Walter Delgatti, l'"Assange brasiliano" che ha smantellato il complotto contro Lula

Walter Delgatti, l'"Assange brasiliano" che ha smantellato il complotto contro Lula

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Walter Delgatti, noto come "Vermelho" (Colorado), è stato un uomo chiave nella causa giudiziaria contro l'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva, poiché ha contribuito a smantellare il complotto dell'operazione "Lava Jato" contro di lui.

Si tratta dell'hacker che ha fatto trapelare le chat private dove è emerso il complotto dell'ex giudice Sergio Moro e di alcuni pubblici ministeri, che poi si concluse con la condanna e la reclusione di Lula.

Per quell'azione, è stato paragonato al fondatore di WikeLeaks Julian Assange e all'ex appaltatore della CIA e della US National Security Agency Edward Snowden.

"Penso che questo ragazzo, Delgatti, sia una persona molto importante nella storia del Brasile, paragonabile, per noi, ad Assange, a Snowden". Lo ha dichiarato l'ex presidente Dilma Rousseff, durante  un'intervista  al programma Pauta Brasil, sul canale TV 247.

Rousseff ha aggiunto che questo giovane "ha un valore molto importante" perché gli ha permesso di "percepire la dimensione del mostro", termine che uso per definire l'intera rete nell'Operazione 'Lava Jato'.

 

Cosa ha fatto Delgatti?

Delgatti, originario di Araraquara, nell'interno dello stato di San Paolo, ha violato tra marzo e maggio 2019 gli account Telegram di varie autorità del paese, tra cui quello di Deltan Dallagnol, procuratore capo dell'operazione 'Lava Jato'.

Secondo il suo racconto, recensito da G1, questo giovane, che si definisce un hacker "autodidatta", ha hackerato per primo Marcel Zanin Bombardi, il procuratore di Araraquara, che lo aveva denunciato per presunto traffico di droga. Attraverso l'elenco dei contatti di questo funzionario, ha raggiunto un altro procuratore superiore, di cui non ha fornito il nome, e tra le sue informazioni ha trovato un elenco di membri del Ministero pubblico federale, in un gruppo chiamato "Valoriza MPF".

In quel secondo ordine del giorno, ha trovato il numero di Kim Kataguiri, deputato del Partito Democratico (DEM), attraverso il quale ha ottenuto il numero del giudice Alexandre de Moraes, della Corte suprema federale (STF); da lì è giunto  all'ex procuratore generale Rodrigo Janot, diventato l'anello di congiunzione per trovare Dallagnol.

Delgatti ha confessato di aver avuto accesso anche ai dati di Rousseff , attraverso i quali ha ottenuto contatti con la giornalista ed ex vice Manuela d'Ávila, ex candidata alla vicepresidenza del Brasile insieme a Fernando Hadad, nella formula che ha sostituito Lula alle elezioni del 2018.

D'Ávila gli ha consigliato di contattare il giornalista americano Glenn Greenwald, il quale rivelò i file di Snowden. Dopo quel contatto, il comunicatore nordamericano ha pubblicato i contenuti forniti da Delgatti - pur citando una fonte anonima - sul portale The Intercept Brasil.

Nello specifico, era evidente che giudici e pubblici ministeri si erano organizzati per danneggiare  Lula e che Moro, oltre ad essere un giudice del caso, guidava le indagini, questione vietata dalla legge.

Cosa è successo dopo?

Nonostante il clamore, le fughe di notizie non hanno prodotto grandi cambiamenti nel processo "Lava Jato" nel 2019. A quel punto, Moro si era già dimesso da giudice ed era stato nominato ministro della Giustizia nel governo di Jair Bolsonaro.

Nel luglio di quell'anno, Delgatti e altri furono arrestati in quella che fu defintia "Operazione Spoofing", e fu allora che raccontò cosa aveva fatto. L'hacker ha trascorso sei mesi nel carcere di Brasilia e ora è ai domiciliari. Lo scorso febbraio ha concesso un colloquio a Brasile 247 e, giorni dopo, il Pubblico Ministero ha chiesto che fosse riportato in carcere, ma l'arresto non è stato effettuato.

Nel novembre 2019, Lula è stato rilasciato dal carcere in cui è stato trascorso un anno e sette mesi, ma lo ha fatto con una risoluzione della Corte Suprema che ha stabilito che, in conformità con la Costituzione, un condannato può solo una volta in prigione, una volta esaurite tutte le sue risorse.

Nel dicembre dello scorso anno, il caso contro Lula ha iniziato a prendere un'altra piega: il giudice dell'STF, Ricardo Lewandowksi, ha ordinato alla difesa dell'ex presidente di avere accesso a tutto il materiale sequestrato nell'``Operazione Spoofing '', decisione che all'inizio non era stata completamente rispettata.

Questa settimana, il giudice Edson Fachin, dell'STF, ha ribaltato tutte le condanne contro Lula a Curitiba, nello stato del Paraná, dove era giudice Moro. 

Nello specifico, ha dichiarato "incompetente" la 13a Corte Federale nei casi dell'appartamento triplex a Guarujá, una fattoria ad Atibaia e quella relativa alla sede e alle donazioni dell'Istituto Lula, di cui era responsabile l'ex giudice.

Con la decisione, l'ex presidente riacquista i suoi diritti politici e potrebbe partecipare alle elezioni del 2022. 

Durante il processo "Lava Jato"', Lula ha sempre affermato che si trattava di un complotto contro di lui e che la sua prigionia cercava solo di impedirgli di candidarsi alle elezioni del 2018.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà di Francesco Santoianni Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra di Marinella Mondaini Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti