Putin: "La Siria è un paese sovrano e Assad è il presidente eletto dal popolo"

Putin: "La Siria è un paese sovrano e Assad è il presidente eletto dal popolo"

"Il presidente russo Vladimir Putin, in un'intervista rilasciata alle agenzie di stampa Interfax e Anadolu in cui ha affrontato le questioni attuali più importanti, come la lotta contro lo stato islamico, il futuro della Siria e il conflitto in Ucraina."

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
In merito al futuro della Siria, il presidente russo, Vladimir Putin ha ribadito che sono gli stessi siriani che devono decidere. Tuttavia, ha rivelato che Mosca "ha un certo numero di idee su come le forze straniere potrebbero aiutare i siriani per sconfiggere i terroristi e porre fine alla crisi", e che la diplomazia russa "sta promuovendo attivamente la strada."
"Non è un dogma, ma un invito ai membri di continuare una conversazione seria e costruttiva dipende da come può esserla, si possono fare azioni comuni e decie per combattere lo stato islamico e consentire alla Siria di tornare ad essere uno Stato unito, sovrano e laico", ha dichiarato il presidente russo.
Putin ha poi ribaditi "Solo i siriani devono determinare il loro futuro e scegliere i loro governanti. Questa logica, quella del diritto internazionale è stata quella che abbiamo usato quando abbiamo ricevuto a Mosca il presidente siriano Bashar al Assad", ha spiegato Putin, per sottolineare che "la Siria è un paese sovrano e Assad è il presidente eletto dal popolo", che la Russia non ha alcun diritto di parlare con lui circa le sue dimissioni.
"Solo coloro che si considerano come esclusivi possono comportarsi in maniera così plateale e cercare di imporre la propria volontà sugli altri", ha precisato Putin.

La Russia, come ha affermato Putin, ha cooperato con l'esercito libero siriano (FSA), nel condividere le informazioni di l'intelligence sullo Stato islamico (ISIS), per i raid aerei russi.
 
Il capo di stato della Federazione russa ha aggiunto che la Russia ha preso in considerazione tutte le informazioni "attendibili" sul posto dei terroristi in Siria. "Abbiamo anche lavorato insieme con la Free Syrian Army (FSA)", ha detto. "L'aviazione russa ha condotto diversi attacchi su obiettivi individuati dalla FSA. Abbiamo escluso aree, che erano stati indicati dai comandanti FSA come sotto il loro controllo. Questo "dimostra ancora una volta che non stiamo bombardando la cosiddetta opposizione moderata o la popolazione civile".
 
Putin ha precisato che tutti i "potenziali rischi e le conseguenze" di attacchi aerei della Russia in Siria sono stati "accuratamente calcolati molte volte" e "tutte le risorse necessarie per il funzionamento, sia finanziarie e tecnologiche, sono stati assegnati in anticipo."

Putin ha ribadito la disponibilità della Russia a cooperare con gli sforzi militari della coalizione guidata dagli Usa in Siria, nonostante Washington, bypassando una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che autorizza l'azione militare e senza una richiesta del legittimo governo, ha inviato truppe “in violazione del diritto internazionale".
 
Il Cremlino ha ufficialmente informato gli Stati Uniti e la NATO dell'inizio delle azioni militari con un "termine ragionevole" di anticipo, ha proseguito Putin. Nonostante la minaccia comune rappresentata da terroristi e gruppi estremisti nella regione, la "reazione degli Stati Uniti e partner occidentali è stata abbastanza contenuta", ha detto Putin. "Ancora non siamo riusciti ad andare oltre l'approvazione congiunta del memorandum d'intesa per la prevenzione di incidenti di volo di sicurezza nel corso delle operazioni in Siria, e anche allora con una prenotazione da parte degli USA che in nessun modo tale interazione deve essere considerata la normalizzazione dei contatti militari, che sono stati congelati su iniziativa degli Stati Uniti. "

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti