611 euro per comprare (la libertà di) Sylla

611 euro per comprare (la libertà di) Sylla

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Michelangelo Severgnini

Sylla Hamidou è ivoriano, ha 37 anni ed è in stato di sequestro in Libia, in mano alle milizie di Tripoli e a gruppi a loro assimilabili.

 
Oltre alla tortura in questi giorni già subita, se non saranno pagati i soldi richiesti dai sequestratori, Sylla sarà presto venduto.
 
Sì, proprio così. Venduto.
 
Il prezzo fissato è di 611 euro.
 
Ma la famiglia, cui è stato chiesto il riscatto, non dispone di questa somma.
 
Pertanto l'appello lo lanciamo anche alle Ong italiane, chissà che avanzasse loro qualche spicciolo per salvare vite.
 
Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto l'appello dell'Ong Leisad, un'associazione ivoriana che si batte contro la tratta di esseri umani e l'immigrazione irregolare, cui i famigliari di Sylla si sono rivolti in cerca di supporto.

 
La migrazione oggi si fonda su questi episodi. 
 
È per questo che oggi in Africa il trafficante crea il migrante e non viceversa. 
 
Per poter mettere il migrante, ad un certo punto del percorso, con le spalle al muro. Lontano da casa, senza nessuno che possa cercarlo, in un pezzo di Africa, la Tripolitania, ormai fuori controllo da un decennio, in mano a gruppi armati che agiscono nella totale impunità.
 
Sylla Hamidou è sotto i ferri delle milizie libiche e della manodopera armata che gira loro intorno.
 
Hanno chiesto 611 euro per il riscatto.
 
Compriamo (la libertà di) Sylla, anche se noi, come contribuenti italiani, di soldi alle milizie di Tripoli ne abbiamo mandati già abbastanza.
 
Ogni donazione piccola o grande sarà preziosa!
 
IBAN: CI93 CI201 01112 071002802101 54
 
Ong Leisad.
Sede centrale Abidjan/Costa d'Avorio 
Contatto: +225 05 04 06 25 45 WhatsApp

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti