Wirecard, ma perché gli scandali finanziari in Germania non fanno mai notizia?

Wirecard, ma perché gli scandali finanziari in Germania non fanno mai notizia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala 
 

Wirecard società tedesca fintec che offre servizi finanziari ad aziende un po' in tutto il mondo tracolla di quasi il 60% in borsa dopo che la società di revisione Ernst&Young si rifiuta di certificare il loro bilancio perchè dalla cassa sono spariti 1,9 mld di euro. Un po' come la Parmalat che esibiva conti miliardari in banche estere che però non esistevano giusto per rendere l'idea.


 

Ma ciò che mi domando io è un'altra cosa, gli scandali finanziari in Germania sono all'ordine del giorno o quasi, tra riciclaggio, manipolazioni di mercato e altro. Sappiamo che il loro sistema bancario è completamente marcio; da Deutsche Bank, a Commerzbank fino alle banche locali l'una più malconcia dell'altra. Eppure quello strabenedetto saldo delle partite correnti e il Niip ci indicano che il sistema dovrebbe essere pieno di soldi fino all'orlo.


Se è vero che parte di quel saldo è un illusione ottica che non esiste nella realtà perchè la Bce è situata in territorio tedesco e questo significa che per la Germania i rifinanziamenti a qualsiasi titolo Bce non risultano come debiti verso l'estero mentre per gli altri diciotto stati appartenenti all'area euro sì (e per i conti nazionali tedeschi sono "crediti") dall'altro lato è anche vero che il Niip è pari ad un saldo positivo strabiliante del 71% del loro Pil (che,ripeto, vanno "nettati" dei finanziamenti Bce agli altri 18 paesi dell'area); beh, insomma, gli dovrebbe rimanere un bel gruzzolo comunque al netto Bce, tale da evitare il collasso continuo di banche, finanziarie e via discorrendo.


E anzi, non si spiega perchè mai le banche tedesche debbano assumersi rischi pazzeschi fungendo da lavatrice di danaro sporco, accendendo derivati rischiosissimi, investendo in paesi a rischio (Turchia, ecc). Voglio dire, i rischi in genere se li prendono i poveri e disperati, mica i ricchissimi.


Ecco, qui le cose non mi quadrano mica tanto.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti