(VIDEO) 'Sleepy Monster’ il sistema missilistico di epoca sovietica che protegge la penisola di Crimea

(VIDEO) 'Sleepy Monster’ il sistema missilistico di epoca sovietica che protegge la penisola di Crimea

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un sistema risalente all’epoca della vecchia Unione Sovietica non ha ancora perso lustro e protegge la penisola di Crimea nel Mar Nero. Il sistema missilistico anti-nave di difesa costiera Utes è stato recentemente visto in azione grazie alle immagini diffuse da TV Zvezda, il canale televisivo ufficiale del Ministero della Difesa russo.

 

Il media statunitense The Drive afferma che l'esercitazione nel lancio di missili è stata realizzata dopo Kavkaz-2020, un'esercitazione militare multinazionale ospitata da Mosca che si è svolta alla fine di settembre.

 

L’esercitazione missilistica congiunta si è svolta sulla fregata ammiraglio Grigorovich della Marina russa, la nave leader della sua classe, e sulla batteria Utes di Sebastopoli.

 

Inoltre, aggiunge The Drive, un missile anti-nave 3M44 Progress è stato lanciato dalla batteria Utes ed è stato quindi intercettato con successo dai sistemi di difesa aerea della fregata da una distanza di oltre 6,2 miglia.

 

La gamma della Marina ha assicurato l'acqua di Sebastopoli dove si è svolta l'esercitazione. Durante l'esercitazione, più di dieci navi da guerra e altre navi della flotta del Mar Nero hanno pattugliato l'area limitando eventuali intrusi.

 

Un account russo rivela l'importanza storica di Utes - Cliff in inglese - come il primo sistema missilistico anti-nave sotterraneo costiero del mondo installato sulle alte montagne vicino a Balaklava.

 

Balaklava, nome in codice "Object 100", aveva due complessi sotterranei identici e siti di lancio situati a 6 km di distanza l'uno dall'altro. I costruttori militari erano guidati dall'ingegnere capo del dipartimento di costruzione della flotta del Mar Nero, il colonnello A. Gelovani, il futuro viceministro della difesa, maresciallo delle truppe di ingegneria.

 

Dopo il completamento di Object 100 nel 1956, fu messo in servizio l'anno successivo come prima unità missilistica costiera della Marina sovietica. Nel 1961 si decise di riarmare il sistema Utes con il missile P-35B, utilizzato anche in un sistema di difesa costiera mobile stradale, il Redut, in sostituzione dei missili Sopka.

 

Il complesso di Utes è andato in linea nell'aprile 1973 e ha comportato anche l'installazione di un nuovo radar, un sistema di identificazione amico o nemico, nonché un centro di controllo aggiornato, lanciatori e varie nuove apparecchiature di terra, ha osservato The Drive.

 

“I missili P-35B a propellente liquido potrebbero essere preparati sotto terra con le ali ripiegate, prima di essere sollevati in posizione di fuoco elevando i lanciatori. Questi poi tornerebbero sottoterra per essere ricaricati ”, afferma il rapporto.

 

Nel 1982 furono introdotti nel complesso i missili di terza generazione 3M44 “Progress”. A causa dell'ampio raggio di tiro, la batteria del complesso di Utes con designazione del bersaglio esterno potrebbe coprire la costa di diverse centinaia di chilometri di lunghezza. Una potente testata nucleare o ad alto potenziale esplosivo (350 kt) rende possibile disabilitare una nave di qualsiasi classe con un missile.

 

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica nel 1991, la flotta sovietica del Mar Nero fu divisa tra Russia e Ucraina e l'Object 100 fu trasferito in Ucraina. Tuttavia, l'Ucraina non ha messo in servizio il sistema.

 

Dopo l'occupazione della Crimea da parte della Russia nel 2014, l'Utes è tornato nuovamente in servizio. Secondo quanto riferito, Mosca sta dispiegando moderne difese costiere tra cui il sistema mobile K-300P Bastion-P attraverso la flotta del Mar Nero.

 

Utilizza un motore ramjet e può raggiungere una velocità massima di 2,5 Mach. Inoltre, a causa della sua capacità di ricevere dati di mira da varie fonti, compresi i veicoli aerei senza equipaggio, è molto più difficile da prendere di mira rispetto agli Utes.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra