/ Yemen. Houthi rivendicano attacco alle raffinerie saudite: "non e...

Yemen. Houthi rivendicano attacco alle raffinerie saudite: "non esiste soluzione per il regime saudita se non fermare l'aggressione e l'assedio sul nostro paese"

 

I guerriglieri Houthi hanno rivendicato l'attacco contro le raffinerie petrolifere saudite, affermando di aver usato 10 droni per l'operazione chiamata "Balance of Deterrence II".


Gli Houthi dello Yemen hanno rivendicato la responsabilità di attacchi di droni contro due raffinerie di petrolio saudite di Aramco, ha dichiarato il portavoce del gruppo in una dichiarazione trasmessa da Al Masirah TV. Il portavoce ha continuato dicendo che i ribelli hanno schierato 10 droni in totale in entrambi gli attacchi.
"Le nostre operazioni saranno più dolorose finché proseguiranno la loro aggressione e assedio, il target obiettivi si espande di giorno in giorno e che non esiste soluzione per il regime saudita che fermare l'aggressione e l'assedio sul nostro paese", ha avvertito il portavoce yemenita.
 
In precedenza, un portavoce del ministero degli interni dell'Arabia Saudita ha dichiarato che l'incendio di due impianti petroliferi dell'Arabia Saudita ad Abqaiq e Khurais è stato causato da attacchi di droni. Il funzionario ha aggiunto che l'incendio è stato messo sotto controllo dalle forze di sicurezza dell'azienda.
 
"I team di sicurezza industriale di Aramco hanno iniziato a gestire gli incendi in due delle sue strutture ad Abqaiq e Khurais a seguito di ...
droni", hanno riferito i portavoce dei media locali. "I due incendi sono sotto controllo."
 
Saudi Aramco è un'impresa petrolifera statale che gestisce e controlla la maggior parte della produzione di raffinerie e dei giacimenti petroliferi del regno saudita. È una delle più grandi aziende a livello globale in termini di entrate e si ritiene che sia la compagnia più redditizia al mondo.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa