/ Andre Vltchek - Guerra commerciale USA-Cina? Non c'è via d'uscita...

Andre Vltchek - Guerra commerciale USA-Cina? Non c'è via d'uscita. Solo la sconfitta del turbo-capitalismo

 


di Andre Vltchek
 

In questi giorni è molto popolare parlare e scrivere della "guerra commerciale" tra gli Stati Uniti e la Cina. Ma c'è davvero uno scontro? Oppure ciò a cui stiamo assistendo è semplicemente uno scontro di sistemi politici e ideologici: uno è estremamente riuscito e ottimista, l'altro deprimente, pieno di oscuro cinismo e nichilismo?

 

In passato, l’Occidente produceva quasi tutto. Mentre colonizzava l'intero pianeta (si dovrebbe solo guardare la mappa del globo, tra le due guerre mondiali), l'Europa e in seguito gli Stati Uniti, il Canada e l'Australia, hanno continuato a saccheggiare tutti i continenti di risorse naturali, trattenendo centinaia di milioni di esseri umani in quello che potrebbe essere facilmente descritto come "lavoro forzato", spesso al limite della schiavitù.

 

In tali condizioni, era molto facile essere il "numero uno", regnare senza concorrenza e lanciare enormi quantità di denaro, al solo scopo di indottrinare i "soggetti" locali e d'oltremare su argomenti come la "gloria" di capitalismo, colonialismo (aperto e nascosto) e "democrazia" in stile occidentale.

 

È essenziale sottolineare che nel recente passato la dittatura occidentale globale (e che includeva il "sistema economico") non aveva assolutamente alcuna concorrenza. I sistemi che sono stati creati per sfidarlo, sono stati distrutti con i metodi più brutali e sadici. Basti ricordare le invasioni dall'Occidente alla giovane Unione Sovietica, con conseguente genocidio e carestie. O altri genocidi in Indocina, che stava combattendo le sue guerre per l'indipendenza, prima contro la Francia, poi contro gli Stati Uniti.

 

*

 

I tempi sono cambiati. Ma le tattiche occidentali no.

 

Ora ci sono molti nuovi sistemi, in numerosi angoli del mondo. Questi sistemi, alcuni comunisti, altri socialisti o persino populisti, sono pronti a difendere i loro cittadini e ad usare le risorse naturali per nutrire le persone, educare, ospitare e curare.

 

Non importa quanto siano popolari questi sistemi in patria, l'Occidente trova il modo di demonizzarli, usando il suo consolidato meccanismo di propaganda. In primo luogo, spalmarli e poi, se resistono, li liquidano direttamente.

 

Come prima, durante l'era coloniale, nessuna competizione è consentita. La disobbedienza è punibile con la morte.

 

Naturalmente, il sistema occidentale non è stato costruito solo su eccellenza, duro lavoro e creatività. È stato costruito sulla paura, l'oppressione e la forza brutale. Per secoli, è stato chiaramente un monopolio.

 

*

 

Solo i paesi più difficili, come Russia, Cina, Iran, Corea del Nord o Cuba, sono riusciti a sopravvivere, difendendo le proprie culture e facendo avanzare le loro filosofie.

 

Per l'Occidente, la Cina ha dimostrato di essere un avversario estremamente duro.

 

Con il suo sistema politico, economico e sociale, è riuscito a costruire una società lungimirante, ottimista e straordinariamente produttiva. La sua ricerca scientifica non è seconda a nessuno. La sua cultura è fiorente. Insieme al suo più stretto alleato, la Russia, la Cina eccelle in molti campi essenziali.

 

Questo è esattamente ciò che irrita, persino inorridisce l'Occidente.

 

Per decenni e secoli, l'Europa e gli Stati Uniti non sono stati pronti a tollerare nessun paese importante, che avrebbe stabilito le proprie regole e I propri obiettivi.

 

La Cina rifiuta di accettare il diktat dall'estero. Ora sembra essere autosufficiente, ideologicamente, politicamente, economicamente e intellettualmente. Dove non è completamente autosufficiente, può fare affidamento sui suoi amici e alleati. Questi alleati si trovano sempre più al di fuori della sfera occidentale.

 

*

 

La Cina è davvero in competizione con l'Occidente? Sì e no. E spesso non consapevolmente.

 

È un gigante; ancora la nazione più popolosa della terra. Sta costruendo, con determinazione, la sua patria socialista (applicando il modello del "socialismo con le caratteristiche cinesi"). Sta cercando di costruire un sistema globale che ha radici nelle migliaia di anni della sua storia (BRI - Belt and Road Initiative, spesso soprannominata la "Nuova via della seta").

 

La sua popolazione di grande talento e laboriosa, nonché una popolazione sempre più istruita, sta producendo, a un ritmo più elevato e spesso con una qualità superiore rispetto ai paesi in Europa o negli Stati Uniti. Come produce, commercia anche, naturalmente.

 

È qui che sorge il "problema". L'Occidente, in particolare gli Stati Uniti, non è abituato a un paese che crea cose per il bene e il beneficio della sua gente. Per secoli, ai popoli asiatici, africani e latinoamericani è stato ordinato cosa e come produrre, dove e per quanto vendere i prodotti. O altro!

 

Certo, l'Occidente non ha mai consultato nessuno. Ha prodotto ciò che desiderava (e le sue società). Stava costringendo i paesi di tutto il mondo ad acquistare i suoi prodotti. Se si rifiutavano, venivano invasi, o i loro fragili governi (spesso semi-colonie, comunque) rovesciati.

 

La cosa più "terribile" che la Cina sta facendo è: sta producendo ciò che è buono per la Cina e per i suoi cittadini.

 

Cioè, agli occhi dell'Occidente, imperdonabile!

 

*

 

Nel processo, la Cina "compete". Ma abbastanza: produce molto, a buon mercato e sempre meglio. Lo stesso si può dire della Russia.

 

Questi due paesi non competono in modo dannoso. Se decidessero di farlo, potrebbero sprofondare l'economia americana, o forse l'economia di tutto l'Occidente, entro una settimana.

 

Ma non ci pensano nemmeno.

 

Tuttavia, come detto sopra, lavorare sodo, inventare nuovi e migliori prodotti, far progredire la ricerca scientifica e utilizzare i guadagni per migliorare la vita della gente comune (entro la fine del 2020 non saranno considerati in condizioni di estrema povertà in Cina) l'arci-crimine agli occhi di Londra e Washington.

 

Perché? Perché i sistemi cinese e russo sembrano essere molto migliori, o almeno semplicemente migliori, di quelli che stanno regnando in Occidente e nelle sue colonie. E perché stanno lavorando per il popolo, non per le corporazioni o per i poteri coloniali.

 

E i demagoghi in Occidente - nei suoi media e nelle università - sono inorriditi dal fatto che forse presto il mondo si sveglierà e vedrà la realtà.

Che in realtà sta già accadendo: lentamente ma sicuramente.

 

*

 

Descrivere la Cina come un paese malvagio, è essenziale per l'egemonia dell'Occidente. Non c'è niente di così terrificante per Londra e Washington come la combinazione di queste parole: "socialismo / comunismo, asiatico, successo". L'Occidente inventa nuovi "movimenti di opposizione", poi li sostiene e li finanzia, proprio per poi puntare le dita e abbaiare: "La Cina sta combattendo, e sta violando i diritti umani", quando difende se stessa e i suoi cittadini . Questa tattica è chiara, proprio ora, sia nel nord-ovest del paese, sia a Honk Kong.

 

Non tutto ciò che la Cina costruisce è eccellente. L'Europa sta ancora producendo auto, scarpe e profumi migliori e, negli Stati Uniti, aeroplani migliori. Ma i progressi registrati dalla Cina negli ultimi due decenni sono notevoli. se fosse calcio, è China 2: West 1.

 

Molto probabilmente, a meno che non ci sia una vera guerra, in dieci anni la Cina raggiungerà l’occidente in molti altri campi e lo supererà. Accanto alla Russia.

 

Sarebbe potuta essere un'ottima notizia per tutto il mondo. La Cina sta condividendo i suoi risultati, anche con il più povero dei paesi poveri dell'Africa, o con il Laos in Asia.

 

L'unico problema è che l'Occidente sente di dover governare. È non pentito, osservando il mondo da una visione chiaramente fondamentalista. Non può farne a meno: è assolutamente, religiosamente convinto di dover dare ordini a ogni uomo e donna, in ogni angolo del globo.

 

È un segno di fanatismo. Chiunque viaggi ultimamemnte in Europa o negli Stati Uniti lo testimonierà: ciò che sta accadendo lì non è buono, nemmeno per i cittadini comuni. I governi e le società occidentali stanno derubando persino i propri cittadini. Il tenore di vita è l'immersione dal naso.

 

La Cina, con solo una piccola parte della ricchezza, sta costruendo una società molto più egualitaria, anche se non lo indovineresti mai, se ti affidassi esclusivamente alle statistiche occidentali.

 

*

 

Quindi, gli slogan di "guerra commerciale" sono un tentativo di convincere il pubblico locale e globale che "la Cina è ingiusta", che sta "sfruttando" l'Occidente. Il presidente Trump sta "difendendo" gli Stati Uniti contro i "Commies" cinesi. Ma più "li difende", più poveri diventano. Strano, vero?

 

Mentre i cinesi, i russi, persino i laotiani, stanno diventando "miracolosamente" sempre più ricchi. Stanno diventando sempre più ottimisti.

 

Per decenni, l'Occidente era solito predicare il "libero scambio" e la concorrenza. Cioè, quando era in carica, o diciamo, "l'unico bambino del blocco".

 

In nome della concorrenza e del libero commercio, dozzine di governi sono stati rovesciati e milioni di persone uccise.

 

E adesso?

 

Cosa dovrebbe fare la Cina? Francamente, cosa?

 

Dovrebbe frenare la sua produzione o forse chiudere laboratori scientifici? Deve consultare il presidente degli Stati Uniti o forse il primo ministro britannico, prima di prendere qualsiasi decisione economica essenziale? Dovrebbe controllare il tasso di cambio di RMB, secondo i desideri degli zar economici di Washington? Sarebbe del tutto ridicolo, considerando che la Cina (socialista / comunista) diventerà presto la più grande economia del mondo, o forse lo è già.

 

C'è tutto quel discorso astratto, ma nulla di concreto viene suggerito. O è così apposta?

 

Potrebbe essere che l'Occidente non voglia migliorare le relazioni con Pechino?

 

Il 7 settembre 2019, AP ha riferito:

Il consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow ha confrontato i colloqui commerciali con la Cina venerdì con la situazione di stallo degli Stati Uniti con la Russia durante la guerra fredda ...

 

"La posta in gioco è così alta, dobbiamo farlo bene, e se ciò richiede un decennio, così sia", ha detto.

 

Kudlow ha sottolineato che gli Stati Uniti hanno impiegato decenni per ottenere i risultati desiderati con la Russia. Ha notato che ha lavorato nell'amministrazione Reagan: "Ricordo il presidente Reagan che stava conducendo una lotta simile contro l'Unione Sovietica".

 

Precisamente! La guerra contro l'Unione Sovietica non fu certo una guerra per la sopravvivenza economica degli Stati Uniti. Fu una battaglia ideologica, che gli Stati Uniti, purtroppo, vinsero, poiché utilizzava sia la propaganda che il terrore economico (la corsa agli armamenti e altri mezzi).

 

Ora la Cina è la prossima nella lista e la Casa Bianca non sta nemmeno cercando di nasconderla.

 

Ma la Cina è esperta. Sta iniziando a capire il gioco. Ed è pronto, in ogni caso, a difendere il sistema che ha tirato fuori quasi tutti i cittadini dalla miseria e che un giorno potrebbe fare lo stesso per il resto del mondo.

 

*

 

[First published by NEO – New Eastern Outlook – a journal of the Russian Academy of Sciences]

 

Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Four of his latest books are China and Ecological Civilization with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa