/ Andre Vltchek - Solo la Cina può salvare Hong Kong dai suoi fanta...

Andre Vltchek - Solo la Cina può salvare Hong Kong dai suoi fantasmi coloniali

 
 
Testo e foto: Andre Vltchek
 
 
Hong Kong sta perdendo terreno nella Cina continentale. I suoi tassi di povertà sono alti, soffre di corruzione e capitalismo selvaggio. Ora è la città più costosa della terra. Le persone sono frustrate, ma paradossalmente stanno accusando Pechino socialista per i loro problemi, anziché l'eredità del colonialismo britannico. "Dall'altra parte della linea", Shenzhen, Shanghai, Pechino, Xiang e altre città si stanno lasciando alle spalle Hong Kong in quasi tutti i campi.
 
*
 
Quando il mio caro amico e un grande pianista di concerti di Pechino, Yuan Sheng, viveva a New York, registrando, tenendo concerti e insegnando alla prestigiosa Manhattan School of Music, mi disse che piangeva di notte: “Negli Stati Uniti Stati, imbrattano la Cina. Mi sono sentito ferito, indifeso ”.

Ritornò a Pechino, restituì la sua carta verde e iniziò a insegnare al Conservatorio di Pechino. Non si è mai pentito della sua decisione. "Pechino è molto più eccitante di New York, in questi giorni", mi ha detto.
 
È ovvio che Pechino è in forte espansione: intellettualmente, artisticamente; in effetti, in tutti i campi della vita.
 
L'amica di Yuan, tornata da Londra e diventata curatrice dell'iconico "Big Egg" (il più grande teatro dell'opera al mondo), ha condiviso i suoi pensieri con me:
 
“Ero seduto a Londra, frustrato, sognando tutti quei grandi musicisti, in tutto il mondo. Ora vengono da me. Tutti vogliono esibirsi a Pechino. Questa città può farti o spezzarti. Senza essere iperbolico, questo è ora uno dei luoghi più importanti della terra. Proprio sotto lo stesso tetto, in una sola notte, possiamo avere una compagnia d'opera russa esibirsi nelle nostre grandi sale, in un'altra c'è un'opera cinese e un gruppo folcloristico boliviano in una sala per concerti. E questo è solo uno dei teatri di Pechino ".
 
Quando gli artisti e i pensatori cinesi lottano per l'apice con le loro controparti occidentali, di solito sono Pechino, Shanghai e Shenzhen, "contro" Londra, Parigi e New York. Hong Kong è "da qualche parte", alle spalle, improvvisamente un ristagno.
 
Mentre l'Università di Hong Kong e la City University di Hong Kong erano le migliori in Cina, molte istituzioni continentali di istruzione superiore, tra cui l'Università di Pechino e Tsinghua, stanno ora producendo molti più pensatori creativi all'avanguardia. Ho parlato in tutte queste scuole e posso confermare che i giovani di Pechino e Shanghai sono estremamente laboriosi, infinitamente curiosi, mentre a Hong Kong c'è sempre quell'aria lievemente arrogante di eccezionale, e mancanza di disciplina.
 
In passato le cosiddette "tartarughe marine" (studenti che andavano all'estero e ad Hong Kong, per poi tornare nella Cina continentale), venivano trattate come celebrità, ma ora è molto più facile trovare lavoro con la terraferma Diplomi cinesi.
 


Di recente, durante le riprese delle rivolte di Hong Kong, mi è stato detto da un addetto alla reception in uno dei principali centri commerciali:
 
“Non trattiamo bene i visitatori dalla Cina continentale. E hanno perso interesse per Hong Kong. Prima venivano qui, per ammirare la ricchezza. Ora, molti di loro stanno evitando questo posto. Ciò che abbiamo, anche loro, e spesso meglio. Se viaggiano, preferiscono andare a Bangkok o Parigi. "
 
In questi giorni, il contrasto tra Xiang, Shanghai, Pechino e Hong Kong è scioccante. Le infrastrutture della terraferma sono incomparabilmente migliori. Le aree pubbliche sono vaste e la vita culturale è molto più avanzata di quella di una ex colonia britannica.
 
Mentre le città della Cina continentale non hanno quasi la povertà estrema (e entro la fine del 2020 non avranno zero), a Hong Kong almeno il 20% è povero e molti semplicemente non possono permettersi di vivere nella propria città. Hong Kong è il posto più costoso della terra. Solo parcheggiare un'auto potrebbe costare facilmente oltre $ 700 al mese, per sole ore lavorative. Piccoli appartamenti costano oltre un milione di dollari. Gli stipendi di Hong Kong, tuttavia, non sono superiori a quelli di Londra, Parigi o Tokyo.
 
La città è gestita da un sistema capitalista estremo, "pianificato" da magnati / sviluppatori corrotti. Il sistema giuridico britannico obsoleto qui è chiaramente orientato a proteggere i ricchi, non la maggioranza. Questo è stato essenzialmente il motivo per cui è stata proposta la "legge di estradizione": proteggere gli abitanti di Hong Kong dai sovrani sfrenati, intoccabili e non eletti di fatto.
 
Ma c'è questo "accordo", negoziato prima che Hong Kong venisse restituita al suo posto, ovvero alla Cina. "Un paese, due sistemi". È un ottimo contratto per i magnati turbo-capitalisti e per gli "attivisti" filo-occidentali. Ed è estremamente negativo per la gente media di Hong Kong. Pertanto, dopo mesi di rivolte sponsorizzate dall'Occidente, l'amministrazione di Hong Kong ha fatto il conto.
 
*
 
I giovani teppisti sanno molto poco della loro città. Ho parlato con loro, ampiamente, durante le loro prime rivolte anti-Pechino nel 2014 (la cosiddetta "Rivoluzione degli Ombrelli").
 
Correttamente, allora e ora sono stati frustrati dal declino del tenore di vita, dalle difficoltà a trovare un lavoro ben retribuito e a trovare alloggi a prezzi accessibili. Mi hanno detto che "non c'è futuro per loro" e che "le loro vite non vanno da nessuna parte".



 
Ma rapidamente, la loro logica è crollata. Pur comprendendo quali enormi progressi, l'ottimismo e lo zelo si osservano nella Repubblica popolare cinese, sotto la guida del Partito comunista, hanno comunque richiesto più capitalismo, che in realtà sta rovinando il loro territorio. Nel 2014 e ora stanno insultando il Partito Comunista.
 


Essendo cresciuti sui valori superficiali dell'egoismo, ora sono traditi nel loro stesso paese e hanno iniziato campagne, sollecitando le potenze straniere, tra cui Stati Uniti e Regno Unito, a "liberarli". Tutto solo per un fugace momento di fama, per una "rivolta di selfie".
 
Per liberare da chi? La Cina, purtroppo per Hong Kong, non interferisce negli affari economici e sociali di Hong Kong. Semmai, costruisce nuove infrastrutture, come un enorme ponte che ora collega Hong Kong con Macao (una ex colonia portoghese) e un sistema di treni ad alta velocità, che collega Hong Kong con diverse città della Cina continentale.
 
Più frenano gli spettacoli di Pechino, più viene condannato dai rivoltosi e dai media occidentali, per "brutalità". Altre stazioni della metropolitana e proprietà pubbliche vengono distrutte dai rivoltosi, più flussi di simpatie per loro dai politici di destra tedeschi, statunitensi e britannici.
 
*
 
Per decenni, i colonialisti britannici hanno umiliato la gente di Hong Kong, trasformando contemporaneamente la loro città in una megalopoli brutale, e per gli standard asiatici, spietata e completamente orientata al business.
Ora le persone sono confuse e frustrate. Molti si chiedono, chi sono veramente?
 
Per Hong Kong, questo è un momento difficile della ricerca dell'anima.
 


Anche coloro che vogliono "tornare nel Regno Unito", difficilmente parlano inglese. Alla domanda "perché si ribellano", borbottano qualcosa sulla "democrazia" e sulla "libertà" in Occidente, oltre alla "malvagità di Pechino". Vengono distribuiti opuscoli di alcuni culti religiosi giapponesi oscuri ed estremisti. È un grande caos intellettuale. I rivoltosi non sanno nulla di Siria, Afghanistan, Venezuela, paesi che vengono rovinati dall'Occidente.
 
Leader come Joshua Wong sono orgogliosamente in collusione con le ambasciate occidentali. Lodare pubblicamente il socialismo cinese è ora pericoloso: le persone vengono picchiate dai rivoltosi "democratici", per tali "crimini".
 
Singapore altamente istruita ed educata sta letteralmente succhiando centinaia di compagnie straniere da Hong Kong. La sua gente parla inglese e mandarino. A Hong Kong, la grande maggioranza parla solo cantonese. Molti stranieri si stanno trasferendo anche a Shanghai. Non solo grandi aziende: Shanghai è ora piena di camerieri europei.
 
Anche il turismo è in calo a Hong Kong, del 40%, secondo i dati recenti.
 


Assurdo: i rivoltosi vogliono esattamente ciò che il Partito comunista cinese sta fornendo: vogliono una vera lotta contro la corruzione, nonché un deciso tentativo di risolvere le crisi abitative, creare nuovi posti di lavoro e fornire più servizi pubblici. Vogliono una migliore istruzione e una vita generalmente migliore. Vogliono "Shanghai o Pechino", ma dicono che vogliono essere una colonia del Regno Unito o una dipendenza degli Stati Uniti.
 
Definiscono vagamente obiettivi comunisti e poi gridano di essere contro il comunismo.
 


*
 
La Cina è ora pronta per celebrare il suo settantesimo anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese.
 
Chiaramente, l'Occidente sta usando Hong Kong per rovinare questo grande momento.
 
Dopo aver lasciato Hong Kong, a Shanghai, ho visitato una brillante mostra di realismo socialista presso l'iconico e monumentale China Art Museum. Il paese sotto la guida del presidente Xi è di nuovo fiducioso, rivoluzionario e sempre più socialista; all'orrore del declino dell'Occidente. È una nazione orgogliosa con città grandi ed eleganti costruite dal popolo, per il popolo e con una campagna progressivamente ecologica. I suoi risultati scientifici, intellettuali e sociali parlano più delle parole.
 
Il contrasto tra Hong Kong e Shanghai è enorme e in crescita.
 
Ma non fraintendetemi: mi piace Hong Kong. Ho più di 20 anni di storia con quella signora anziana, nevrotica e viziata. Sento il suo polso. Adoro i vecchi tram e traghetti e le isole fuori mano.
 
Ma il fascino di Hong Kong sta nel suo decadimento.



 
La bellezza della Cina continentale è fresca. La Cina è una delle culture più antiche della terra, una delle più profonde. Ma è nitido, pieno di speranza ed energia positiva. Insieme al suo più stretto alleato, la Russia, ora lavora e combatte per il mondo intero; non è egoista.
 
Hong Kong sta combattendo solo per la sua unicità vagamente definita. In realtà, non è Hong Kong che sta combattendo, poiché la maggior parte delle persone lì vogliono essere dove appartengono veramente - nella loro amata nazione - la Cina. È una banda di bambini con le loro maschere.
 
*
 
Hong Kong non ha "Big Egg"; nessun teatro famoso in cui i più grandi musicisti stordiscono il mondo. Il suo unico museo d'arte è chiuso per ricostruzione, da anni, e riaprirà solo alla fine del 2019. La sua vita culturale è superficiale, persino ridicola, per il luogo che si sta marchiando come la "Città del mondo dell'Asia". Non ci sono grandi scoperte fatte qui. Sono tutti affari. Grandi, grandi affari. E decadimento strisciante.
 
Pechino potrebbe "liberare" Hong Kong, facilmente; per dargli uno scopo, un orgoglio e un futuro.
 
Ma i giovani teppisti vogliono essere liberati da Washington, invece. Vogliono essere ricolonizzati da Londra. E non consultano i loro concittadini. Ciò riflette chiaramente la loro idea di "democrazia". Non la "regola del popolo", ma la "regola dell'Occidente".
 
Non solo provano disprezzo per il loro paese, ma disprezzano e intimidiscono anche i loro concittadini che vogliono semplicemente avere una vita significativa, basata sui valori cinesi.
 

 
*
 
Traduzione de l'AntiDiplomatico

[First published by NEO – New Eastern Outlook – A journal of Russian Academy of Sciences]
 
Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Four of his latest books are China and Ecological Civilization with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa