Al Gore a Davos si trasforma in Greta: "Ogni giorno sprigionate l'equivalente di 600.000 bombe di Hiroshima"

Al Gore a Davos si trasforma in Greta: "Ogni giorno sprigionate l'equivalente di 600.000 bombe di Hiroshima"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In quel di Davos dove è in corso di svolgimento il World Economic Forum, l’ex vicepresidente statunitense e candidato democratico alla presidenza Al Gore, che già negli anni '90 era stato definito dalle pagine del Washington Post "molto noioso" e con una "personalità naturalmente rigida e legnosa”, è andato in scena in versione Greta Thunberg. 

Un tentativo che il blog ZeroHedge ha definito un "momento Greta" e di liberarsi della sua nota rigidità è sfociato in una sfuriata in cui ha affermato che le emissioni di anidride carbonica e i gas serra stanno intrappolando "tanto calore in più quanto ne verrebbe rilasciato da 600.000 bombe atomiche di classe Hiroshima che esplodono ogni singolo giorno sulla Terra".

Un catastrofismo in linea con questi tempi cupi in cui vive l’umanità: secondo Al Gore anidride carbonica e gas starebbero facendo "bollire gli oceani" e creando "bombe di pioggia" e "fiumi atmosferici" con conseguenti milioni di "rifugiati climatici". 

"Si prevede che i rifugiati climatici raggiungeranno il miliardo in questo secolo"... ha detto, prima di passare alla "xenofobia" scatenata in qualche modo sul mondo a causa delle "bombe di Hiroshima". 

Doveroso è infine notare che detti catastrofisti alla Al Gore, almeno a parole, estremamente preoccupati per il futuro del pianeta dell’umanità, non spendono una sola parola di critica verso chi giorno dopo giorno alimenta una guerra che potrebbe sfociare in un conflitto generale dove il rischio che vengano utilizzate armi ben più potenti delle bombe di Hiroshima è maledettamente reale. 

P.S. Il più grande inquinatore al mondo è l’esercito degli Stati Uniti. Cosa dice a riguardo Al Gore?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti