World Affairs/La potente debolezza della Corea del Nord

La potente debolezza della Corea del Nord

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

I leader cinesi stanno iniziando a riconoscere i rischi che la Corea del Nord sta facendo correre a Pechino

Quando il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il presidente cinese Xi si sono incontrati in California il mese scorso, la Corea del Nord è stato uno degli argomenti di conversazione. Il tema non era nuovo, al contrario del tono sostiene Joseph Nye in North Korea’s Powerful Weakness, il suo ultimo intervento su Project Syndicate.
Più di due decenni fa, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica scoprì che la Corea del Nord aveva violato l' accordo di salvaguardia e di ritrattamento del plutonio. Il Nord ha successivamente rinunciato all’accordo quadro negoziato dall’amministrazione Clinton nel 2003, ha espulso gli ispettori dell'AIEA, si è ritirata dal Trattato di non proliferazione nucleare, ha fatto esplodere tre ordigni nucleari e ha condotto una serie di test missilistici.
Durante questi due decenni, i funzionari americani e cinesi hanno spesso discusso il comportamento della Corea del Nord, sia in privato che nel corso di incontri pubblici. I cinesi hanno sempre sostenuto di non volere che la Corea del Nord sviluppasse armi nucleari ma di avere un'influenza limitata sul regime, pur essendo il suo principale fornitore di cibo e carburante.  
Per Nye, la Cina è sincera quando esprime il desiderio di una penisola coreana denuclearizzata, ma la questione nucleare non è la sua preoccupazione principale. Pechino cerca di impedire il crollo del regime nordcoreano e il caos potenziale che ne deriverebbe per il suo confine - non solo per i flussi di rifugiati, ma anche per la possibile presenza di truppe della Corea del Sud o degli Usa  
Tra i suoi due obiettivi, spiega il teorico del soft power, la Cina ha posto tra i principali quello di preservare la dinastia della famiglia Kim. Tale scelta ha dato origine ad un apparente paradosso: la Corea del Nord ha guadagnato un’influenza sorprendente sulla Cina.
Per Nye, la Corea del Nord ha quello che definisce "il potere di debolezza." In certe situazioni di contrattazione, la debolezza e la minaccia di un collasso possono essere una fonte di alimentazione. E la Cina è, in questo senso, il banchiere sovraesposto della Corea del Nord.
La Cina ha cercato di convincere la Corea del Nord a seguire il suo esempio e aprire al mercato ma, con il regime di Kim terrorizzato che la liberalizzazione economica possa provocare richieste di maggiore libertà politica, l'influenza della Cina sul regime è limitata.  
La Corea del Nord ha amplificato il suo potere, giocando il suo ruolo da debole audacemente. I leader del Nord sanno che la Corea del Sud e le forze militari statunitensi vincerebbero facilmente un conflitto militare su vasta scala. Eppure, con 15mila di artiglieria nella zona demilitarizzata, a soli  48 km a nord di Seoul, capitale della Corea del Sud, sanno anche che potrebbero devastare l'economia della Corea del Sud, mentre il Nord ha relativamente meno da perdere.
 La Corea del Nord è da tempo abile a ostentare la sua propensione al rischio come nel 2010 quando provocò una crisi affondando una nave da guerra della Corea del Sud e bombardando un'isola sudcoreana. Questa primavera, ha condotto un test nucleare e una serie di test missilistici, accompagnati da una  retorica bellicosa.
Ora sembra che la Cina stia cominciando a perdere la pazienza e ripone meno fiducia nell’inesperto Kim Jong-un di quella che aveva in suo padre, Kim Jong-il. I leader cinesi stanno cominciando a riconoscere i rischi che la Corea del Nord sta facendo correre alla Cina.
Con sempre più test nucleari, la richiesta di armi nucleari potrebbe crescere in Corea del Sud e Giappone. Inoltre, se la tagliente retorica del regime di Kim fosse seguita da provocazioni contro la Corea del Sud, come quelle che si sono verificate nel 2010, la Corea del Sud potrebbe reagire con forza, e la Cina potrebbe esserne coinvolta
Alcuni segnali di cambiamento sono però visibili, sostiene Nye. A seguito della discussione "franca" sulla Corea del Nord tra Xi e Obama, Xi ha ospitato un vertice con il presidente sudcoreano Park Geun-Hye, senza prima tenere un incontro con la Corea del Nord.  
Xi e Park hanno rilasciato una dichiarazione congiunta proclamando l'importanza di attuare fedelmente le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza che prevedono sanzioni contro la Corea del Nord, così come un accordo multilaterale nel 2005, che obbliga il Nord a scambiare i propri programmi per armi nucleari con benefici economici e diplomatici. Entrambi i leader hanno sollecitato una ripresa dei colloqui a sei sulla denuclearizzazione, sospesi dal 2009.
Il futuro è incerto. La Corea del Nord ha temprato la sua retorica e il comportamento, ma il regime di Kim non ha dato alcuna indicazione riguardo all’essere disposto a rinunciare al programma di armi nucleari, che considera vitale per la sua sicurezza e il prestigio. Nel lungo periodo, i cambiamenti economici e sociali potrebbero aiutare a risolvere la situazione.
 Di fronte a questa prospettiva, gli Stati Uniti e la Corea del Sud possono adottare misure per rassicurare la Cina che non intendono sfruttare tale situazione per spostare le loro truppe al suo confine  In passato, quando gli Stati Uniti hanno suggerito colloqui tranquilli per discutere di piani di emergenza nel caso di un crollo del regime, la Cina ha intimato di non minacciare o indebolire la Corea del Nord. Trovare una formula per parlare di tali contingenze potrebbe essere ora il prossimo passo obbligato per la Cina.
 
  
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa