/ Il nuovo piano di salvataggio della Grecia non ha senso. Joseph S...

Il nuovo piano di salvataggio della Grecia non ha senso. Joseph Stiglitz

 

L'economista americano Joseph Stiglitz è convinto che il terzo accordo di salvataggio della Grecia non sarà utile per il paese. Nel suo articolo, pubblicato dal New York Times, il premio Nobel ha spiegato perché pensa che le misure che la Troika sta chiedendo alla Grecia di attuare non abbiano senso, per nessuna delle parti coinvolte.
 
"Dopo aver trascorso l'ultima settimana ad Atene a parlare con i cittadini, giovani e anziani, nonché con i funzionari attuali e passati, sono venuto alla conclusione che si tratti di molto di più che della Grecia e dell'euro.
 
"Ciò che colpisce del nuovo programma è che su entrambi i fronti non ha senso né per la Grecia né per i suoi creditori ", ha scritto.
 
Inoltre, ha aggiunto, che durante la lettura dei dettagli della transazione ha avuto un senso di "déjà vu". Come capo economista della Banca Mondiale alla fine degli anni '90, era stato testimone in prima persona dell'impatto devastante che tali programmi hanno avuto sui paesi dell'Asia orientale.
 
"Che il programma venga o meno attuato si arriverà a livelli insostenibili di debito, così come accaduto in Argentina", ha sottolineato.
Le politiche richieste dalla troika porteranno la Grecia ad approfondire la recessione, che è il motivo per cui Christine Lagarde ha parlato della necessità di una ristrutturazione del debito.
 
Questo accordo non ha senso per la Grecia o suoi creditori "E' come una prigione per debitori del 19° secolo", ha detto, dove i debitori in carcere non avevano nessuna entrata per ripagare il loro debito.
 
"Credo fermamente che le politiche che vengono imposte non funzioneranno, che si tradurrano in una depressione senza fine,  con livelli inaccettabili di disoccupazione e la disuguaglianza crescente," ha concluso.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa