Alex Saab, un diplomatico sequestrato. Una conferenza virtuale sull’inedito caso internazionale

Alex Saab, un diplomatico sequestrato. Una conferenza virtuale sull’inedito caso internazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I ripetuti attacchi hacker, che si scatenano puntualmente a ogni iniziativa online della rivoluzione bolivariana, non hanno impedito che si svolgesse con successo la conferenza stampa internazionale sul caso di Alex Saab, il diplomatico venezuelano sequestrato e deportato negli Stati Uniti. Tra il 12 e il 16 dicembre, si svolgeranno le udienze sul riconoscimento dello statuto di inviato speciale, ignorato e calpestato dagli Usa a dispetto della convenzione di Ginevra. Il 20, è attesa la decisione.

Gli aspetti giuridici di una vicenda tutta politica, che crea un pericoloso precedente sul piano del diritto internazionale, sono stati affrontati dall’avvocata Laila Tajeldine, che coordina il movimento internazionale Free Alex Saab, in crescita di diversi paesi. Ad accompagnarla, Camilla Fabri Saab, moglie italiana del diplomatico sequestrato, di ritorno dal tavolo di dialogo tra il governo Maduro e l’opposizione golpista venezuelana, che fa capo agli Usa, e che si è tenuto in Messico.

 Hanno organizzato la conferenza diversi movimenti di solidarietà internazionale, come la Rete Europea in difesa della rivoluzione bolivariana, e sono state presenti alcune ambasciate europee: a cominciare da quella francese, guidata dall’Incaricata d’Affari, Carolina Gerenda, infaticabile tessitrice di relazioni che hanno permesso di far sentire la verità del Venezuela in ambito internazionale.

Con il sequestro di Alex Saab – ha detto l’avvocata Tajeldine – cambia il concetto di sicurezza internazionale, giacché vengono violate le norme che garantiscono a un diplomatico di svolgere le proprie funzioni. Nel caso di Alex Saab, il suo compito di inviato speciale del Venezuela era di carattere altamente umanitario, giacché portava a termine transazioni, per conto del governo, atte a garantire alimenti, medicine, carburante a un popolo soffocato dalle misure coercitive unilaterali, imposte dagli Stati Uniti e dai loro alleati.

Una trasgressione imperdonabile per l’imperialismo che, dopo ripetute minacce e tentativi di subornare il diplomatico, ha deciso di adottare le maniere forti, sequestrandolo sull’isola di Capo Verde, grazie alla complicità di un governo vassallo, a giugno del 2021. Da allora, nonostante i pronunciamenti della Cedeao (la Comunità economica degli Stati dell’Africa Occidentale), e le prese di posizioni di autorevoli giuristi internazionali, le violazioni ai diritti umani e diplomatici di Saab si sono moltiplicate, fino alla deportazione nottetempo negli Stati Uniti, dove resta detenuto.

Tajeldine ha anticipato parte degli argomenti che la difesa userà per smontare i tanti e contraddittori pretesti mediante i quali gli Usa intendono negare lo status diplomatico di Alex Saab, del cui incarico erano evidentemente a conoscenza dal 2018, come attestano vari documenti pubblici. Tutte le accuse, amplificate da una campagna mediatica di discredito per dipingere Saab come narcotrafficante, sono cadute. Ora agli Usa non resta che fare melina, procrastinando le udienze, evitando di produrre i documenti richiesti dalla difesa, e proseguire così un’ingiusta detenzione.

Camilla Fabri, a sua volta vittima di una campagna diffamatoria diffusa anche in Italia, suo paese d’origine, ha raccontato l’esperienza vissuta in Messico dove – ha detto – ha rappresentato il diplomatico detenuto. Come difensora dei diritti umani, Camilla ha ribadito la natura politica del caso Saab, e denunciato la violenza delle “sanzioni” imposte al popolo venezuelano. Ha anche messo in rilievo come la diplomazia di pace portata avanti dal governo di Nicolas Maduro sia l’unica via percorribile e vincente: per ridare stabilità a un paese che ha difeso con dignità la propria indipendenza, attirando verso di sé la generosità di persone come Alex Saab, il quale ha messo a rischio la propria sicurezza per condividerne gli ideali.

Quello di Alex Saab è un caso marcatamente politico che può trovare soluzione più nell’ambito politico che in quello giuridico, e per questo il governo bolivariano sta mettendo sul tavolo delle trattative con gli Stati Uniti, riprese di recente con la richiesta prioritaria della fine delle “sanzioni”, la liberazione del diplomatico sequestrato. Sperando che possa passare le festività natalizie insieme alla sua famiglia.

 

p.s. I lettori italiani che vogliano conoscere la vicenda di Saab, possono acquistare il libro “Alex Saab, lettere di un sequestrato”, edito da Multimage: ordinandolo qui: https://multimage.org/info/ordinare/

e in una scelta di librerie che si trovano qui:

https://multimage.org/distributori/

Informazioni anche sul sito di Pressenza

Geraldina Colotti

Geraldina Colotti

Giornalista e scrittrice, cura la versione italiana del mensile di politica internazionale Le Monde diplomatique. Esperta di America Latina, scrive per diversi quotidiani e riviste internazionali. È corrispondente per l’Europa di Resumen Latinoamericano e del Cuatro F, la rivista del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV). Fa parte della segreteria internazionale del Consejo Nacional y Internacional de la comunicación Popular (CONAICOP), delle Brigate Internazionali della Comunicazione Solidale (BRICS-PSUV), della Rete Europea di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana e della Rete degli Intellettuali in difesa dell’Umanità.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti