"Agente Orange". 60 anni fa primo utilizzo. Perché gli Usa non riconoscono neanche le loro vittime

"Agente Orange". 60 anni fa primo utilizzo. Perché gli Usa non riconoscono neanche le loro vittime

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Vi consigliamo questa lettura, soprattutto, quando sentirete gli Stati Uniti d'America accusare altri Paesi sull'utilizzo di armi chimiche.

Decenni dopo che gli Stati Uniti hanno lanciato milioni di litri della sostanza chimica tossica Agent Orange sul Vietnam, non riescono ancora ad applicare il "buon senso" anche alla difficile situazione dei veterani americani che furono colpiti, ha dichiarato a RT il capo di un gruppo di ex militari statunitensi.

Nell'agosto del 1961, esattamente 60 anni fa, gli Stati Uniti iniziarono il loro massiccio programma di guerra usando erbicidi durante la guerra del Vietnam. Decine di migliaia di chilometri quadrati del territorio vietnamita furono polverizzati con circa 20 milioni di galloni dei cosiddetti "erbicidi arcobaleno", che includevano il famigerato agente Orange.

L'operazione non aiutò Washington a vincere la guerra, ma rovinò comunque milioni di vite, non solo in Vietnam ma anche in altri paesi, compresi gli stessi Stati Uniti. 

L'Agente Orange, un defoliante volto a distruggere le foreste vietnamite, rivelò avere un sottoprodotto altamente tossico, un inquinante ambientale persistente del gruppo delle diossine. Questa diossina è considerata una delle principali cause di gravi condizioni di salute nelle persone esposte ad essa, comprese varie forme di cancro.

I veterani americani che hanno preso parte alla guerra del Vietnam, così come alcune altre operazioni, stanno ora combattendo una lotta completamente diversa – contro una massiccia macchina burocratica che è ancora riluttante a riconoscerli come vittime dell'esposizione tossica, spiega John B. Wells, capo di Military Veterans Advocacy Inc..

"Stiamo esaminando circa 110.000 reclami presentati", ha affermato Wells, un ex comandante della Marina degli Stati Uniti diventato avvocato, riferendosi al numero di casi che coinvolgono veterani statunitensi che cercano benefici per problemi di salute legati alla loro esposizione a sostanze tossiche durante il servizio militare. Ci sono ancora decine di migliaia di persone in cerca di risarcimento là fuori, ha aggiunto.

Eppure le autorità statunitensi apparentemente non hanno fretta di affrontare tali questioni. Secondo Wells, negli ultimi due anni e mezzo, il Veterans Affairs Department ha elaborato solo circa il 60% delle richieste presentate.

"Hanno bisogno di portare questo sistema di elaborazione dei benefici fino al 21° secolo", ha ricordato.

"Una volta che un burocrate prende una decisione, non gli piace ribaltare questa decisione"

I veterani spesso devono andare in tribunale per difendere il loro diritto a ciò che è loro dovuto dallo Stato. Il gruppo di Wells, Military Veterans Advocacy Inc., ha vinto uno di questi casi particolari nel 2019. Alfred Procopio, che ha prestato servizio a bordo della portaerei USS Intrepid nel 1964-1967, ha cercato di rivendicare i suoi diritti relativi all'esposizione all'agente Orange.

Nel luglio 1966, l' Intrepid fu schierata nelle acque territoriali vietnamite. Procopio ha cercato giustizia dopo aver contratto il diabete nel 2006 e per il cancro alla prostata nel 2007. Gli sono stati negati entrambi nel 2009, perché in base al precedente precedentemente stabilito, le acque territoriali del Vietnam non erano considerate un'area esposta all'Agente chimico.

"È stato piuttosto difficile", dice Wells, ricordando gli sforzi per cambiare la sentenza . “Abbiamo trascorso circa un decennio cercando di convincere il Congresso a annullare questa decisione. E non siamo stati in grado di farlo. Poi siamo passati dal tribunale in modo diverso, in base al diritto internazionale", ha aggiunto.

Molti altri casi individuali rimangono ancora irrisolti, perché il Dipartimento per gli affari dei veterani (VA) semplicemente "manca di buon senso", secondo Wells. Il VA si rifiuta di riconoscere i diritti dei veterani che hanno prestato servizio in Vietnam e sono stati esposti all'Agente Orange, adducendo vari motivi burocratici.

“Una volta che un burocrate prende una decisione, non gli piace ribaltare questa decisione. Questa era anche una delle cose più grandi che stavamo combattendo", ha sottolineato Wells, aggiungendo che "in parte è solo burocrazia, in parte è ignoranza".

Military Veterans Advocacy Inc. vuole che i funzionari ottengano "il quadro generale", dice Wells a RT . "Una persona può dire: "Ho prestato servizio qui nel 1972" e quindi fornire una prova che è nel proprio libretto di servizio - e bingo - andare avanti e ottenere i benefici", ha spiegato, aggiungendo che aree più ampie dovrebbero essere riconosciute come esposte all'Agente Orange.

 

"Il problema che abbiamo è che l'agente Orange è stato utilizzato ben oltre il Vietnam. Era usato per la defogliazione in luoghi come Guam, Panama, Okinawa, Thailandia, Cambogia e anche qui negli Stati Uniti. Stiamo appena iniziando a ottenere il riconoscimento per quelle persone."

 

Wells ha ribadito che vuole solo che Washington guardi, ascolti e applichi il buon senso per stabilire se queste affermazioni siano giustificate o meno. La sua organizzazione combatterà per i diritti dei veterani sia nei tribunali che al Congresso "finché qualcuno non ascolterà".

Alla fine, "ci vorrà una revisione completa del nostro sistema" dei benefici per i veterani, ha detto. I funzionari dovrebbero concentrarsi sull'identificazione di specifici gruppi di malattie prevalenti tra i militari e quindi identificare la loro causa. Inoltre, ha suggerito di istituire un centro speciale per questo lavoro per "capire se esiste o meno una connessione tra malattie e una sorta di esposizione tossica".

"Abbiamo imparato da questo?"

L'agente Orange, uno degli esempi più infami dell'eredità tossica della guerra, sta ancora avvelenando il suolo vietnamita. Secondo Wells, la sua emivita ammonta a circa 100 anni, quindi passeranno decenni prima che si decomponga definitivamente.

"Sappiamo che è ancora lì perché, nel 2019, abbiamo mandato uno dei nostri membri del consiglio a lavorare con la loro agenzia di protezione ambientale e hanno fatto dei test del suolo e l'hanno trovato", ha dichiarato il comandante della Marina in pensione. 

Tutte le nazioni devono rivedere il loro approccio alla guerra.

“Questo non è esclusivo degli Stati Uniti. Possiamo sempre trovare un modo. I militari russi, i cinesi... hanno tutti gli stessi problemi. Si concentrano così tanto su una missione che non guardano quello che stanno facendo".

"Quello che dobbiamo fare è guardare al quadro generale a lungo termine e capire se quello che stiamo facendo toglierà la vita alle nostre stesse truppe, per non parlare dei civili nell'area" , ha avvertito Wells, aggiungendo che i militari spesso "si concentrano così tanto su una missione che non guardano ciò che stanno facendo" e finiscono per "passare molto più tempo causando molto più dolore di quanto dobbiamo fare noi".

“Abbiamo imparato da questi? Vorrei dirlo, ma non lo so", ha ammesso il veterano della Marina.

 

 

 

 

 

 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti