Alex Saab illegalmente detenuto negli Usa. Le prove del diritto all'immunità diplomatica dell'inviato del Venezuela

Alex Saab illegalmente detenuto negli Usa. Le prove del diritto all'immunità diplomatica dell'inviato del Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Dal Faro di Roma


Nuovo capitolo della intricata vicenda giudiziaria di Alex Saab, il diplomatico venezuelano che è stato arrestato illegalmente a Capo Verde nel 2020, in uno scalo tecnico del volo che lo avrebbe portato in Iran, rotta indigesta per la Casa Bianca. Caracas ha subito denunciato il grave abuso, rivendicando per Saab l’immunità diplomatica in quanto “inviato speciale” del Governo Bolivariano incaricato di reperire per il popolo venezuelano quei beni di sussistenza bloccati dall’embargo criminale degli Usa.

Per tentare di scongiurare l’estradizione negli Usa, arrivata poi 14 mesi fa, Saab è stato difeso anche dallo spagnolo Baltasar Garzon, l’ex pm che alla fine del secolo scorso fece arrestare Augusto Pinochet. L’ex presidente Usa Donald Trump, per evitare che Saab potesse fuggire prima di essere estradato, aveva mandato una nave da guerra a vigilare le acque di Capo Verde. Il via libera al trasferimento a Miami ha però innescato una campagna internazionale di denuncia contro la “persecuzione giudiziaria” ai danni di Saab, contro la quale il presidente Maduro ha protestato con forza, fino a interrompere per un periodo i negoziati di pace faticosamente aperti con le opposizioni a Città del Messico.

Ed ora si profila una possibile svolta. Dal 12 al 16 dicembre 2022 si terrà un’udienza probatoria davanti al Tribunale per il Distretto Sud della Florida in merito al diritto all’immunità diplomatica dell’inviato speciale della Repubblica Bolivariana del Venezuela Alex Saab, detenuto illegalmente dal 12 giugno 2020 e condotto contro la sua volontà a Miami il 16 ottobre 2021.



Di seguito pubblichiamo un estratto della memoria difensiva che ricostruisce fin nei dettagli la vicenda e dimostra la totale insussistenza dei presupposti per l’arresto e la detenzione di Alex Saab

L’inviato speciale venezuelano Saab è nato in Colombia ed è naturalizzato come cittadino venezuelano. Il 9 aprile 2018 è stato nominato dall’allora ministro degli Affari Esteri venezuelano, Jorge Arreaza, inviato speciale del Venezuela e gli è stata affidata la responsabilità di ricercare e negoziare le risorse umanitarie necessarie al Venezuela per far fronte al blocco economico subito dal Paese a causa delle Misure Coercitive
Unilaterali e illegali imposte dagli Stati Uniti, definite illegali anche dalle Nazioni Unite.
L’inviato speciale Saab ha svolto diverse missioni diplomatiche. In particolare, è stato inviato dal Venezuela nella Repubblica islamica dell’Iran in tre missioni diplomatiche (marzo, aprile e giugno 2020) per ottenere dall’Iran materiali strategici, tra cui benzina, cibo e forniture mediche, per supportare il Venezuela ad affrontare la minaccia rappresentata dalla pandemia di COVID-19, oltre alle difficoltà causate dalle sanzioni
economiche statunitensi in atto.

In occasione della missione realizzata nel mese di giugno, l’inviato speciale Saab portava con se una missiva del presidente Nicolas Maduro al leader supremo iraniano Ayatollah Ali Khamenei, nonché una lettera della vicepresidente esecutiva del Venezuela al ministro iraniano dell’Agricoltura, oltre ad altre comunicazioni ufficiali relative a diverse questioni che stava negoziando con le autorità iraniane. Prima del viaggio, il ministro degli Affari Esteri venezuelano aveva informato l’ambasciatore iraniano in Venezuela della nomina di Saab come inviato speciale e dello scopo della sua missione, e l’Iran aveva approvato la visita. In tutte e tre le missioni, l’inviato speciale Saab ha organizzato incontri a Teheran con alti funzionari del governo iraniano.

A giugno, durante il volo per Teheran, l’aereo dell’inviato speciale Saab è atterrato nelle isole di Capo Verde per fare rifornimento. L’inviato speciale Saab non viaggiava con il suo passaporto diplomatico, ma avrebbe ricevuto un visto sul suo passaporto personale all’aeroporto (il suo passaporto diplomatico, utilizzato nelle precedenti missioni in Iran, era scaduto e non c’era tempo per farlo rinnovare; questo perché, a causa della pandemia di Covid, l’ufficio passaporti del governo venezuelano a Caracas era stato chiuso). Successivamente, l’inviato speciale Saab è stato arrestato dalle autorità capoverdiane su richiesta degli Stati Uniti, che avevano ottenuto un atto d’accusa contro l’inviato speciale Saab da una giuria seduta presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale della Florida. Le accuse riguardavano reati di riciclaggio di denaro derivanti da presunte violazioni del Foreign Corrupt Practices Act degli Stati Uniti.

In seguito, l’inviato speciale Saab è stato detenuto a Capo Verde, dove si è opposto alla sua estradizione negli Stati Uniti e ha presentato presso i tribunali capoverdiani un reclamo per via dell’ immunità diplomatica. A quel punto, prima che le azioni legali fossero concluse, il governo capoverdiano ha consegnato con la forza l’inviato Speciale Saab alle forze dell’ordine statunitensi. Dal mese di ottobre 2021, è ancora detenuto a Miami.

La difesa dell’inviato speciale Saab, a seguito della sua estradizione, ha dato nuovo impulso al contenzioso statunitense sul suo diritto all’immunità diplomatica. Tuttavia, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, per evitare di prendere in considerazione la questione dell’immunità, si è concentrato sulla ricerca di modi per evitare il merito della questione, nonché sul rinvio dei termini dati dal giudice per aggiungere le prove di
documenti non classificati e classificati detenuti da varie agenzie statunitensi che confermano la conoscenza, da parte delle stesse autorità statunitensi, del lavoro diplomatico e di alto livello svolto dall’Inviato Speciale Saab durante i suoi viaggi in Iran.

Il 17 ottobre 2022, la difesa dell’inviato speciale Saab, nella sua mozione per archiviare l’accusa, ha presentato alla Corte del distretto meridionale della Florida prove solide e inconfutabili che dimostrano che Saab è stato detenuto illegalmente e che l’amministrazione di Donald Trump era chiaramente a conoscenza dello status
diplomatico dell’inviato speciale Saab ma che, nonostante ciò, ha fatto tutto il possibile per mantenerlo nello stato di detenzione illegale.


Le prove presentate al Tribunale comprendono, tra gli altri, i seguenti documenti:

1. Risoluzione del Ministro degli Affari Esteri del Venezuela del 9 aprile 2018 sulla nomina dell’inviato speciale Saab a Inviato Speciale, contenente le certificazioni e le dichiarazioni giurate del personale che ha elaborato tale designazione.

2. La corrispondenza diplomatica che è stata affidata all’inviato Speciale Saab dal governo del Venezuela e che ha portato con sé durante la sua missione di giugno.

3. Prove delle precedenti missioni diplomatiche dell’inviato speciale Saab in Iran, realizzate a marzo e aprile 2020.

4. Corrispondenza tra vari funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, compreso il rapporto di maggio 2020, che dimostra chiaramente che gli Stati Uniti erano a conoscenza delle missioni diplomatiche e delle trattative dell’inviato speciale Saab in Iran.

5. Note Verbali inviate dal Governo del Venezuela ai Governi di Capo Verde e degli Stati Uniti per invocare l’immunità diplomatica dell’inviato speciale Saab.

Secondo il diritto internazionale e tutti i precedenti giudiziari, l’inviato speciale Saab, in qualità di diplomatico straniero, ha diritto all’immunità diplomatica assoluta e all’immunità giudiziaria negli Stati Uniti. Il suo status di Inviato Speciale gli dà diritto all’immunità di Capo missione ai sensi dell’articolo 14 (b) della Convenzione di Vienna del 1961 sulle relazioni diplomatiche (Convenzione del 1961). Inoltre, l’immunità
dell’inviato speciale Saab, ai sensi della Convenzione del 1961, include il diritto di transito (jus transitus inoxii), il che significa che i diplomatici, mentre sono in transito da e verso le proprie destinazioni, hanno il diritto ad un passaggio sicuro e godono dell’immunità e dell’inviolabilità personale dall’arresto e dalla detenzione. Tale diritto viene codificato nell’articolo 40 della Convenzione del 1961 ed è stato accolto,
promosso e richiesto a lungo dagli Stati Uniti.

Pertanto, gli Stati Uniti sono vincolati dagli obblighi del Trattato dal diritto internazionale consuetudinario a riconoscere lo status diplomatico degli inviati di paesi terzi che conducono missioni diplomatiche. Sia la
Convenzione del 1961 che il consolidato diritto internazionale consuetudinario riconoscono chiaramente il privilegio in transitu dei diplomatici che viaggiano da una nazione all’altra attraverso uno Stato terzo.


Ultima mozione presentata dalla difesa del diplomatico venezuelano Alex Saab il 15 novembre 2022

1. La difesa di Alex Saab ha presentato la sua risposta mostrando prove inconfutabili della sua immunità e del riconoscimento degli Stati Uniti al governo del presidente Nicolas Maduro.

2. Le prove presentate dalla difesa dimostrano che:

a. Il passaporto diplomatico di Alex Saab è autentico.
b. Non vi è alcun obbligo di legge riguardo la pubblicazione della nomina in Gazzetta.
c. Gli Stati Uniti, contrariamente alle dichiarazioni rese pubblicamente, hanno continuato a riconoscere il governo del Presidente Nicolas Maduro in tutte le amministrazioni, sia con Trump che con Biden.


In sintesi, la difesa si basa sul precedente dell’11° Circuito, il caso di Abdulaziz c. Metropolitan Dade County,
 confermando che gli inviati di missioni speciali che si qualificano come capi missione sono protetti dalla Convenzione di Vienna del 1961 sulle relazioni diplomatiche (Convenzione del 1961).
Il caso riguardo il cittadino saudita, principe Turki Bin Abdulaziz, che risiedeva con la famiglia nella contea di Dade (Florida) e aveva chiesto il riconoscimento diplomatico dopo aver intentato una causa contro gli agenti di polizia della contea di Dade, i quali avevano eseguito un mandato di perquisizione sulla base della notizia che una collaboratrice domestica era stata trattenuta contro la sua volontà nell’ abitazione del principe.

I funzionari hanno intentato una contro-querela, chiedendo il risarcimento dei danni subiti per mano delle guardie del corpo personali del principe Turki. Fu allora che l’Arabia Saudita nominò il principe Turki come inviato speciale per gli affari del governo dell’Arabia Saudita, e il Dipartimento di Stato riconobbe questo status.

1. Abdulaziz sostiene direttamente che gli inviati speciali, che sono anche capi missione, hanno diritto alle immunità previste per gli agenti diplomatici ai sensi della Convenzione del 1961.

2. Alex Saab è Inviato Speciale (dal 9 aprile 2018) e capo missione ed è quindi un agente diplomatico ai sensi della Convenzione del 1961 e ha diritto all’immunità in quanto tale. L’affermazione contraria del governo su questo punto non fa altro che invitare la Corte a impugnare il precedente di controllo.

3. Gli Stati Uniti non possono ignorare l’immunità di Alex Saab come diplomatico venezuelano debitamente accreditato in Iran e in missione in quel paese.

4. Detenendolo e imprigionandolo, gli Stati Uniti hanno violato la sua immunità diplomatica e violato i propri obblighi legali internazionali, mettendo in pericolo centinaia di propri diplomatici.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti