Argentina, Alberto Fernandez: "Fare parte dei BRICS ci rafforza"

Argentina, Alberto Fernandez: "Fare parte dei BRICS ci rafforza"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La giornata di oggi ha segnato l’ingresso di nuovi paesi nel gruppo dei paesi emergenti conosciuto come BRICS. Un blocco che sempre più si configura come il fulcro del nuovo mondo multipolare in costruzione. Tra i nuovi ‘ammessi’ nel blocco abbiamo l’Argentina. Il presidente Alberto Fernandez in diretta nazionale ha confermato l’ingresso del paese nel blocco e ha evidenziato come il gruppo attualmente rappresenti oltre un quarto del PIL mondiale. Continuiamo a rafforzare relazioni fruttuose, autonome e diversificate con altri paesi del mondo", ha affermato, come riporta il quotidiano Pagina|12.

"Saremo protagonisti di un destino comune in un blocco che rappresenta più del 40% della popolazione mondiale", ha detto il presidente in un messaggio registrato da Quinta de Olivos (residenza ufficiale del presidente dell’Argentina) e ha assicurato: "Il nostro ingresso nei BRICS è un obiettivo coerente con la ricerca di proiettare il nostro Paese come interlocutore chiave e potenziale articolatore di consenso in collaborazione con altre nazioni".

Fernández ha aggiunto che “l’Argentina era, è e sarà un paese integrazionista. È politica dello Stato ricercare l'integrazione". Inoltre, ha sottolineato che "far parte dei BRICS ci rafforza e non esclude altre istanze di integrazione, e ancor meno l'orgogliosa adesione dell'Argentina al sistema multilaterale delle Nazioni Unite".

"Vogliamo far parte dei BRICS perché il difficile contesto globale conferisce al blocco una rilevanza singolare e lo rende un importante punto di riferimento geopolitico e finanziario, anche se non l'unico, in questo mondo in via di sviluppo", ha insistito.

"Abbiamo iniziato il processo di adesione ai BRICS nella convinzione che fosse una piattaforma politica ed economica necessaria di fronte a un mondo instabile e ingiusto, dove i paesi con economie emergenti richiedono livelli più elevati di integrazione", ha spiegato Alberto Fernández.

"Fare parte dei BRICS significa far parte di un blocco che rappresenta attualmente il 24% del PIL mondiale, il 16% delle esportazioni e il 15% delle importazioni mondiali di beni e servizi".

"La nostra intenzione nasce dai nostri interessi nazionali: aumentare la capacità delle nostre esportazioni verso i paesi membri e rafforzare le nostre opportunità commerciali con i paesi che mantengono relazioni di secondo ordine con i paesi membri dei BRICS”, ha sottolineato il leader peronista.

Fernández ha assicurato che l'adesione al gruppo delle economie emergenti che compongono Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa rappresenta "una nuova opportunità" per il Paese.

"Vogliamo approfittarne per il bene degli argentini, e soprattutto di quelli che ne hanno più bisogno. È il cuore della nostra politica estera, proiezione nel mondo di un popolo pacifico, amichevole, realista e dignitoso".

Nel suo messaggio, il Presidente ha anche ricordato che i paesi membri del blocco sostengono l'Argentina nella rivendicazione della sovranità sulle Isole Malvinas.

"Non è una questione secondaria, inoltre, sottolineare che la pretesa argentina di risolvere la disputa di sovranità della questione delle Malvinas ha in questo forum paesi che accompagnano una soluzione pacifica e negoziata, come previsto da diverse risoluzioni dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite", ha detto Fernández.

Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica compongono questo blocco economico-commerciale che compete con Stati Uniti ed Europa. L'incontro tenutosi in questi giorni a Johannesburg ha definito, dopo lunghe discussioni interne, l'incorporazione di nuovi Paesi.

Sono 67 le nazioni che hanno presentato domanda di adesione e il blocco, per il momento, ha acconsentito all'ingresso dell'Argentina insieme ad Arabia Saudita, Egitto, Etiopia, Emirati Arabi Uniti e Iran.

I BRICS hanno il potenziale per cambiare le relazioni internazionali e, soprattutto, le relazioni commerciali in istituzioni come l’OMC e il FMI. Per quanto riguarda l’America Latina, che adesso vede incorporate nel blocco le due nazioni più grandi, ha uno strumento molto potente ed efficace attraverso cui difendersi dagli attacchi dell’egemone del nord, gli Stati Uniti, che hanno l’obiettivo di appropriarsi delle vaste risorse latinoamericane come acqua, terreni agricoli e idrocarburi. E soprattutto controllare l'Atlantico meridionale, uno degli spazi marittimi più importanti sulla rotta del petrolio dal Medio Oriente agli Stati Uniti, che a sua volta passa attraverso il Sud Africa e Brasile prima di raggiungere i Caraibi. 

Il mondo cambia velocemente e l’egemonia occidentale sembra davvero giunta al capolinea. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti