internazionale sui diritti umani, rifiutano di rilasciarlo nonostante gli avvertimenti da parte delle organizzazioni palestinesi e per i diritti umani sul deterioramento della sua grave salute.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa