Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giacomo Gabellini per l'AntiDiplomatico

 

Tra il 21 e il 24 aprile, Camera e Senato statunitensi hanno approvato il piano di sostegno collettivo predisposto dall’amministrazione Biden, la quale ha specificato che i pacchetti «assicureranno un sostegno fondamentale a Israele e all’Ucraina; forniranno aiuti umanitari disperatamente necessari a Gaza, Sudan, Haiti e altre località […] e rafforzeranno la sicurezza e la stabilità nella regione dell’Indo-Pacifico». Dei 95 miliardi di dollari previsti complessivamente dal programma, ben 26,4 sono stati destinati all’Israel Security Supplemental Appropriations Act, e più specificamente al potenziamento dei sistemi di difesa aerea Iron Dome, Iron Beam e David’s Sling (5,2 miliardi), alla consegna di armi e munizioni (3,5 miliardi), alla ricostituzione delle riserve militari intaccate per effetto dei trasferimenti a Israele (4,4 miliardi) e alla concessione di aiuti umanitari alla popolazione palestinese (9 miliardi). In altri termini, gli Stati Uniti si adoperano per alleviare le terribili condizioni di vita della popolazione palestinese prodotte dalla campagna bellica israeliana portata avanti grazie al sostegno militare e politico statunitense.

A poco più di una settimana di distanza, il sempre ben informato Barak Ravid ha scritto su «Axios» che, stando alle confidenze rese da due anonimi funzionari israeliani, l’amministrazione Biden aveva ordinato la sospensione di una fornitura di munizioni destinata a Israele.

L’iniziativa rappresenta il primo segnale di discontinuità rispetto alla condotta tenuta dagli Stati Uniti a partire dai fatti di sangue del 7 ottobre, e ha prevedibilmente suscitato grande inquietudine in seno al gabinetto di guerra israeliano.

Dal canto suo, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha dichiarato nel corso di un’audizione al Congresso che gli Stati Uniti stanno prendendo seriamente in esame la possibilità di sospendere completamente le consegne di armi e munizionamento destinati a Israele a causa dell’operazione militare che l’Israeli Defense Forsce sta portando avanti presso la città di Rafah. «Stiamo riesaminando – ha spiegato Austin – una spedizione di armi che doveva essere trasferita a Israele, nel contesto degli eventi che stanno verificandosi a Rafah. Non abbiamo preso alcuna decisione finale. Abbiamo ritardato la spedizione, e chiarito la nostra contrarietà all’azione israeliana a Rafah che non tiene conto della sicurezza dei cittadini palestinesi nella città. Abbiamo bloccato una spedizione di armi e abbiamo comunicato a Israele cosa ci aspettiamo che facciano prima dell’operazione a Rafah. Non abbiamo preso una decisione definitiva su cosa fare con questa spedizione di armi».

Un pronunciamento paradossale, tenuto conto che le operazioni militari condotte da Israele nella Striscia di Gaza, responsabili della morte di oltre 35.000 vittime civili, sono state sostenute delle consegne di armi e munizioni assicurate dagli stessi Stati Uniti che oggi lamentano che «l’azione israeliana a Rafah non tiene conto della sicurezza dei cittadini palestinesi nella città».

Più che delle condizioni di vita dei civili palestinesi residenti all’interno della Striscia di Gaza, l’amministrazione Biden sembra preoccupata dal crescente prezzo politico che comporta l’appoggio acritico nei confronti di Israele. La brutale repressione delle proteste studentesche verificatesi in numerosi campus universitari statunitensi è inesorabilmente destinata a falcidiare la popolarità di Joe Biden, che a pochi mesi dalle elezioni presidenziali rischia concretamente di inimicarsi il favore dei cittadini di origine araba, dei musulmani e dei giovani democratici. Stesso discorso vale per l’irrituale pronunciamento di Biden stesso, il quale ha spiegato nel corso di un’intervista rilasciata alla «Cnn» che molti palestinesi sono morti a causa degli ordigni forniti a Israele dagli Stati Uniti, e che la sua decisione di bloccare la spedizione di oltre 3.000 bombe pesanti nasce dall’esigenza di evitare che queste ultime vengano impiegate a Rafah. La sospensione di una consegna di materiale militare a Israele risulta indubbiamente confacente alla finalità tassativa di placare il risentimento di fette importanti di elettorato in vista del voto di novembre, ma, come ha sottolineato l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite, rischia di «compromettere in modo significativo la capacità di Israele di raggiungere obiettivi militari».

Di qui la decisione dello speaker della Camera Mike Johnson di inviare al presidente Biden una lettera sottoscritta dal leader della minoranza al Senato Mitch McConnell in cui si esprime preoccupazione in merito alla decisione di sospendere le spedizioni di armi e munizioni a Israele e si richiedono chiarimenti entro la fine della settimana.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti