Warren Buffet: un ircocervo ai tempi della turbofinanza

Warren Buffet: un ircocervo ai tempi della turbofinanza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Alessandro Volpi*

Un ircocervo ai tempi della turbofinanza. Warren Buffett è nato nel 1930 ed è definito "un oracolo" per le capacità di previsione degli andamenti economici. Il suo "metodo" è oggetto di una vasta letteratura celebrativa e quando ogni anno riunisce i suoi azionisti l'evento viene qualificato nei termini della "Woodstock" finanziaria.

La holding Berkshire, creata da Buffett, ha un valore di capitalizzazione di 870 miliardi di dollari, possiede una serie di società al 100%, con un totale di quasi 400 mila dipendenti, e un complesso di partecipazioni azionarie per circa 370 miliardi di dollari. Dispone anche di una liquidità per poco meno di 190 miliardi di dollari. E' dunque una realtà molto anomala, a metà strada tra economia reale e speculazione finanziaria, accessibile solo per portafogli robusti, visto che un'azione costa circa 380 dollari.

Questo ircocervo - che nulla ha a che vedere con a definizione crociana - manifesta tuttavia due caratteristiche molto chiare. La prima e più evidente è l'enorme capacità di Buffett orientare e condizionare, in maniera spesso disarmante, il "libero mercato" veicolato dalla mole degli impieghi finanziari e da una narrazione sapientemente costruita - anche attraverso media e giornali di proprietà, come il Washington post - della sua infallibilità.

La seconda è la crescente finanziarizzazione di Berkshire che trae dalle proprie partecipazioni azionarie dividendi sempre più alti in grado di consentire anche la lievitazione del valore della stessa Berkshire, passata dai 500 miliardi del 2019 agli 870 attuali. L'ultranovantenne Buffett è dunque l'espressione della tradizione e dell'ulteriore rafforzamento di un monopolio che è ben più forte del libero mercato.

*Post Facebook del 7 maggio 2024

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti