Altro che Putin. La caduta di Afrin è colpa dell'opportunismo della dirigenza curda

Altro che Putin. La caduta di Afrin è colpa dell'opportunismo della dirigenza curda

Dopo essere state alleate delle Fsa filo-turche ed aver concesso agli Usa 20 basi sul territorio siriano, le Ypg sono state sedotte e poi abbandonate al loro destino dagli sponsor occidentali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Omar Minniti


Sulla caduta di Afrin si leggono deliri ed allucinazioni da parte della sinistra liberale, ma anche di compagni della sinistra antagonista e radicale. Coloro che prima accusavano di "imperialismo" la Russia per l'intervento in Siria (avvenuto nel rispetto delle regole internazionali, su richiesta del legittimo governo di Damasco, suo alleato), ora puntano l'indice contro Putin, incolpandolo di non aver impedito l'avanzata turco-jihadista e di non aver colpito le truppe di Erdogan. 

A parte il fatto che non è vero che la Russia non stia facendo nulla, visto che sta continuando a supportare attivamente l'esercito del presidente Assad, che sta lottando con estremo eroismo per contenere l'invasione.





Quanto ai suddetti deliri: in pratica i sinistrati petalosi, pacifisti a giorni alterni, stanno chiedendo a Mosca di attaccare, al di fuori del suo territorio nazionale, la Turchia. Un paese Nato, con vincoli di mutuo soccorso con paesi che fanno parte della medesima alleanza imperialista (Italia compresa). Le stanno chiedendo di passare dalla parte del torto e di scatenare così una Terza Guerra Mondiale, combattuta con armi termonucleari. Follia allo stato puro!

E per che cosa la Russia dovrebbe dichiarare guerra alla Turchia ed alla Nato? Per salvare il culo alle YPG, i più grandi voltagabbana e banderuole di questa guerra in Siria, meretrici politiche che si sono alleate e poi hanno combattuto contro tutte le forze in campo! YPG che, ricordiamolo, sono state, in passato, in perfetta sintonia anche con le FSA terroriste, che ora sostengono l'invasione di Erdogan. 

Ma il crimine più grave che non potrà mai essere perdonato alle milizie curde, è quello di aver accettato di diventare truppe cammellate dello Zio Sam, di aver permesso agli Usa di penetrare illegalmente il territorio sovrano della Siria. E' grazie alle YPG che gli Stati Uniti hanno realizzato nel Rojava almeno 20 (venti!!!) basi ed installazioni militari. Fa benissimo la Russia a non fidarsi di loro. 
La verità è che ciò che sta accadendo nel nord della Siria è proprio colpa dell'opportunismo e del dilettantismo della dirigenza curda, che pensava di poter giocare (con niente in mano) su diversi tavoli e di trovare supporto per la sua causa "confederalista" da parte dei governanti Usa, israeliani e sauditi a cui stringeva le mani insanguinate. Dove sono ora Trump, i petrodollari e i sionisti amici del "Kurdistan"? Cosa dicono dell'aggressione di Erdogan? Nulla. Tacciono ed acconsentono.

Le YPG sono state utilizzate e poi abbandonate al loro destino. Ed ora a pagare un prezzo altissimo è la minoranza curda della Siria. 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti