/ 8 milioni di morti e centinaia di migliaia di stupri dal 1996: Co...

8 milioni di morti e centinaia di migliaia di stupri dal 1996: Congo, il genocidio censurato (VIDEO)

 
L’aggressione alla Repubblica Democratica del Congo viene definita una “guerra di bassa intensità”, eppure dal 1996 ad oggi il Congo conta 8 milioni di morti. Da allora centinaia di migliaia di donne sono state violentate e i loro organi genitali danneggiati irrimediabilmente in modo da impedire la riproduzione; le popolazioni dell’est del Congo, al confine del Ruanda e dell’Uganda, sono state massacrate e vivono una delle più grandi tragedie umanitarie al mondo, nell’indifferenza totale della cosiddetta Comunità internazionale che tanto ha a cuore i diritti umani.



Possibile che il più imponente contingente Onu presente in un Paese non riesca a evitare queste aberrazioni inflitte al popolo congolese da parte dei suoi aggressori ruandesi e ugandesi? 

A tutte queste domande cerchiamo di rispondere con tre video-interviste realizzate a Jean Jacques Diku, rappresentante della comunità congolese in Italia. Oggi partiamo con la storia.

Buona visione!



*Si ringrazia per riprese e montaggio Luigi Sorrentino
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa