/ Ankara: il sostegno di Damasco ai curdi è una dichiarazione di gu...

Ankara: il sostegno di Damasco ai curdi è una dichiarazione di guerra

 

Il passo avanti dell'esercito siriano per proteggere i curdi porterà a "una dichiarazione di guerra" per la Turchia, afferma un alto funzionario turco.


In un'intervista rilasciata ieri all'agenzia di stampa russa Sputnik, Yasin Aktay, consigliere del presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha sottolineato che l'esercito arabo siriano "dovrà affrontare una risposta dura" se entrerà nelle aree nord-orientali del paese, controllata da Milizie curde - che sono sotto i bombardamenti della Turchia dallo scorso 9 ottobre.
 
"Se il governo siriano vuole entrare a Manbij, Kobani, Qamishli per proteggere le Unità di protezione popolare (YPG), considereremo il fatto come una dichiarazione di guerra contro la Turchia", ha avvertito.
 
Secondo Aktay, se Damasco si impegna a garantire che queste milizie - che sono nella lista nera di Ankara - non opereranno nelle aree di confine con la Turchia, allora il paese eurasiatico cambierà posizione e accetterà proposte per risolvere la crisi.
 
Il suddetto consigliere ha anche affermato che le truppe turche e altre forze straniere lasceranno la Siria dopo l'istituzione di pace e sicurezza in tutto il territorio arabo.
Ankara ha concordato con Washington di creare una zona sicura di 444 chilometri dominata dalle truppe turche al confine siriano, ha ricordato.
 
“L'Eufrate orientale, in particolare le province di Raqqa e Deir Ezzor, che sono state discusse con gli Stati Uniti, saranno pienamente incluse nella zona sicura e siamo riusciti a raggiungere una comprensione reciproca su questo tema. L'accordo raggiunto con gli americani è chiaro, le forze armate turche eserciteranno il controllo sulla zona sicura, ma la sua profondità e estensione saranno determinate dalla Turchia", ha ribadito.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa