Argentina: massiccio sciopero generale contro il neoliberismo selvaggio di Milei

Argentina: massiccio sciopero generale contro il neoliberismo selvaggio di Milei

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Confederazione Generale del Lavoro (CGT) dell'Argentina ha portato a compimento questo mercoledì una massiccia mobilitazione al Congresso di Buenos Aires, con una cerimonia di chiusura nel quadro dello sciopero generale e nazionale contro il “decreto” del presidente Javier Milei.

I massimi dirigenti dei principali sindacati hanno tenuto un discorso davanti alla folla che ha riempito la Piazza del Congresso, e la protesta si è conclusa con la lettura di un documento che avverte il Governo che non accetterà la perdita dei diritti dei lavoratori contenuta nel Decreto di Necessità e Urgenza (DNU), emesso a dicembre dal governo ultraliberista di Javier Milei.

"Oggi vediamo come il governo cerca di rompere il contratto sociale attraverso politiche e riforme che cercano solo di cancellare i diritti e le conquiste del popolo argentino. Riaffermiamo la nostra convinzione sull'importanza del dialogo sociale come unico strumento per crescere con equità, e che ci permetta di sviluppare una strategia sostenibile per raggiungere sviluppo, produzione e lavoro dignitoso, con giustizia sociale".

Nella dichiarazione intitolata "In difesa dei diritti civili, sociali e lavorativi della nostra nazione", la CGT ha elencato una serie di contraccolpi che si verificherebbero in materia economica e lavorativa se la DNU e la cosiddetta "legge omnibus", presentate dall'Esecutivo per deregolamentare l'economia e ridurre l'intervento statale, fossero approvate.

Oltre alla CGT, hanno partecipato, tra gli altri, la Centrale Operaia dell'Argentina (CTA), organizzazioni sociali e politiche della sinistra e del peronismo, movimenti per i diritti umani.

La protesta annunciata dalle centrali sindacali, con epicentro nella capitale Buenos Aires e un evento davanti al Congresso Nazionale, ha avuto repliche in altri centri urbani del paese sudamericano come Córdoba, Rosario, Mendoza, San Salvador de Jujuy, Ushuaia, Mar del Plata, San Carlos de Bariloche, San Luis e Posadas, come riferito dall’agenzia di stampa Telam.

Il quotidiano Pagina|12 ha definito la giornata di protesta contro il fanatismo neoliberista di Milei come storica e sorprendente. Una manifestazione guidata dallo slogan “la Patria non è in vendita”.

"L'Argentina non rinuncia alla giustizia sociale", hanno scandito insieme ai manifestanti le Madri di di Plaza de Mayo, che hanno definito anch’esse “storica” la protesta di massa contro il neoliberismo selvaggio di Milei che minaccia di gettare l’Argentina nel caos. 

 

-------------------

SCOPRI "LA VOCE DELLA PALESTINA": L'OFFERTA IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q


 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti